I più bei momenti della storia Paralimpica

Alla vigilia della seconda Cerimonia di Apertura di Tokyo 2020, è tempo di rivivere alcuni dei momenti più iconici dei recenti Giochi Paralimpici.

Wheelchair Rugby
Foto di 2012 Getty Images

I Giochi Paralimpici sono pieni di momenti memorabili e innovativi; tra pochi giorni, i Giochi Paralimpici di Tokyo 2020 sembrano destinati ad offrirne di nuovi.

Con un programma ricco di azione, con 33 sport e più di 4.400 atleti che competeranno per vincere l'oro, è destinata ad essere una grande festa sportiva paralimpica.

Mentre il conto alla rovescia per la Cerimonia di Apertura si avvicina sempre di più, diamo uno sguardo indietro ad alcuni dei più grandi momenti della storia.

La spettacolare vittoria di Bebe Vio a Rio 2016

Unica schermitrice in carrozzina senza braccia e gambe a competere ai Giochi Paralimpici, Bebe Vio si è assicurata la vittoria nel suo debutto paralimpico a Rio 2016. Quando l'italiana diciannovenne ha segnato il punto vincente contro ZHOU Jingjing della Repubblica Popolare Cinese, Vio ha urlato ed è scoppiata a piangere mentre la folla applaudiva intorno a lei.

Ripensando a quel momento emozionante, Vio ha detto nel documentario Rising Phoenix: "Devi solo credere in te stesso. Vai avanti e fai quello che desideri".

LEGGI ANCHE: Ricordando i Giochi Paralimpici Estivi di Tokyo 1964.

La prima medaglia d'oro degli USA nel sitting volley femminile

La squadra della Repubblica Popolare Cinese è stata la campionessa in carica del sitting volley femminile da Atene 2004. Ma, a Rio 2016, gli Stati Uniti, medaglia d'argento a Londra 2012, hanno infranto il loro dominio diventando i nuovi campioni paralimpici.

Parlando della loro vittoria, la fuoriclasse Kaleo Kanahele Maclay ha detto a Tokyo 2020: "Ero così orgogliosa di tutto il lavoro che abbiamo fatto come squadra per arrivare a quella partita per la medaglia d'oro, e in quella partita abbiamo fornito una grande prestazione: la sintesi perfetta di tutto il lavoro e la dedizione che abbiamo avuto come squadra".

I Campioni in carica del Calcio a 5

Il Brasile ha dominato nel calcio a 5 da quando è stato introdotto per la prima volta nel programma Paralimpico di Atene 2004. A Rio 2016 ha dimostrato perché sono considerati i veri campioni: con i gol delle stelle Richardinho e Jefinho, il Brasile ha vinto il quarto oro consecutivo; in finale hanno ottenuto una vittoria per 1-0 sull'IR Iran davanti ai propri tifosi di casa.

"Non è un caso che il Brasile sia stato per quattro volte campione Paralimpico e abbia vinto diversi titoli mondiali. La nostra squadra, i giocatori e il comitato tecnico, sono molto preparati in termini di organizzazione e supporto", ha detto Jefinho a Paralympic.org.

La prima medaglia del Giappone nel rugby in carrozzina

La squadra maschile di rugby in carrozzina del Giappone ha battuto il Canada a Rio 2016 nello spareggio per la medaglia di bronzo. È stata la sua prima medaglia alle Paralimpiadi, con cui è diventata l'unica nazione asiatica ad aver vinto una Medaglia in questo sport ai Giochi Paralimpici.

Ripensando a quella spettacolare vittoria, IKEZAKI Daisuke, uno dei giocatori chiave della squadra, ha detto a Paralympic.org: "Ottenere la medaglia di bronzo ai Giochi Paralimpici di Rio è stata l'esperienza più felice durante i miei sei anni di vita da rugbista in carrozzina".

GettyImages-607530932
Foto di 2016 Getty Images

ZHENG Tao, primo oro a Londra 2012

Conosciuto come il "nuotatore senza braccia", Zheng ha raggiunto la gloria Paralimpica per la Cina con la vittoria della medaglia d'oro nei 100m dorso (S6) al suo debutto a Londra 2012. Inoltre, ha ripetuto di nuovo quest’impresa, nonostante gli infortuni, quattro anni dopo a Rio 2016.

Tatyana Mcfadden vince l'oro a Londra 2012

Mcfadden ha fatto incetta di medaglie sin dal suo debutto ad Atene 2004. A Londra 2012, l'atleta americana di origine russa ha portato a casa tre medaglie d'oro: nei 400m, 800m e 1.500m (T54).

“Ho vinto la mia PRIMA medaglia d'oro di sempre ai giochi!!” McFadden ha twittato dopo aver vinto i 400. “Non ho parole per descrivere questa sensazione. Grazie per tutto il meraviglioso supporto!”

Quattro anni dopo, Mcfadden ha bissato gli allori negli stessi eventi a Londra 2012, aggiungendo il titolo nel T54 de 5000m.

GettyImages-151632324
Foto di 2012 Getty Images

La squadra di sitting volley maschile del Ruanda si qualifica per Londra 2012

Dalle ceneri della guerra in Ruanda è nata una formidabile squadra di sitting volley maschile. Formata da due amputati, è diventata la prima squadra della nazione a qualificarsi per i Giochi Paralimpici. Sebbene non abbiano vinto nessuna medaglia, la loro storia di successo contro le avversità ha ispirato il mondo.

“Se il mondo conosce il Ruanda, lo fa come un paese in guerra. Forse grazie a noi si potrà conoscere anche come un paese unito", ha detto il capitano della squadra, Emile Vuningabo, a The Telegraph dopo la partita.

Il primo oro di KUNIEDA Shingo a Pechino 2008

Il tennista su carrozzina n. 1 al mondo ha dimostrato il suo dominio a Beijing 2008, dove ha vinto l'oro nel singolo. È stato il suo primo titolo paralimpico. Quattro anni dopo, è tornato in campo a Londra 2012, vincendo un’altra volta la medaglia d'oro.

Per Kunieda la vittoria a Beijing 2008 ha avuto un significato speciale.

"Penso che sia stato dopo i Giochi di Pechino 2008 che i Giochi Paralimpici hanno iniziato a ricevere molta attenzione da parte dei media e da allora l'interesse di tutti è cresciuto", ha detto a Tokyo 2020.

GettyImages-82795182
Foto di 2008 Getty Images

La 55a medaglia d'oro di Trischa Zorn ad Atene 2004

Prima di ritirarsi, la nuotatrice americana Trischa Zorn ha realizzato una grande performance ad Atene 2004 - i suoi ottavi e ultimi Giochi da quando ha debuttato ad Amhem 1980. Nella capitale greca, ha vinto la sua 55a medaglia, che l’ha resa una delle atlete paralimpiche di maggior successo nella storia. Dopo tre decenni in acqua, Zorn è stata inserita nella International Paralympian Hall of Fame nel 2012.

"Voglio credere di aver avuto un impatto positivo sullo sport e sui Giochi Paralimpici", ha detto a TeamUSA.org nel 2020. "Ci penso a volte e vorrei rivivere quei momenti ma, ora lo so, è stato l'obiettivo degli atleti paralimpici della mia generazione, quello di aprire la strada agli atleti che ora hanno più opportunità".