I giocatori della NHL potranno partecipare ai Giochi Invernali di Beijing 2022

Grazie a un accordo tra la National Hockey League, l'associazione dei giocatori professionisti corrispondente (NHLPA), e la Federazione Internazionale di Hockey su ghiaccio (IIHF),  le stelle della NHL potranno partecipare alle prossime Olimpiadi Invernali.

di ZK Goh
Foto di 2013 DEREK LEUNG

Dopo mesi di negoziazioni, la Federazione Internazionale di hockey su ghiaccio (IIHF) ha reso ufficiale, nel pomeriggio di oggi, di essere arrivata a un accordo sia con la National Hockey League - la lega professionistica di hockey di Canada e Stati Uniti - che con l’associazione dei giocatori professionisti corrispondente, la NHLPA (NHL Players' Association).

Dopo la mancata partecipazione a PyeongChang 2018, le stelle della NHL potranno finalmente prendere parte ai prossimi Giochi Olimpici Invernali di Beijing 2022.

Quella delle prossime Olimpiadi sará dunque la sesta edizione a cui parteciparenno i tesserati della NHL, la cui prima adesione al torneo Olimpico di hockey su ghiaccio risale a Nagano 1998.

"So che posso parlare a nome degli appassionati di hockey di tutto il mondo quando dico che siamo felici di accogliere la decisione di avere nuovamente ai Giochi Olimpici i migliori tra i migliori giocatori di hockey su ghiaccio” , ha dichiarato il presidente della IIHF, René Fasel, chiosando: "Abbiamo discusso in maniera costruttiva e si è lavorato tanto per arrivare a un accordo nei tempi stabiliti e voglio ringraziare tutte le parti coinvolte, per il loro supporto e impegno".

Quest'accordo rende potenzialmente fattibile il debutto Olimpico di alcune delle grandi stelle della NHL, come il canadese Connor McDavid, il ceco David Pastrnak, il finlandese Sebastian Aho, lo statunitense Auston Matthews, Nikita Kucherov, del ROC, o ancora il tedesco Leon Draisaitl. Per alcuni protagonisti di questo sport, come nel caso di Alexander Ovechkin (ROC), questa potrebbe essere l'ultima partecipazione Olimpica.

Ma ci sarà il veto Covid...

L'accordo in questione mette però NHL e NHLPA nelle condizioni di esercitare con massima flessibilità il diritto a monitorare la situazione pandemia e, nel caso in cui la situazione dovesse peggiorare a causa del Covid, di riservarsi di non inviare i giocatori al torneo.

Hockey su ghiaccio a Beijing 2022: paesi partecipanti, gironi e formato del torneo

Il torneo Olimpico maschile di hockey su ghiaccio si terrà il prossimo 9 febbraio 2022, e avrà come sede il Centro Sportivo Wukesong. La struttura, inizialmente costruita per i Giochi di Beijing 2008, è stata riadattata per poter ospitare anche una pista di hockey e può contenere fino a 18.000 spettatori.

Dodici nazionali in lizza per il titolo Olimpico, in un formato che prevede la prima fase con le squadre distribuite in tre gironi.

Già si conoscono i paesi partecipanti: la Cina, padrona di casa, e le 7 nazionali con i migliori piazzamenti nel ranking mondiale dell'IIHF del 2019: Canada, ROC, Svezia, Repubblica Ceca, USA, Germania e Svizzera. A questo gruppo si aggiungono le squadre dei paesi che hanno vinto il torneo pre-Olimpico della settimana scorsa: Danimarca, Lettonia e Slovacchia.

Ecco come sono distribuiti i gruppi della prima fase:

  • Gruppo A: Canada, USA, Germania, Cina
  • Gruppo B: ROC, Repubblica Ceca, Svizzera, Danimarca
  • Gruppo C: Finlandia, Svezia, Slovacchia, Lettonia

Le tre squadre vincitrici di ciascun gruppo e la migliore seconda passeranno direttamente ai quarti di finale, mentre le otto nazionali rimanenti potranno guadagnarsi il passaggio alla fase successiva con un playoff. Si tratta dello stesso formato adottato per i tornei Olimpici di hockey su ghiaccio dall'edizione del 2010.

LEGGI ANCHE: Le canadesi battono gli USA e si laureano Campionesse del mondo nell'hockey su ghiaccio.