Giochi Olimpici Parigi 2024: cinque cose da sapere

Dal debutto di un nuovo sport Olimpico a un nuovo stemma rivoluzionario, ecco cinque cose da sapere sui Giochi Olimpici di Parigi 2024.

di Will Imbo

L'8 agosto, i Giochi Olimpici di Tokyo 2020 si sono conclusi con la Cerimonia di Chiusura, che ha incluso la consegna della bandiera olimpica da parte del Governatore di Tokyo, Yuriko Koike, al Presidente del CIO, Thomas Bach, il quale successivamente ha affidato la bandiera al Sindaco di Parigi, Anna Hidalgo.

E se manca ancora qualche anno ai Giochi Olimpici di Parigi 2024, non è mai troppo presto per emozionarsi per i Giochi della XXXIII Olimpiade!

Ecco le cinque cose principali da sapere sui Giochi Olimpici di Parigi 2024, tra cui uno sport esordiente, una sede nel Pacifico, il design dello stemma e altro ancora!

Il centenario dei Giochi Olimpici di Parigi 1924

Nel 2024, Parigi diventerà la seconda città a ospitare i Giochi Olimpici Estivi per tre volte dopo Londra (che ha ospitato i Giochi Olimpici del 1908, 1984 e 2012).

La Ville Lumière ha ospitato per la prima volta i Giochi Olimpici nel 1900, quattro anni dopo che l'evento polisportivo è stato reintrodotto ad Atene dopo essere stato bandito dall'imperatore romano Teodosio I circa 1.500 anni prima.

Nessuna Cerimonia di Apertura o Chiusura si è tenuta alle Olimpiadi del 1900, che hanno visto per la prima volta concorrenti femminili nella storia Olimpica, così come altri eventi unici tra cui palla basca, nuoto subacqueo e cricket.

Parigi ha ospitato nuovamente le Olimpiadi Estive nel 1924, diventando così la prima città a ospitare le Olimpiadi due volte. Mentre la Cerimonia di Apertura delle Olimpiadi 1924 si è tenuta il 5 luglio, alcune gare sono iniziate il 4 maggio, con la Cerimonia di Chiusura che si è tenuta il 27 luglio.

Cento anni dopo, il 26 luglio 2024, Parigi accoglierà ufficialmente per la terza volta il mondo ai Giochi Olimpici, mentre queste Olimpiadi saranno le seste che si terranno in Francia (oltre alle tre Olimpiadi estive citate, la Francia ha anche ospitato le Olimpiadi Invernali in tre occasioni: Chamonix 1924, Grenoble 1968 e Albertville '92).

Pallanuoto ai Giochi Olimpici di Parigi 1924
Foto di 2005 Getty Images

Il debutto Olimpico della break dance

Il programma delle Olimpiadi Estive 2024 prevede 32 sport, che comprendono 306 eventi; tra questi sport c'è la break dance, che farà il suo debutto Olimpico.

La break dance include giochi di gambe e movimenti atletici come giri della testa o all'indietro. Gli atleti (noti come b-boy e b-girl) vengono giudicati in base a una serie di criteri durante le loro routine, tra cui abilità tecnica, creatività, stile, velocità, forza, ritmo e agilità.

Quello della break dance è stato un evento estremamente popolare alle Olimpiadi Giovanili Estive del 2018 a Buenos Aires, e nel dicembre 2020 lo sport è stato ufficialmente aggiunto al programma di Parigi 2024 insieme alle conferme di surf, skateboard e arrampicata sportiva (che hanno fatto il loro debutto Olimpico a Tokyo 2020).

Intervenendo in conferenza stampa dopo la riunione del Comitato Esecutivo del Comitato Olimpico Internazionale (CIO) per confermare il programma di Parigi 2024, il presidente del CIO Thomas Bach ha affermato che l'aggiunta di questi sport renderà i Giochi Olimpici “più bilanciati tra i sessi, più giovani e più cittadini".

"Abbiamo avuto una chiara priorità, quella di introdurre sport particolarmente popolari tra le giovani generazioni. E anche di tenere conto dell'urbanizzazione dello sport".

Surf Olimpico a Tahiti

Tahiti — la più grande isola della Polinesia francese, una comunità d'oltremare della Francia — ospiterà la competizione di surf a Parigi 2024.

Tahiti è stata scelta come sede battendo la concorrenza di quattro località della Francia continentale (Biarritz, Lacanau, Les Landes e La Torche), e quando la competizione inizierà nel 2024 – a una distanza di 15.700 chilometri da Parigi – batterà il record per l'evento Olimpico più lontano che si terrà al di fuori della città ospitante.

Ai Giochi Olimpici di Melbourne del 1956, gli eventi equestri sono stati spostati dalla città australiana a causa delle leggi sulla quarantena e si sono tenuti invece cinque mesi prima a Stoccolma, in Svezia.

L'International Surfing Association (ISA) ha sostenuto la decisione, con il presidente dell'ISA Fernando Aguerre che ha dichiarato alla BBC che la scelta di Tahiti come sede Olimpica "è una testimonianza dello spirito di creatività e innovazione di Parigi 2024".

Stemma Olimpico e Paralimpico di Parigi 2024

Quando lo stemma di Parigi 2024 è stato presentato nel 2019, ha segnato un momento iconico nella storia dei Giochi Olimpici e Paralimpici. Per la prima volta in assoluto, lo stesso stemma sarebbe stato utilizzato per entrambe le competizioni.

Descritto come il "volto" dei Giochi, lo stemma è un'unità di tre simboli iconici: la medaglia d'oro, la fiamma e Marianne, un caro simbolo della rivoluzione e del popolo francese.

"In primo luogo, abbiamo voluto che questo simbolo fosse lo stesso per i Giochi Olimpici e Paralimpici per la prima volta nella storia", ha affermato Tony Estanguet, leader della candidatura per le Olimpiadi di Parigi 2024 e tre volte campione Olimpico di canoa.

"È storico, è per dire che abbiamo la stessa ambizione per questi due eventi, mettere gli atleti Olimpici e Paralimpici sullo stesso livello e celebrare i Giochi allo stesso modo, sia in termini di celebrazione che di patrimonio".

Puoi saperne di più sullo stemma di Parigi 2024 qui.

Una maratona per tutti

In un'altra novità per i Giochi Olimpici, lo stesso giorno dell'evento élite si svolgerà una maratona a partecipazione di massa aperta agli atleti dilettanti. La maratona "pubblica" non partirà contemporaneamente alla competizione élite, ma gli atleti correranno sullo stesso percorso e nelle stesse condizioni dell'evento Olimpico, secondo quanto dichiarato da Estanguet.

Una dichiarazione sul sito web di Parigi 2024 recita: "Con questo evento [la maratona a partecipazione di massa], Parigi 2024 invita le persone di tutta la Francia a ispirarsi alla mentalità atletica e ai valori Olimpici e a integrarli nella loro vita quotidiana".

“Per consentire al maggior numero possibile di persone di condividere questa straordinaria esperienza, saranno offerti diversi formati di gara in modo che tutti, atleti esperti o principianti, normodotati o diversamente abili, giovani o meno giovani, possano godere di questo momento davvero eccezionale.”

SCOPRI:Il medagliere finale dell'Italia alle Olimpiadi di Tokyo 2020.