Alex Hall, medaglia ai Giochi Olimpici Giovanili: "Faccio del mio meglio per trovare un equilibrio tra le gare e le riprese video"

Alex Hall, stella dello slopestyle e potenziale medaglia di Beijing 2022,  punta a divertirsi con il suo freestyle, mentre continua a creare progetti con i suoi video.  

Con l'oro conquistato nella Real Ski all'inizio di quest'anno, Alex Hall è diventato l'unico sciatore freestyle ad aver vinto medaglie in quattro diverse discipline degli X Games.

Dopo aver vinto l'argento ai Giochi Olimpici Giovanili Invernali di Lillehammer 2016, lo statunitense cercherà di arricchire la sua impressionante collezione di medaglie ai Giochi Olimpici Invernali di Beijing 2022.

Olympics.com: Mancano meno di tre mesi a Beijing 2022, come vanno i preparativi?

Alex Hall: In maniera fantastica. Abbiamo appena iniziato la nostra stagione in Europa, di solito cominciamo in autunno e andiamo in Svizzera o in Austria e facciamo un po' di sci sul ghiacciaio. Stavolta invece abbiamo iniziato a metà settembre. Da allora, praticamente mi divido tra Austria, Italia e Svizzera, sciando tantissimo. È davvero divertente.

OC: Che sensazioni hai sulle qualifiche?

Mi sento bene. Sto solo facendo un passo alla volta. Scio al meglio quando non sto pensando troppo alle cose, e mi sto semplicemente godendo il tempo che passo sugli sci. Sto cercando di concentrarmi sul divertirmi e sciare con i miei amici. Spero che così facendo possa ottenere il miglior risultato per me. Mi sono sentito benissimo ed è stato un inizio di stagione divertente.

OC: Pechino sarebbe la tua seconda Olimpiade Invernale dopo PyeongChang – come guardi alla tua prima esperienza Olimpica?

Andare a PyeongChang è stata un'esperienza davvero fantastica. Sono stato sicuramente molto fortunato a poter partecipare ma, guardando indietro, non sono andato bene come forse avrei potuto o avrei voluto. All'epoca ero giovane, avevo ancora molto da imparare. Il resto della squadra degli Stati Uniti era molto più esperto e più anziano di me, e in un certo senso mi sentivo “strano”. Ci sono state alcune cose che forse mi sono perso essendo un po' più giovane, e penso che fossero tutti in un punto molto diverso delle loro carriere. Erano tutti decisi a vincere medaglie e io sono stato solo fortunato ad essermi qualificato per la squadra. Quindi, penso che fossimo tutti in diverse fasi anche mentali, ma nel complesso è stato fantastico; è stato davvero divertente. Ho avuto modo di sperimentare alcune delle cose tipiche dei Giochi, come guardare altri eventi e semplicemente vivere il villaggio Olimpico. Mi sono divertito.

OC: Hai anche partecipato ai Giochi Olimpici Giovanili Invernali nel 2016 a Lillehammer – com'è stata quell'esperienza?

È stato un evento interessante. Di nuovo, ero molto giovane in quell'evento, ma ovviamente è lo stesso per tutti i presenti, ed è stata un'esperienza divertente. Ero stato a Lillehammer un paio di volte in precedenza, quindi non ero nuovo della zona, ed è stato davvero un bel periodo. Abbiamo fatto lo slopestyle a Lillehammer, e ho anche gareggiato nell'halfpipe a Oslo. Alla fine, ho vinto la medaglia d'argento [nello slopestyle], che è stata una bella ciliegina sulla torta.

OC: C’è qualcosa che hai imparato della tua esperienza ai Giochi Olimpici Giovanili?

Sì, è stato bello. Penso che sia stato unico. Lo spirito di squadra era molto forte in quell'evento e ti importava molto anche degli sport a cui di solito non presti molta attenzione. È stato divertente seguire tutto ed è stato bello avere quello spirito di appartenenza. Anche far parte di un evento di quel calibro. È stato unico in molti modi diversi e mi ha aiutato ad aprire gli occhi su tutto quello che potrebbe accadere.

OC: Guardavi le Olimpiadi quando eri più giovane?

Per quanto riguarda lo sci freestyle e lo slopestyle - penso che molte persone della mia età o più grandi darebbero una risposta simile - la cosa che abbiamo guardato di più sono stati gli X Games, perché lo slopestyle non era stato incluso alle Olimpiadi da molto tempo. Ha fatto il suo debutto nel 2014. Tra i 10 e i 16 anni, quando ero appassionato di sci freestyle, il freestyle non era alle Olimpiadi, e gli X Games credo fossero la cosa principale che guardavo, era la cosa a cui aspiravo: essere un atleta X Games e vincere medaglie agli X Games. Più tardi - quando [queste discipline] sono arrivate le Olimpiadi, penso che avessi 16 anni quando ho visto quell'evento -, è stato fantastico guardarle. Quel giorno non andai scuola per guardare le gare. E i miei genitori mi hanno permesso di restare a casa. C'è stata la scalata statunitense delle medaglie nello slopestyle, quindi è stato fantastico da vedere, e ora sono un buon amico di tutti i ragazzi che hanno fatto quell'impresa. È stato sicuramente molto stimolante e mi ha fatto venire voglia di andare alle Olimpiadi.

OC: Pensi che includerlo come disciplina Olimpica sia stato importante per lo slopestyle?

Penso che molti ragazzi più giovani oggi siano sicuramente cresciuti guardando quello. Ragazzi che hanno 15 o 16 anni in questo momento sono cresciuti in un'epoca in cui le Olimpiadi erano l’obiettivo per lo sci freestyle. Penso che per loro sia qualcosa che li ha aiutati a conoscere questo sport. Ed è bello avere un paio di giorni ogni quattro anni in cui molte persone guardano quello che facciamo, persone che non sono necessariamente abituate allo sci freestyle. Ed è davvero bello poterlo mostrare su una piattaforma molto più grande di quella in cui ci esibiamo di solito.

Alex Hall in action

OC: Di recente abbiamo visto molti atleti parlare dell'impatto del cambiamento climatico e tu hai anche parlato dell'aumento dello scioglimento dei ghiacciai a cui hai assistito negli snowpark. Il cambiamento climatico è un problema che ti sta a cuore?

Non so se ne ero necessariamente appassionato da piccolo, ma ovviamente sapevo cosa fosse e le sue implicazioni. Crescendo, penso di aver imparato che è ovviamente una cosa reale, ed è una questione molto urgente. Essendo uno sciatore professionista, gioca un ruolo importante nel nostro sport e in quello che facciamo. Anche se sono giovane, ho notato tanta differenza nel corso degli anni; in questo momento sto sciando su un ghiacciaio chiamato Stubai, vicino Innsbruck. È certamente la situazione con meno neve che abbia mai visto in questo periodo dell'anno; il ghiacciaio sembra così diminuito... stiamo praticamente sciando sul ghiaccio glaciale – non c'è neve fresca in cima. Quindi, i fatti sono più che ovvi. Essendo uno sciatore lo vivi in ​​prima persona. È pazzesco vedere quanto sia cambiato anche solo negli ultimi due anni, che è davvero un lasso di tempo molto breve se lo guardi nel grande schema delle cose.

OC: È un problema di cui parlano sempre di più gli sciatori?

Sicuramente. È una discussione che hanno molte persone. E penso che gli sciatori, in particolare, ne parlino molto, specialmente degli impatti e delle differenze che vediamo. Ma se devo essere onesto, non si parla molto di soluzioni. Ci sono piccole cose che puoi fare personalmente, ma su una scala più ampia ci sono molti fattori in ballo e le soluzioni sono molto più facili a dirsi che a farsi. Ma è qualcosa di cui molti, se non tutti, i miei amici e colleghi atleti professionisti sono a conoscenza.

OC: Lontano dalla competizione, trascorri anche molto tempo a realizzare video delle gare, anche di quelle che ti hanno portato a vincere la prima competizione agli X Games Real Ski. È qualcosa su cui vuoi concentrarti di più in futuro?

Voglio continuare a sciare e divertirmi come finora. Quello che amo dello sci freestyle è che una parte importante del nostro sport riguarda la creazione di progetti e contenuti video. Mi è piaciuto molto durante la mia carriera sciistica e faccio del mio meglio per bilanciare il mio calendario agonistico con il mio programma di riprese. A volte è difficile perché ci sono così tante competizioni durante la stagione, ma ogni volta che ho tempo libero cerco di concentrarmi sui progetti video. Voglio assolutamente concentrarmi di più sulle riprese, in futuro, e cercare di mantenere l'equilibrio tra le gare e le registrazioni. Detto questo, voglio solo continuare a divertirmi. Penso che ci sarà un momento in cui forse non mi divertirò più così tanto. Ma in questo momento, mi sento bene e mi sto divertendo tantissimo.

SEGUI LE OLIMPIADI IN MODO UNICO.

Eventi sportivi in diretta gratis. Accesso illimitato alle serie. Novità e momenti salienti in esclusiva dalle Olimpiadi