Gli sport dimostrativi più curiosi delle Olimpiadi Invernali

Non le vedrete nel programma di Beijing 2022, ma alcune discipline "bianche" non hanno mancato di imprimere un segno nella storia delle Olimpiadi.

di Sheila Vieira, Virgilio Franchesci Neto
Bandy

Alcuni degli sport più popolari che saranno in programma a Beijing 2022 hanno iniziato il loro viaggio Olimpico in qualità di discipline dimostrative. Sport come il curling e lo short track ce l'hanno fatta e si sono affermati nel programma Olimpico, mentre altri non sono sopravvissuti alla prova del tempo.

Ecco cinque degli sport dimostrativi più curiosi che sono stati presentati alle Olimpiadi Invernali:

Balletto sugli sci

Molti fan del pattinaggio di figura sarebbero sorpresi di sapere che questo sport aveva un lontano parente sulla neve! Il balletto sugli sci è stata una delle tre forme pionieristiche del freestyle, insieme agli ormai consolidati moguls e aerials.

Questo sport dimostrativo ha fatto capolino sia a Calgary 1988 che ad Albertville 1992. Gli sciatori sugli sci presentavano una sequenza di salti e passi di danza su una pista di neve all'aperto – con accompagnamento musicale –, e i giudici li valutavano secondo i loro livelli di performance tecnica e artistica. Gli abiti appariscenti e la colonna sonora pop trasmettevano perfettamente lo spirito ribelle del freestyle.

Tuttavia, il balletto sugli sci non è rimasto nel programma Olimpico. All'inizio del XXI secolo, questo sport si è trasformato in un cammeo divertente della storia degli sport invernali.

Corse con i cani da slitta

Cani alle Olimpiadi? Potete scommetterci. A Lake Placid 1932 le corse con i cani da slitta erano uno sport dimostrativo Olimpico. Questi animali erano originariamente utilizzati come sistema di trasporto in Alaska, prima che la gente scoprisse quanto potesse essere divertente farli correre e così nacque un nuovo sport.

Leionhard Seppala e i suoi corridori siberiani, i cani da slitta Inuit del Nord Ovest, nella prima fotografia della partenza di Amundsen per il Polo Nord, nell'ottobre 1920.

Nella kermesse di Lake Placid, ogni slitta era condottta da un gruppo di sei cani (con un atleta che guidava) su un percorso di 40 km, con la slitta che raggiungeva velocità fino a 30 km/h. Se un cane restava ferito, l'atleta lo portava fino alla fine della gara nella slitta. Emile St. Godard, medaglia d'oro, è l'unico corridore di cani da slitta a essere entrato nella Canadian Sports Hall of Fame.

E se pensate che 40 km siano lunghi, l'annuale Iditarod Trail Sled Dog Race in Alaska è lunga 1.700 km!

Il musher Thomas Bohlmann guida i suoi cani da slitta durante la Pullman City Quest 2010 il 10 gennaio 2010 a Hasselfelde, Germania. La competizione vale come qualificazione per il Campionato europeo.
Foto di 2010 Getty Images

Pattuglia militare

Se il biathlon è uno sport Olimpico affermato lo deve molto al suo "progeniore", la pattuglia militare, che faceva parte del programma ufficiale dei primi Giochi Invernali a Chamonix 1924. In altre tre edizioni (1928, 1936 e 1948), la disciplina fu presente come sport dimostrativo.

La pattuglia militare svizzera medaglia d'oro
Foto di IOC

La pattuglia militare è una combinazione tra sci di fondo e tiro con la carabina (suona familiare?), ma è uno sport di squadra, con quattro atleti, compreso un ufficiale, in ogni pattuglia.

Gli atleti marciavano in gruppo su una distanza di 25 km, indossando tutti un'uniforme militare e zaini da 24 kg. L'elemento del tiro aveva luogo solo alla fine della gara.

Il biathlon sostituì la pattuglia militare a Squaw Valley 1960, e rimane in programma ancora adesso. Fortunatamente, i biatleti di oggi non devono portare uno zaino del peso di un bambino di cinque anni!

Una pattuglia militare ai Giochi Invernali del 1948.
Foto di © 1948 / Comité International Olympique (CIO)

Skijoring equestre

Uno degli sport più strani e meravigliosi della storia Olimpica è lo skijoring equestre, in cui uno sciatore viene trainato lungo un percorso da cavalli. La competizione può svolgersi su una pista ovale o un'altra con ostacoli.

Una fase dello Skijoring, sport dimostrativo alle Olimpiadi Invernali di St. Moritz 1928.

Sport dimostrativo durante le Olimpiadi Invernali di St Moritz 1928, i padroni di casa svizzeri hanno rastrellato il podio.

Oggi, la partecipazione di cavalli alle Olimpiadi è limitata a equitazione e pentathlon moderno nei Giochi estivi.

Bandy

Un ibrido di hockey e calcio, il bandy – noto anche come banty o hockey russo – era uno sport dimostrativo a Oslo 1952. Estremamente popolare in Russia e paesi scandinavi, è considerato da molti come il precursore dell'hockey moderno.

Le principali somiglianze con l'hockey su ghiaccio stanno nel fatto che i giocatori pattinano sul ghiaccio e indossano equipaggiamenti simili, ma nel caso del bandy il bastone è ricurvo. Mentre i portieri non usano la mazza e possono difendere la palla solo con le mani. Ma la più grande differenza tra i due sport è che nel bandy viene usata una palla invece di un disco. Le squadre possono includere fino a 11 giocatori e le partite consistono di due tempi di 45 minuti – come se l'influenza del calcio non fosse abbastanza evidente!

Il calcio e il bandy condividono anche la regola del fuorigioco, e ai giocatori è vietato di pattinare dietro le porte.

A Oslo 1952, Svezia, Norvegia e Finlandia hanno sbancato il podio. E anche se il viaggio Olimpico del bandy è terminato lì, è ancora uno degli sport invernali più praticati al mondo.