60 giorni a Beijing 2022: rivalità che rendono gli Olimpici #StrongerTogether

Partecipare a un'Olimpiade è una delle esperienze più competitive che un essere umano possa affrontare. Tuttavia, lo spirito Olimpico - nei suoi momenti più generosi - può anche trascendere il concetto stesso di competitività. Con l’orologio che segna sempre meno rintocchi al 4 febbraio 2022, giorno della Cerimonia di Apertura dei Giochi Olimpici Invernali di Pechino, è arrivato il momento di guardare a coloro che rendono i forti ancora più forti.

di Marina Dmukhovskaya
Foto di 2018 Getty Images

Nello sport sono gli avversari di un atleta a fissare l'asticella in alto. I più forti motivano a migliorare e crescere. Il più coraggioso incoraggia gli altri a rischiare e ad essere audaci. E, come ripetutamente accaduto lungo la storia dei Giochi Olimpici, qualcuno con più forza tenderà la mano al rivale che cade.

Con soli 60 giorni a separarci dai Giochi Olimpici Invernali di Pechino 2022, Olympics.com chiede ad alcuni atleti e atlete di hockey, slittino, short track, pattinaggio di figura, snowboard e sci freestyle chi siano stati gli avversari e le avversarie che li rendono o li hanno resi ancora più forti, e che costituiscono, per loro, fonte di ispirazione.

Slittino: Roman Repilov (ROC), ispirato Felix Loch (GER)

Il tre volte Campione del mondo e due volte vincitore in Coppa del Mondo Roman Repilov cercherà di vincere la sua prima medaglia Olimpica a Pechino. L’avversario che lo ha reso più forte nel suo percorso verso i Giochi è il leggendario slittinista tedesco Felix Loch, tre volte campione Olimpico.

"All'inizio della mia carriera ho considerato Felix Loch e chiunque fosse sulla mia strada per vincere medaglie un ostacolo. Non ho mai provato a rifarmi al suo stile o alla sua tecnica. Ma durante i miei ultimi due anni nella squadra juniores e dopo essere arrivato nella squadra nazionale, Felix è stato colui che più mi ha motivato. Era così superiore che non permetteva a nessuno di avvicinarsi al titolo mondiale assoluto. Era fuori portata in termini di tecnica, forma fisica e mentalità.

"È un bene che abbia continuato la sua carriera: ha continuato a motivarmi".

Repilov congratulating Loch at a World Cup event in Koenigssee, Germany 2021
Foto di 2021 Getty Images

Pattinaggio di figura: Loena Hendrickx (BEL), ispirata da Elizaveta Tukhtamysheva (ROC)

La pattinatrice belga Loena Hendrickx ha avuto un grande inizio di stagione al Grand Prix ISU di Torino, vincendo a sorpresa una medaglia di bronzo. Ha ammesso che durante la sua adolescenza si è ispirata all'italiana Carolina Kostner. Man mano che l'esperienza aumentava, la Hendrickx più matura ha trovato ispirazione in Elizaveta Tuktamysheva.

"Quando ho fatto i primi [campionati] europei, [la mia ispirazione] era Carolina Kostner, perché ha pattinato a lungo ad alto livello. È davvero stimolante se puoi ancora competere a livelli così alti per così tanti anni. Adesso, è lo stesso con Elizaveta Tuktamysehva. È davvero motivante perché non si arrende mai e cerca sempre di lavorare sodo. È diventata Campionessa del mondo qualche anno fa, poi è stata fuori per qualche anno, e poi è ritornata. Non è facile competere [con questa qualità], in più lei era al top e ora ha deciso di tornare. È davvero speciale".

Hockey su ghiaccio: Kendall Coyne Schofield (USA), ispirata da Jenni Hiirikoski (FIN)

Kendall Coyne Schofield del Team USA, capitana della nazionale statunitense femminile e campionessa Olimpica a PyeongChang 2018, guarda con ammirazione a Jenni Hiiroski, della Finlandia, una delle migliori difese dell'hockey femminile.

"C'è un rispetto reciproco tra le squadre di tutti i paesi quando ci ritroviamo a giocare, sapendo quanto duramente abbiamo lavorato e gli ostacoli che abbiamo dovuto superare per essere qui in questo momento. Così tanti che non li possiamo controllare. Tanti ostacoli che si basano sul nostro genere e che non ci meritiamo, eppure li superiamo insieme. Sono così orgogliosa di tutte le donne nell'hockey e di ciò che hanno realizzato e superato per essere al più alto livello possibile in questo momento, perché non era affatto facile.

"Una giocatrice che ammiro e contro cui ho giocato è Jenni Hiirikoski. Ho molto rispetto per quello che è riuscita a fare. È una delle più grandi giocatrici di hockey".

Kendall Coyne fights for the puck against Jenni Hiirikoski at Olympics in PyeongChang, 2018
Foto di 2018 Getty Images

Short track: Semen Elistratov (ROC), ispirato da Charles Hamelin (CAN)

Il campione Olimpico Semen Elistratov potrebbe non essere l'unico pattinatore di short track che si ispira all'incredibile longevità atletica del canadese Charles Hamelin, cinque volte medaglia Olimpica che gareggia, alle Olimpiadi, da Torino 2006.

"Ammiro l'atleta canadese Charles Hamelin. Per me è un mistero come si possa vincere un titolo mondiale a 36 anni. Se controllate la sua biografia, vedrete che è dal 2006 che rappresenta il Canada ai campionati del mondo. Quest'anno i nostri campionati mondiali si svolgeranno a Montreal. Ha detto che Pechino sarà la sua ultima edizione dei Giochi.

"Voglio stringergli la mano. È un atleta che ammiro".

Elistratov competes against Hamelin in 1500m event at Olympics in PyeongChang, 2018
Foto di 2014 Getty Images

Snowboard: Ono Mitsuki (Giappone), ispirata da Chloe Kim (USA)

Le aspettative per Pechino 2022 sono molto alte per Ono Mitsuki, medaglia d'oro ai Giochi Olimpici Giovanili dello scorso anno. L'astro nascente giapponese è succeduto a Chloe Kim nel titolo per l'halfpipe, che aveva vinto a Lillehammer 2016.

"Chloe Kim è stata a lungo in prima linea, vincendo molte medaglie d'oro. Ma è un tipo molto amichevole. Non si comporta mai come se fosse una top snowboarder. Voglio essere un’atleta proprio come lei.

"Ora mi sto esercitando nella routine che Chloe ha fatto a PyeongChang. Ma so che non basta fare la stessa cosa. Sto imparando trick più evoluti. Inoltre, mi sto allenando sui trick consecutivi: frontside 1080 - cab 1080, che Chloe ha fatto per la prima volta alle Olimpiadi di PyeongChang".

Sci freestyle: Mathilde Gremaud (SUI), ispirata da Sarah Hofflin (SUI)

La medaglia d'argento a PyeongChang 2018 Mathilde Gremaud ha condiviso la sua ammirazione per la sua collega e campionessa Olimpica Sarah Hofflin. Le due compagne di squadra hanno vinto insieme le loro medaglie ai Giochi in Corea.

"Quando ci penso, se doveva esserci qualcuno davanti a me, quello doveva essere Sarah. È stato davvero bello. È super motivante, se riesci a farlo una volta puoi farlo due volte. Non necessariamente alle Olimpiadi, ma in ogni caso, è sempre meglio condividere il podio con qualcuno così vicino al momento. È stata davvero fonte di molta ispirazione".

Sci freestyle: Alex Hall (USA), ispirato da Ferdinand Dahl (NOR)

Lo sciatore americano di freestyle Alex Hall guarda al norvegese Ferdinand Dahl e ammira la sua tecnica.

"Un paio di persone contro cui gareggio in questo sport mi ispirano enormemente con il loro atteggiamento e la loro sciata, o per i trick che fanno. Ferdinand Dahl è uno di questi. È uno degli sciatori freestyle più eleganti, fluidi e creativi che conosca. Trova sempre un modo per spingere la sua sciata [al massimo], nelle competizioni - e non solo con più spin. Crea sempre qualcosa di nuovo e riesce a trovare il modo per salire sul podio. Sono molto orgoglioso di lui.

"Ai miei occhi, rappresenta perfettamente la mia idea di sci freestyle. La sua essenza".

SEGUI LE OLIMPIADI IN MODO UNICO.

Eventi sportivi in diretta gratis. Accesso illimitato alle serie. Novità e momenti salienti in esclusiva dalle Olimpiadi