Petra Vlhová: "Che bello essere un idolo"

 Dopo il suo titolo nella generale di Coppa del Mondo 2021, Petra Vlhová (SVK) è ripartita alla grande con un podio in gigante e due vittorie nel weekend nei primi due slalom di Levi (FIN). Oltre a cercare di difendere la corona in questa stagione, la 26enne cercherà di vincere la sua prima medaglia Olimpica in occasione dei suoi terzi Giochi Olimpici Invernali a Beijing 2022.

Foto di 2021 Getty Images

Un altro weekend di successo per Petra Vlhova sulle nevi di Levi. Nella specialità preferita, lo slalom, la 26enne slovacca ha vinto entrambe le prove (sono 5 i successi totali sulla pista finlandese), dando subito un segnale al Circo Bianco: la donna da battere è ancora lei.

D'altronde, già risultati di Petra Vlhova ai Giochi Olimpici Giovanili Invernali (YOG) di Innsbruck 2012 erano stati la prima manifestazione di tutto il potenziale della talentuosa e determinata sciatrice slovacca.

Vlhová, allora 16enne, ha conquistato un'impressionante vittoria con 1,49 secondi di vantaggio nello slalom femminile e ha mancato di poco le medaglie in gigante e supercombinata. Dopo quel successo, ha aggiunto un bronzo ai Mondiali juniores in Italia e poi, più tardi nella stessa stagione, si è lanciata nel debutto in Coppa del Mondo senior.

"È stata una grande esperienza, anche se è passato molto tempo", dice Vlhová dello YOG. "Innsbruck ha dato il via alla mia carriera perché ho vinto lo slalom ed è stato un grande risultato per la Slovacchia. Da lì ho iniziato a salire spesso sul podio".

Quasi un decennio dopo, Vlhová è attualmente al vertice del suo sport.

La scorsa stagione è diventata la prima slovacca a vincere un titolo assoluto di Coppa del Mondo, con la 26enne nativa di Liptovský Mikuláš, nella Slovacchia centro-settentrionale, che ha ottenuto sei vittorie e dieci podi, superando l'ex campionessa di Coppa del Mondo Lara Gut-Behrami di 160 punti e la tre volte campionessa in carica Mikaela Shiffrin di 341.

Ha dimostrato resistenza e forza di volontà uniche, resistendo a un calendario estenuante che l'ha vista competere in tutte le 31 gare.

Non troppo in vista, loquace o a caccia di attenzione, la Vlhová punta a difendere il suo titolo di Coppa del Mondo nei prossimi mesi, prima di rivolgere la sua attenzione a Pechino, dove tenterà di vincere la prima medaglia Olimpica per la Slovacchia nello sci alpino.

Petra Vlhova in azione nel gigante di Coppa del Mondo FIS 2021 a Soelden
Foto di 2021 Getty Images

Olympics.com: Sei orgogliosa dei risultati della scorsa stagione e credi che il tuo successo stia avendo un impatto sui giovani in Slovacchia?

Vlhová: L'anno scorso sono stato la miglior atleta della Slovacchia, quindi penso che molti ragazzi volevano essere come me, e così hanno iniziato a sciare, e la cosa mi rende felice.

Speriamo che io resti un idolo per loro e che comincino a fare qualche sport, specialmente lo sci alpino – per esempio vedendo Peter Sagan [il tre volte Campione del mondo di ciclismo della Slovacchia] molti ragazzi hanno cominciato a pedalare.

Forse stiamo iniziando a diventare un paese che ama lo sci alpino, ma questo lo deve dire qualcun altro.

Considerando che lavorerai con un nuovo allenatore, Mauro Pini, cosa pensi che possa cambiare in questa stagione in cui devi difendere il tuo titolo in Coppa del Mondo?

Ho cambiato il mio allenatore, quindi per me sarà una stagione diversa, anche se gli obiettivi sono quasi gli stessi. L'anno scorso, l'obiettivo era la classifica generale, quest'anno quello principale è una medaglia ai Giochi Olimpici, ma senza scordare le gare di Coppa del Mondo.

Sento che ora ho più libertà, ma anche fiducia, perché abbiamo concordato insieme di coltivare di più la qualità. Ora tutto è più tranquillo e sento meno pressione. Quindi sono felice così. Non gareggeremo dappertutto, ma faremo anche alcuni eventi di velocità.

Man mano che la stagione va avanti decideremo quale gara fare e quale saltare, così resteremo più 'tranquilli' e concentrati per il gigante o lo slalom

Quanto è importante e divertente per te, gareggiare in più discese libere in questa stagione?

In primo luogo, i nostri obiettivi e l'attenzione sono più per lo slalom e il gigante, naturalmente il parallelo e anche un po' di velocità. Mi piace la velocità e correre di più in discesa e super-g, ma la nostra priorità sarà più per gigante e slalom.

Dopo aver vinto la Coppa del Mondo di sci, senti che la pressione è aumentata?

Non avverto una grande pressione – cercherò di essere tranquilla e di concentrarmi su me stessa senza disperdere energie. Certo, tutti parlano del fatto che l'anno scorso abbia vinto la classifica generale, e forse arrivo alla nuova stagione come la sciatrice da battere, ma sto cercando di restare calma e tranquilla.

Quali saranno le avversarie principali per il titolo?

Quest'anno, naturalmente, sarà una stagione dura come le precedenti, perché ci sono molte colleghe che vanno fortissimo. Non voglio fare i nomi, ma penso che ci saranno molte ragazze in lotta per la classifica generale e per quelle di specialità. Cercherò di essere tra loro.

Quali sono le tue speranze e aspettative per i tuoi terzi Giochi Olimpici Invernali, a Pechino in febbraio?

In questo momento non sto pensando alle Olimpiadi. Questa stagione abbiamo deciso di andare più per la qualità che per la quantità, ma se a dicembre saremo tranquilli, inizieremo a prepararci per i Giochi.

Come ci si prepara per i Giochi Olimpici, tra l'altro nessuno ha ancora visto o corso sulle piste in Cina?

Sarà lo stesso per tutti, quindi non credo che nessuno avrà qualche vantaggio su quelle piste. Nella mia mente, ora sono concentrata sulle gare di Coppa del Mondo e, quando arriverà il momento [per le Olimpiadi], sarò pronta a combattere.

Negli ultimi anni, molti slalomisti sono passati ad allenarsi al coperto – l'hai fatto anche tu –: ti piacerebbe in futuro vedere delle gare al coperto?

Spero di no perché non mi piace troppo, ma è vero che ogni anno faccio un po' di allenamento al coperto. Va bene per lo slalom, ma non per il gigante. Puoi testare alcuni sci perché possiamo trovare condizioni simili. Però è difficile sciare al coperto, perché due ore di sci al chiuso valgono quasi come cinque ore all'aperto. Tuttavia, va bene per allenarsi di tanto in tanto.

LEGGI ANCHE: Petra Vlhova: “Ora sono molto più libera e punto alle Olimpiadi”

SEGUI LE OLIMPIADI IN MODO UNICO.

Eventi sportivi in diretta gratis. Accesso illimitato alle serie. Novità e momenti salienti in esclusiva dalle Olimpiadi