Cosa abbiamo imparato: la pallanuoto alle Olimpiadi di Tokyo 2020

Da tre grandi sorprese, alla nazionale femminile USA che ha vinto la terza medaglia d'oro consecutiva, riguardiamo i momenti memorabili della pallanuoto a Tokyo 2020, il medagliere e cosa aspettarsi in vista di Parigi 2024. 

Foto di 2021 Getty Images

La pallanuoto è lo sport di squadra più vecchio alle Olimpiadi, e non ha tradito le attese a Tokyo 2020.

La nazionale USA femminile ha perso per la prima volta dopo tanti anni, ma ha saputo rialzarsi mettendo tutti in fila ancora una volta.

Australia e Grecia sono state le sorprese a livello maschile.

Riguardiamo i momenti memorabili del torneo, il medagliere e cosa succederà tra appena tre anni a Parigi 2024.

I cinque momenti memorabili della pallanuoto a Tokyo 2020

1 - Il messaggio della Grecia

La Grecia è stata la vera sorpresa di Tokyo 2020 nella pallanuoto.

La nazionale ellenica ha fatto subito capire la sua forza battendo gli USA per 14-5 in una sfida che in molti consideravano molto più equilibrata.

Dimitris Skoumpakis è andato subito a segno tracciando la strada per la sua squadra.

La Grecia è rimasta imbattuta nel girone ed è stata sconfitta solo dalla Serbia in finale. Argento che è anche la prima medaglia di sempre nella pallanuoto per una Grecia in grande ascesa.

2 - L'Australia sorprende la Croazia

Gli uomini australiani non sono riusciti a superare il girone, ma hanno ottenuto una vittoria da ricordare contro la Croazia, numero 3 del mondo.

Gli Aussie erano in vantaggio di un solo gol all'ultimo quarto ma hanno dimostrato il cinismo necessario per chiudere la partita sull'11-8.

È stato un momento speciale per l'allenatore croato dell'Australia Elvis Fatovic, con suo figlio Loren che ha fatto il suo debutto olimpico con gli avversari.

3 - USA KO

La nazionale statunitense di pallanuoto femminile è stata descritta come la squadra più dominante al mondo in qualsiasi sport alle Olimpiadi.

Ha vinto l'oro a Londra 2012 e Rio 2016, oltre che agli ultimi tre campionati del mondo.

Con questo in mente, le onde d'urto sono state inviate in tutto il mondo della pallanuoto quando le americane sono state battute 10-9 dall'Ungheria in una partita del girone a Tokyo. La prima sconfitta alle Olimpiadi dal 2008.

"Il gioco non sa chi sei. Il gioco non sa da dove vieni", ha detto il portiere statunitense Ashleigh Johnson. "Quindi devi sempre farti trovare pronto. Pronto per una squadra che può dare il meglio come ha fatto l'Ungheria oggi".

La conferma che il mondo sta recuperando terreno sugli Stati Uniti è arrivata con la sofferta vittoria contro la Cina per 12-7.

Pallanuoto: Usa-Ungheria
Foto di 2021 Getty Images

4 - USA al terzo oro

Si saranno accorciate le distanze, ma la squadra USA resta comunque la numero 1 al mondo.

In finale le campionesse europee della Spagna sono state spazzate via con un perentorio 14-5 che vale il terzo oro Olimpico consecutivo per le americane.

Coach Adam Krikorian e gli assistenti si sono tuffati in piscina per festeggiare insieme alle giocatrici dopo la finale al Tatsumi Water Polo Centre.

Madeline Musselman è stata sensazionale in finale con tre gol, mentre la capitana Maggie Steffens ne ha segnato uno allungando in vetta alla classifica marcatori delle Olimpiadi con 56 reti. Undici parate per Ashleigh Johnson, sempre stella tra i pali.

Gli USA diventano così la prima squadra con tre ori consecutivi, a livello maschile c'erano riusciti la Gran Bretagna (1908-1920) e l'Ungheria (2000-2008).

5 - Serbia da oro

I campioni di Rio 2016 della Serbia concedono il bis battendo la Grecia 13-10 in finale.

Dopo aver perso due volte nel girone (contro Spagna e Croazia), la Serbia si è qualificata con fortuna.

Ma quando si è passati all'eliminazione diretta non si è più scherzato: Italia e Spagna battute

Il momento decisivo della finale è arrivato sul 7-7. Andrija Prlainovic ha portato avanti la Serbia a quattro secondi dall'intervallo spianando la strada al successo.

Prinlovic
Foto di 2021 Getty Images

Ultimo sguardo

Il capitano della nazionale croata Xavi Garcia ha deciso di smettere dopo Tokyo 2020.

Il 37enne ha vinto medaglie con due nazionali diverse. Con la natia Spagna, Garcia ha vinto l'argento (2007) e il bronzo (2009) ai mondiali, poi è passato a giocare con la Croazia con cui ha vinto i Mondiali nel 2017 e l'argento alle Olimpiadi di Rio 2016.

Nel 2016 ha vinto il trofeo più importante a livello di club, la Champions League con il Jug Dubrovnik.

Hello Paris 2024

Sarà interessante seguire i progressi della squadra maschile greca a Parigi. Con una medaglia d'argento olimpica al collo, potrebbe puntare al bottino pieno a Parigi tra appena tre anni.

La squadra femminile statunitense si sentirà sicura di poter ottenere una quarta medaglia d'oro olimpica consecutiva. La stella Ashleigh Jonshon ha solo 26 anni e sarà ancora fondamentale in Francia.

Quando e dove guardare le repliche della pallanuoto su Olympics.com?

La risposta è qui: olympics.com/tokyo2020-replays

Quando ci saranno le prossime sfide?

Molti Olimpionici saranno in azione per i loro club in Champions League, che inizierà il 24-26 settembre, mentre il turno di qualificazione all'Euro Cup 1 è previsto per l'1-4 ottobre. L'Euro League femminile inizierà il 19 e 21 novembre.

Il prossimo grande evento internazionale di pallanuoto ci sarà in occasione dei Campionati Mondiali di Nuoto 2022, che si svolgeranno dal 13 al 29 maggio a Fukuoka, in Giappone.

Il medagliere della pallanuoto a Tokyo 2020 nel 2021

Uomini

Oro - Serbia

Argento - Grecia

Bronzo - Ungheria

Donne

Oro - Stati Uniti

Argento - Spagna

Bronzo - Ungheria