Yaroslava Mahuchikh in esclusiva: la fuga dalla guerra in Ucraina e lo sport come promotore di pace

La medaglia di bronzo Olimpica di Tokyo 2020 e attuale campionessa mondiale indoor di salto in alto racconta a Olympics.com come si è preparata alle competizioni dopo la fuga da Dnipro.

di ZK Goh with Ekaterina Kuznetsova
Foto di 2022 Getty Images

Yaroslava Mahuchikh è la campionessa mondiale indoor di salto in alto.

Attualmente è anche una rifugiata dopo che dall'Ucraina è fuggita in Germania dove si è installata e si allena per la stagione di atletica.

In occasione dell'Olympic Day 2022 del 23 giugno, il cui tema è #MoveForPeace, la nativa di Dnipro ha parlato con Olympics.com in un'intervista esclusiva del tentativo di promuovere la pace nel suo paese attraverso lo sport.

"Siate più gentili con tutti perché lo sport unisce, lo sport aiuta e gli atleti si aiutano a vicenda", ha detto Mahuchikh.

"Ai Giochi Olimpici tutte le persone sono unite. Il Villaggio Olimpico riunisce persone provenienti da tutti i paesi. Le Olimpiadi uniscono certamente le persone. Lo hanno sempre fatto, lo fanno ora e lo faranno in futuro", ha aggiunto.

Gli atleti ucraini sono fuggiti per allenarsi

Il trionfo di Mahuchikh ai Campionati mondiali Indoor 2022 di Belgrado, in Serbia, è arrivato tre settimane dopo l'attacco al suo paese.

L'invasione ha interrotto gli allenamenti della medaglia di bronzo Olimpica. "È stato molto difficile, ci siamo trasferiti prima a Khmelnytskyi", ha spiegato Mahuchikh relativamente ai primi giorni dopo il 24 febbraio, quando il mondo è cambiato per lei e i suoi compagni ucraini.

"C'era il campo di allenamento per la nostra piccola squadra nazionale che sarebbe andata ai Mondiali (indoor). A metà del viaggio ci è stato detto di spostarci verso il confine.

"Il nostro viaggio è durato tre giorni. Alla fine abbiamo raggiunto la Serbia e abbiamo iniziato l'allenamento senza sirene e senza esplosioni".

Mahuchikh sapeva che non sarebbe tornata a casa per un po': "Il momento più difficile è stato dire addio alla mia famiglia, a mio padre", ha ricordato.

"Ma poi ti rendi conto che devi gareggiare, esibirti per il tuo paese a livello internazionale, dimostrare che l'Ucraina c'è ancora".

Non è stato un viaggio facile per la saltatrice, sia per il tempo impiegato, sia per i pensieri che le frullavano in testa. Lei stessa mmmette di essersi interrogata su molte cose durante il lungo viaggio lontano dal pericolo.

"Ho avuto molti pensieri sul perché stavo andando via", ha raccontato Mahuchikh. "Avevo appena iniziato a distribuire aiuti umanitari. Ho capito che a Dnipro c'erano molti volontari, perché era una regione relativamente sicura (all'epoca). La nostra città ha fatto quadrato e ci si aiutava molto gli uni con gli altri".

"E ho pensato al motivo per cui sarei dovuta andare ai Mondiali e che avrei gettato tutto al vento. Ho capito che questo è il mio lavoro. Questo è il mio campo, e devo difendere il mio paese nel mio campo, e ho capito che le persone che fanno il loro lavoro aiutano il loro paese, ciascuno nel proprio ambito".

Una famiglia separata

Da quando ha lasciato l'Ucraina in vista dei Campionati del mondo ndoor di marzo, Mahuchikh non è più tornata a casa. In questa stagione ha gareggiato nel circuito della Diamond League, ma ha fatto base a Erlangen, in Germania, con l'aiuto dei suoi sponsor.

"Ci hanno aiutato e ci hanno fornito degli appartamenti", ha raccontato. "Mia madre, mia sorella e sua figlia sono andate lì".

L'ucraina ha anche reso omaggio alle varie federazioni sportive, internazionali e nazionali, che hanno aiutato gli atleti del suo paese a trovare nuove sedi di allenamento durante la guerra e li hanno accolti a braccia aperte.

Ma, ha ribadito, "la mia casa era ed è ancora in Ucraina, a Dnipro - la mia città, il mio posto".

Dnipro, nell'Ucraina centro-orientale, è ora vicina ai fronti del conflitto. "Molte persone sono rimaste a casa a Dnipro", ha spiegato Mahuchikh. "Alcuni sono andati in Polonia

"Naturalmente tutti vogliono tornare a casa. Recentemente ho parlato con mia sorella. Le ho detto che volevo tornare a casa, tornare alla vita normale, vivere senza il suono delle sirene.

"Lei legge le storie di quelli che tornano dalla Polonia. Vorrebbe farlo, ma non è ancora sicuro perché anche adesso sono esplosi dei missili nella mia città".

Mahuchikh ha portato "sorrisi e gioia" in Ucraina

Il trionfo a Belgrado ha avuto una conseguenza molto gradita: l'attenzione che una Campionessa del mondo suscita e le molteplici opportunità di parlare della situazione in patria. Inoltre, ha avuto il vantaggio di dare una spinta al morale dei suoi connazionali.

"A fronte di di tutte le cattive notizie, la gente ha ricevuto finalmente una buona notizia e ha potuto sorridere. E sono stata io a riuscirci, perché la gente mi ha ringraziato per aver portato sorrisi e gioia", ha ricordato Mahuchikh. "Dopo la gara ho partecipato alle conferenze stampa e prima ancora sono passata in mixed zone. Naturalmente, come vincitrice ricevi più attenzione da parte dei media rispetto a un medaglia d'argento o di bronzo. Questa è stata una motivazione in più.

"Sai che puoi ottenere un risultato nelle gare e poi parlare con i giornalisti, e loro ti pubblicheranno. Dopo l'evento in Serbia, ho avuto tantissime richieste di interviste. Posso aiutare con i miei risultati a livello sportivo, perchè mi danno l'opportunità di parlare con i media".

"Voglio che le persone sappiano che siamo un paese molto forte, che ha attraversato molte vicissitudini nella storia e ha sofferto molto. Ma so che siamo forti e che sopravviveremo a tutto. Dobbiamo solo credere in noi stessi".

Lo sport unisce

Soprattutto, Mahuchikh rimane convinta che lo sport possa favorire la pace, sia attraverso la sensibilizzazione sulla situazione in Ucraina e in altre zone di conflitto, sia semplicemente unendo le persone.

"Lo sport mostra, in tutti gli aspetti della vita, i tratti positivi degli uomini e delle donne: il loro carattere forte, la loro volontà di andare avanti fino alla fine, qualunque cosa accada".

"I Giochi Olimpici, per me, uniscono tutti i paesi. I Giochi Olimpici aiutano il mondo. Vengono sempre trasmessi in tutti i paesi e anche chi non è un appassionato di sport guarda le Olimpiadi. È qualcosa di incredibile".

SEGUI LE OLIMPIADI IN MODO UNICO.

Eventi sportivi in diretta gratis. Accesso illimitato alle serie. Novità e momenti salienti in esclusiva dalle Olimpiadi