Gimbo Tamberi e Mutaz Barshim: reunion mondiale a un anno da Tokyo 2020

I due Campioni di Tokyo 2020 sono consapevoli che quanto successo un anno fa è irripetibile: "Ci diciamo che se dovesse succedere di nuovo, andremo avanti", ammette l'azzurro.

di Scott Bregman
Foto di 2021 Getty Images

Una delle storie Olimpiche più emozionanti dei Giochi dello scorso anno a Tokyo: due atleti e la loro amicizia, combo essenziale ma che è arrivata dritta al cuore degli appassionati di ogni parte del mondo.

Il qatariota Mutaz Essa Barshim e l'italiano Gianmarco Tamberi hanno condiviso la medaglia d'oro nel salto in alto maschile, ciascuno scegliendo di rinunciare al salto che avrebbe reso esclusivo il gradino più alto del podio. Il risultato è stato il primo podio congiunto nell'atletica leggera in più di un secolo.

Ma la questione andava oltre quell'aneddoto.

“Ci siamo guardati e non abbiamo nemmeno pensato a cosa fosse giusto fare in quel momento. C'era una sensazione che ci spingeva a farlo. Ce l'abbiamo fatta", ha spiegato Tamberi in un'intervista esclusiva con Olympics.com a Eugene, Oregon, alla vigilia dei Campionati mondiali di atletica leggera del 2022, dove i due si affronteranno di nuovo.

"Siamo grandi amici, e lo siamo dal 2010 e sono stato al suo matrimonio, e lui sarà il mio matrimonio", ha continuato. “In quel momento con un amico non puoi prendere un'altra decisione, e la gente ha visto e ha sentito che c'era qualcosa di vero dietro. Ecco perché tutti erano così catturati da quel momento... perché sembrava davvero un momento autentico ed è esattamente che è stato per noi.

"Questo va oltre lo sport", ha detto Barshim all'epoca, all'Associated Press. “Questo è il messaggio che trasmettiamo alle giovani generazioni”.

LEGGI ANCHE: Come vedere Gianmarco Tamberi ai Mondiali di atletica di Eugene 2022.

LEGGI ANCHE: Mondiali di atletica: la guida completa giorno per giorno e le gare imperdibili dei World Athletics di Eugene 2022

Amici fuori, rivali in pista

I due si affronteranno di nuovo a Eugene, con Tamberi al primo posto nel ranking del salto in alto. Mentre Barshim è fuori dalla top 50, i due sono a pari merito in termini di punteggi nel 2022, entrambi al quarto posto.

A Eugene, Barshim, che ha vinto l'argento Olimpico a Londra 2012 e Rio 2016, punterà al suo terzo titolo mondiale consecutivo dopo aver conquistato il primo posto nel 2017 e nel 2019.

Si prospetta quindi un'avvincente rivincita, a cui i due atleti sono ormai abituati.

"Siamo grandi amici, ma anche avversari. Sappiamo che dovremo competere ogni volta l'uno contro l'altro, il nostro non è uno sport di squadra, ma questo non influisce sul nostro rapporto", ha spiegato Tamberi. "Ognuno cerca di fare del suo meglio in questa competizione, di vincere e di ottenere la medaglia d'oro. Ma non significa che vogliamo che l'altro salti meno. Quindi, gli auguro di saltare al meglio. A me... auguro di saltare un centimetro più in alto per poterlo battere!".

LEGGI ANCHE: Oregon chiama Italia: il calendario con le gare delle atlete e degli atleti azzurri ai Mondiali di atletica 2022

LEGGI ANCHE: Come vedere Marcell Jacobs ai Mondiali di atletica di Eugene 2022.

Una volta per tutte

L'indole competitiva non gli fa rimpiangere di aver condiviso il titolo Olimpico a Tokyo.

Al contrario, Tamberi si rallegra di aver condiviso con Barshim un momento così unico nella vita.

"Credo che abbiamo vissuto insieme il momento più bello della nostra vita e non mi pentirò mai di questa decisione. E credo che nemmeno lui se ne pentirebbe", ha detto Tamberi.

Tuttavia, i due sono altrettanto felici di far rimanere questo episodio unico nella loro vita.

"Ma certo, ci diciamo che se dovesse succedere di nuovo, questa volta continueremmo. Ma solo perché l'abbiamo fatto una volta, non perché non siamo soddisfatti di quello che abbiamo fatto", ha detto l'italiano. "Se dovessi tornare indietro a quel giorno, non cambierei mai idea".

 LEGGI ANCHE: Chi sono i rivali di Marcell Jacobs nei 100m ai Mondiali di atletica di Eugene 2022?

SEGUI LE OLIMPIADI IN MODO UNICO.

Eventi sportivi in diretta gratis. Accesso illimitato alle serie. Novità e momenti salienti in esclusiva dalle Olimpiadi