#StrongerTogether:  Donovan Carrillo, un sogno Olimpico raggiunto con la famiglia

Diventare il primo messicano in 30 anni a competere nel pattinaggio artistico ai Giochi Olimpici non sarebbe stato possibile per Donovan Carrillo senza l'ispirazione e l'aiuto dei suoi genitori.

di Marta Martín
Foto di 2021 Getty Images

La campagna #StrongerTogether del 2022 si può sintetizzare con questo motto: “Le cadute, le risalite, ogni vittoria: sempre insieme”.

Quando crediamo l'uno nell'altro, possiamo far accadere l'incredibile. La fiducia degli altri ispira fiducia in noi stessi; fare quel salto, atterrare bene dopo quell'esercizio, spingere fino al traguardo. Attraverso ogni ascesa, ogni caduta, ogni vittoria.

Ciò si adatta perfettamente al sogno del pattinatore artistico messicano Donovan Carillo e al modo in cui la sua famiglia lo ha ispirato e aiutato a raggiungere i Giochi Olimpici.

Scegliere uno sport invernale in un luogo caldo come il Messico, che ha poche tradizioni sul ghiaccio, è già qualcosa di speciale e coraggioso. Ma Carillo, che ora ha 22 anni, è andato oltre: sarà il primo messicano in 30 anni a gareggiare nel pattinaggio artistico ai Giochi Olimpici Invernali di Beijing 2022.

Ha intrapreso lo sport all'età di otto anni e il viaggio fino a raggiungere i Giochi 14 anni dopo non è stato facile per il pattinatore messicano.

"Scegliere il pattinaggio artistico non era comune nel mio paese. Quando hai otto anni in Messico, ti piace il calcio. Fortunatamente ho capito molto presto che il calcio non faceva per me. Avevo due piedi sinistri, ero pessimo", un sorridente Carrillo ricorda nell'episodio della serie originale di Olympic Channel, Winter Tracks, che racconta la sua storia.

Legami di famiglia: l'ispirazione arriva da casa

La sua famiglia è stata un pilastro fondamentale in questo viaggio, nonostante le numerose - e comuni - critiche fuori dal ghiaccio.

"Nonostante abbia ricevuto molte critiche per aver praticato una disciplina artistica, non ho mai permesso a quei commenti di influenzare la mia decisione", ha detto Carrillo. "Grazie all'aiuto della mia famiglia, sono riuscito a ignorare i commenti che non mi aiutavano a crescere e ho smesso di dar loro importanza. Mi sono concentrato sul fare quello che mi piace, che è pattinare".

Un altro ostacolo che Carrillo ha dovuto superare erano le finanze. Aveva bisogno di soldi per sognare, i suoi genitori si sono resi conto presto che il pattinaggio artistico non è uno sport a buon mercato, soprattutto ad alti livelli in un paese con infrastrutture limitate.

Infatti Carrillo si allena su una pista di pattinaggio pubblica, in un centro commerciale.

"Per noi, la cosa più difficile è stato l'aspetto finanziario. Abbiamo dovuto considerare l'opzione di ritirare i ragazzi dal pattinaggio per un mese perché, come dissi a Goyo [Gregorio Núñez, allenatore di Donovan], non potevamo permetterci lezioni di pattinaggio sul ghiaccio", ricorda la madre di Carrillo, Diana.

Tuttavia, i loro sforzi sono stati ripagati.

“È stato tutto difficile, ma penso che ne sia valsa la pena. Non ci sono soldi, ma abbiamo bambini felici [Donovan e sua sorella maggiore]", aggiunge Adolfo, suo padre.

Donovan Carrillo: l'Olimpionico dai grandi sogni

Il sogno olimpico di Donovan è iniziato in casa. I suoi genitori hanno acceso quella fiamma.

"Raggiungere i Giochi Olimpici non ha prezzo", ha detto. "Fin da bambino, i miei genitori mi hanno insegnato cosa significa partecipare alle Olimpiadi e che non tutti hanno la possibilità di raggiungere questo livello. Averlo in mente ha reso la mia qualificazione olimpica ancora più preziosa".

Per realizzare il suo sogno, Donovan ha dovuto trasferirsi nel 2013 da Guadalajara a León con il suo allenatore, Gregorio.

"Quando ho lasciato casa per iniziare questo viaggio, è stato molto difficile sia per i miei genitori che per me", ha spiegato Carrillo. "Abbiamo sofferto molto per questa separazione. E anche se cerchiamo di rimanere in contatto tramite telefono o videochat, non è come essere presenti di persona".

Quattro volte campione in Messico, Carrillo ha staccato il biglietto olimpico piazzandosi 20° ai Mondiali del 2021, uno degli eventi di qualificazione per Beijing 2022.

Gli anni di sacrifici che hanno portato a quel momento comprendono una carriera nel pattinaggio artistico, un lavoro che ha permesso di far diventare reale quello che Carrillo stesso chiama "il sogno di un ragazzo che non si è mai arreso".

Ma per dirla meglio: non solo un sogno suo, un sogno che ha condiviso e raggiunto con la sua famiglia.

SEGUI LE OLIMPIADI IN MODO UNICO.

Eventi sportivi in diretta gratis. Accesso illimitato alle serie. Novità e momenti salienti in esclusiva dalle Olimpiadi