Loading...

Gol Olimpici ai Mondiali di calcio: chi ha segnato il primo e perchè si chiamano così i gol dalla bandierina?

Da dove viene l'espressione "gol olimpico"? Quando è stato segnato il primo? Quanti ne sono stati fatti ai Mondiali? Olympics.com prova a rispondere a tutte le curiosità su uno dei gol più difficili da vedere sui campi di calcio.

4 min Di Eliezer Pérez e Marta Martín | Created 21 November 2022
Megan Rapinoe #15 of Team United States celebrates with Lindsey Horan #9 and Samantha Mewis #3 after scoring their side's first goal during the Women's Bronze Medal match between United States and Australia on d
(Foto di 2021 Getty Images)

Il gol Olimpico è quasi una rarità da vedere nelle partite di calcio e per questo, ogni volta che ne viene segnato uno, finisce sempre con l'occupare un posto speciale nella memoria dei tifosi...

Un calcio d'angolo può spesso terminare con un gol e ci sono infiniti schemi provati dalle squadre per ottenere il massimo da questa situazione di gioco. Quello che non è così frequente è che direttamente dalla bandierina la palla abbia un effetto tale da entrare direttamenter nella porta avversaria.

Ma qual è la storia dietro questo gesto tecnico così suggestivo? I Giochi Olimpici sono ovviamente legati alla narrazione di questo fatidico gol, ma perchè?

Bisogna tornare indietro fino a Parigi 1924 - precisamente l'ultima edizione dei Giochi della capitale francese prima di Parigi 2024 - per capire come è nato il gol Olimpico.

In occasione di quei Giochi - che a quel tempo valevano anche come Mondiale - l'Uruguay divenne il campione Olimpico del calcio maschile.

Un mese dopo l'impresa, Uruguay e Argentina avevano in programma due amichevoli. La seconda, svoltasi a Buenos Aires, è stata quella che avrebbe cambiato la storia del calcio.

Al 15° minuto di gioco, l'argentino Cesáreo Onzari batteva un calcio d'angolo e metteva la palla direttamente nella porta uruguaiana... senza che nessuno potesse intercettarne la traiettoria.

Quello firmato da Onzari fu il primo gol Olimpico ufficiale e valido (poiché fino ad allora il regolamento non li contemplava come tali).

La stampa argentina si attrezzava per scolpire quel gesto nella storia, definendolo: "el gol de Onzari a los olímpicos", 'il gol di Onzari agli Olimpici", espressione che ben presto fu accorciata e divenne "gol Olimpico"..

"Per omaggio o ironia, quella rarità si chiamò gol Olimpico. E si chiama ancora così, le poche volte che capita. Onzari passò il resto della sua vita giurando che non era stata una casualità. E anche se sono passati molti anni, continua l'incredulità: ogni volta che un calcio d'angolo scuote la rete senza intermediari, il pubblico festeggia il gol con un'ovazione, ma non ci crede", così scriveva una delle voci più viscerali del calcio del 900, Eduardo Galeano, nel suo libro del 1995 'Fútbol a sol y sombra'.

LEGGI ANCHEI migliori marcatori dei Mondiali di calcio 2022: la corsa per la Scarpa d'oro della FIFA World Cup

Quanti gol Olimpici sono stati segnati nelle competizioni internazionali?

Gol olimpici ai Mondiali di calcio

Non tanto per lo scetticismo di cui scrisse Galeano, ma per la complicata esecuzione (e la sapienza tecnica che implica per il giocatore), i gol Olimpici non sono stati molto frequenti nella storia dei Mondiali.

Il primo (e unico) gol Olimpico registrato in una Coppa del Mondo maschile è stato segnato dal colombiano Marcos Coll durante il Mondiale 1962 in Cile.

Con la sua rete Olimpico, Coll ha dato il suo contributo perchè la Colombia potesse ottenere un pareggio per 4-4 nella partita del primo turno contro l'Unione Sovietica. E non ha segnato esattamente a un portiere qualsiasi: l'estremo difensore dell'Unione Sovietica era allora Lev Yashin, considerato uno dei migliori portieri del mondo. Sebbene Coll non sia mai riuscito a diventare un Olimpionico, Yashin di Olimpiadi se ne intendeva: vinse l'oro ai Giochi di Melbourne 1956.

Gol Olimpici ai Giochi Olimpici

Si è dovuto aspettare mezzo secolo prima che il gol Olimpico andasse in scena nel palcoscenico che gli aveva dato il nome di abattesimo.

Londra 2012 ha visto il primo goal Olimpico ad un'Olimpiade, ed è stato firmato da un'esperta in questo tipo di goal, la statunitense Megan Rapinoe.

Una delle più grandi stelle della storia del calcio femminile non solo sa cosa significa vincere due Mondiali (2015 e 2019) e due medaglie Olimpiche (oro a Londra 2012 e bronzo a Tokyo 2020, nel 2021), ma ha dato prova di doti tecniche straordinare e di saper segnare con stile.

Di tutti i gol ufficiali registrati nella storia dei Giochi Olimpici, solo due sono stati Olimpici. Ed entrambi hanno Rapinoe come autrice.

Il primo è arrivato a Londra 2012, quando l'Old Trafford è stato teatro di una semifinale al cardiopalma tra Stati Uniti e Canada, terminata 4-3 per la squadra di Rapinoe, che sarebbe poi diventata campionessa Olimpica.

La medaglia di bronzo degli USA a Tokyo 2020 è stata decorata anche con un altro storico gol di Rapinoe. Mentre nel calcio Olimpico maschile nessun giocatore ha mai segnato questo tipo di rete, Rapinoe ne ha fatto doppietta.

Ai Giochi del Giappone il suo gol è stato decisivo quanto quello delle Olimpiadi di Londra 2012, poiché si è concretizzato nella partita per la medaglia di bronzo, dove gli Stati Uniti hanno battuto l'Australia 3-4, punteggio che ha permesso loro di salire sul podio.

Aggiungi questi ai tuoi preferiti
Megan RAPINOEMegan RAPINOE
CalcioCalcio
Altro da

You May Like