Cosa abbiamo imparato: il ciclismo su strada alle Olimpiadi di Tokyo 2020

Dall'incredibile gara di Anna Kiesenhofer alla dimostrazione di potenza della "Locomotora"’, guarda i momenti memorabili del ciclismo su strada a Tokyo 2020, il medagliere, e cosa aspettarsi in vista di Parigi 2024. 

Foto di Michael Steele/Getty Images

Le gare di ciclismo su strada a Tokyo 2020 sono state piene di emozioni e drammi, vittorie shock e rimonte epiche - in breve, tutto ciò che vorresti a un'Olimpiade!

Di seguito, diamo uno sguardo ai momenti più memorabili, un riepilogo dei vincitori delle medaglie e guardiamo chi tenere d'occhio in vista delle Olimpiadi di Parigi 2024 tra appena tre anni!

I cinque momenti memorabili del ciclismo su strada a Tokyo 2020

1 - Anna Kiesenhofer sorprende tutti

Da dove iniziare se non dalla splendida vittoria di Kiesenhofer nella gara su strada femminile?

L'austriaca è una specialista delle prove a cronometro, ma nessuno la nominava prima della corsa su strada a Tokyo 2020. La 30enne con un post-dottorato in matematica a tempo pieno presso l'École Polytechnique Fédérale de Lausanne in Svizzera è una ciclista dilettante; vale a dire, non ha firmato per una squadra professionistica (non ha nemmeno un allenatore!).

Nessuna importanza, perché l'austriaca ha sfoderato la gara della vita nei 147 km della corsa, andando da sola per gli ultimi 40 km prima di chiudere con un tempo di 3:52:45.

Anna
Foto di 2021 Getty Images

Il suo vantaggio era così grande che l'olandese Annemiek van Vleuten - che ha concluso quasi due minuti dopo Kiesenhofer - è scoppiata in lacrime di gioia, pensando erroneamente di aver vinto l'oro prima di rendersi conto di essere, in effetti, arrivata seconda.

"È incredibile", ha detto Kiesenhofer. "Non potevo crederci. Anche quando ho tagliato il traguardo, è stato come, 'È fatta ora? Devo continuare a pedalare?' Incredibile."

Con la sua vittoria, Kiesenhofer ha fatto la storia in diversi modi per l'Austria; è la prima atleta austriaca a vincere una medaglia olimpica di ciclismo su strada, la prima austriaca a vincere una medaglia olimpica in qualsiasi disciplina ciclistica in 125 anni e la prima austriaca a vincere una medaglia d'oro ai Giochi Olimpici (estivi) da Atene 2004.

2 - Richard Carapaz tiene fede al soprannome

Mentre la vittoria di Carapaz nella cronometro maschile non è stata così scioccante come l'oro di Kiesenhofer nell'evento femminile, la sua prestazione non è stata meno spettacolare.

Carapaz – vincitore del Giro d'Italia 2019, secondo classificato alla Vuelta a España 2020 e terzo classificato al Tour de France 2021 – si era preparato per l'evento allenandosi sul vulcano Cotopaxi nelle Ande.

Si è rivelata una decisione saggia da parte dell'ecuadoriano, considerando che il percorso di gara a Tokyo è stato descritto come uno dei più difficili nella storia olimpica con quasi 5.000 metri di arrampicata.

Carapaz_Tokyo_2020
Foto di 2021 Getty Images

Con 25 chilometri da percorrere, Carapaz - soprannominato La Locomotora (la locomotiva) - è andato in fuga insieme allo statunitense Brandon McNulty, con i due leader che hanno messo più di 30 secondi tra loro e il primo gruppo degli inseguitori. Tuttavia, con sei chilometri rimasti, Carapaz ha sfruttato la sua occasione, staccandosi da un affaticato McNulty in salita e diventando la seconda medaglia d'oro ecuadoriana nella storia olimpica.

Dopo la gara, Carapaz ha parlato con orgoglio della vittoria della medaglia d'oro: "La verità è che è un momento incredibile, le parole non possono descriverlo", ha detto, prima di aggiungere: "Per il mio paese, la verità è che devi crederci, no? Ho lavorato così duramente per arrivare qui. Sono qui, mi sto divertendo – è qualcosa di così grande per me. E semplicemente grazie per il supporto che mi ha davvero aiutato ad arrivare qui".

3 - Primož Roglič vince la cronometro

Lo sloveno Primož Roglič è arrivato a Tokyo ancora alle prese con gli effetti della brutta caduta che lo aveva costretto a ritirarsi dal Tour de France 2021, la competizione in cui era arrivato secondo l'anno precedente.

"Prima di tutto diciamo... quando ho preso la decisione di venire qui, mi sono allenato bene ed ero pronto a partire. Ma subito con la gara su strada ho avuto di nuovo grossi problemi, ero quasi fuori gara dopo un'ora a causa di crampi alla schiena", ha detto Roglic, che ha concluso 28esimo la gara su strada maschile.

Primoz Roglic
Foto di Michael Steele/Getty Images

Ma fortunatamente per Roglic, quando è arrivato il giorno della gara a cronometro non sentiva più alcun dolore, il che gli ha permesso di stabilire il tempo di 55:04.19 per conquistare l'oro con oltre un minuto sul suo concorrente più vicino, Tom Dumoulin dei Paesi Bassi.

4 - Finisce la sfortuna per i Paesi Bassi

La squadra olandese deve aver pensato di aver fatto qualcosa per offendere gli dei di Tokyo 2020 dopo i primi giorni di competizione (e allenamento!) in Giappone.

Innanzitutto, come accennato in precedenza, la Van Vleuten non si è resa conto di avere una concorrente davanti a sé nella gara su strada femminile a causa della mancanza di comunicazioni radio.

Poi, nell'evento di mountain bike, Mathieu van der Poel è caduto dopo non aver realizzato che una rampa sul percorso sarebbe stata rimossa per la gara vera e propria.

E c'è stato un altro incidente con la campionessa di BMX Niek Kimmann che si è scontrata con un ufficiale di gara che vagava in pista durante una corsa di prova.

Ma Van Vleuten ha conquistato una medaglia d'argento nella corsa su strada, a cui ha fatto seguito un oro nella cronometro femminile e la sua connazionale Anna van der Breggen ha conquistato il bronzo. Successo anche per la squadra maschile, con Dumoulin che si è assicurato un argento nella cronometro.

5 - Tifosi scatenati!

A causa della pandemia di COVID-19, i fan non sono stati ammessi all'interno della maggior parte delle sedi di gara per i Giochi Olimpici di Tokyo 2020.

Tuttavia, gli atleti delle gare su strada hanno avuto la fortuna di trovare tifosi festanti poiché la maggior parte del percorso per le gare maschili e femminili era al di fuori della regione di Tokyo, dove protocolli COVID-19 più leggeri consentivano la presenza degli spettatori.

Gli spettatori giapponesi hanno sfruttato al massimo l'opportunità, facendo il tifo per i ciclisti con i tradizionali tamburi Taiko, fischietti e grandi cartelli che hanno fornito una spinta tanto necessaria agli atleti che si sottoponevano all'estenuante gara.

GettyImages-1330367350
Foto di Tim de Waele/Getty Images

Ultimo sguardo al successo a cronometro di Van Vleuten

Van Vleuten sicuramente da perdonare per sentirsi un po' in imbarazzo dopo il passo falso nella gara su strada femminile, ma ha fatto ammenda nel miglior modo possibile: vincendo l'oro nella cronometro.

La due volte campionessa del mondo a cronometro ha mostrato la sua qualità sulla bici facendo registrare un tempo di 30:13.49 - quasi un minuto intero più veloce di Marlen Reusser (SUI) seconda - per finire in cima al podio.

È stata una vera e propria storia di riscatto per l'olandese, vittima di uno spaventoso incidente mentre guidava la gara su strada a Rio 2016. Era andata in ospedale con tre fratture spinali lombari e una grave commozione cerebrale.

Ma non c'è stato modo di fermare la 38enne sul Fuji International Speedway.

Ciao Parigi 2024

Uno degli aspetti emozionanti della gara su strada e delle gare a cronometro è il fatto che non si sa mai chi vincerà! Nella storia olimpica di entrambi gli eventi di entrambi i generi, solo tre atleti hanno difeso con successo la loro medaglia d'oro: Viatcheslav Ekimov, che ha vinto l'oro nel 2004 e nel 2008 nella cronometro maschile, Leontien van Moorsel nella cronometro femminile nel 2000 e nel 2004, e Kristin Armstrong, che ha vinto tre medaglie d'oro consecutive dal 2008 al 2016.

Quindi, si può scommettere che vedremo nuovi atleti salire sul podio a Parigi tra tre anni; speriamo solo che le competizioni per vincere l'oro siano eccitanti come quelle che ci ha regalato a Tokyo!

Dove e quando guardare le repliche su Olympics.com

La risposta è qui: Olympics.com/tokyo2020-replays

Qando ci saranno le prossime gare?

I Campionati Europei su strada UEC sono in programma dall'8 al 12 settembre, i Mondiali UCI su strada in Belgio dal 19 al 26 settembre.

Il medagliere del ciclismo su strada a Tokyo 2020 nel 2021

Donne

Corsa su strada

Oro: Anna Kiesenhofer (AUT)

Argento: Annemiek van Vleuten (NED)

Bronzo: Elisa Longo Borghini (ITA)

Cronometro

Oro: Annemiek van Vleuten (NED)

Argento: Marlen Reusser (SUI)

Bronzo: Anna van der Breggen (NED)

Uomini

Corsa su strada

Oro: Richard Carapaz (ECU)

Argento: Wout Van Aert (BEL)

Bronzo: Tadej Pogačar (SLO)

Cronometro

Oro: Primož Roglič (SLO)

Argento: Tom Dumoulin (NED)

Bronzo: Rohan Dennis (AUS)