Andrea Fuentes ha salvato la vita a Anita Alvarez, la nuotatrice statunitense di artistico svenuta dopo l'esibizione ai Campionati del mondo FINA 2022

La statunitense Alvarez, dopo la routine del libero individuale, ha perso i sensi per un malore precipitando in fondo alla vasca. La sua coach, la spagnola Andrea Fuentes, senza alcuna esitazione e nonostante i momenti concitati si è tuffata in piscina - vestita - per salvarla.

di Chloe Merrell
Foto di 2022 Getty Images

La nuotatrice Anita Alvarez è stata salvata dalla sua allenatrice Andrea Fuentes, dopo essere rimasta sott'acqua incosciente alla fine dell'esercizio libero della finale di nuoto artistico individuale.

La 25enne avrebbe perso i sensi in seguito a un malore precipitando sul fondo della piscina.

Fuentes, un passato da plurimedagliata Olimpica nel nuoto artistico sincronizzato e oggi alla guida tecnica del team USA, non ha esitato a tuffarsi con addosso la divisa di rappresentanza per cercare di riportare in superficie la sua atleta. Una volta risalita, Alvarez è stata assistita dal soccorso medico che ha aiutato l'allenatrice a portare l'atleta a bordo vasca.

“Vedevo da fuori Anita che affondava sempre di più e io cercavo di nuotare più veloce che potessi" ha dichiarato Fuentes a La SER.

“Ho visto che non respirava e ho provato a darle degli schiaffi, le gridavo 'Anita respira!'.Ora sta bene, molto bene".

In un comunicato apparso sui canali ufificali di USA Artistic Swimming (qui su Instagram), Fuentes ha confermato le buone condizioni di salute di Alvarez e che l'atleta starà a riposo nella giornata di oggi (23 giugno), prima di prendere la decisione se gareggiare o meno nelle finali del programma libero a squadre.

LEGGI ANCHE: Una Quadarella di tenacia si prende il bronzo del riscatto negli 800 stile ai Mondiali di nuoto di Budapest 2022.

SEGUI LE OLIMPIADI IN MODO UNICO.

Eventi sportivi in diretta gratis. Accesso illimitato alle serie. Novità e momenti salienti in esclusiva dalle Olimpiadi