Annunciata la Squadra Olimpica Rifugiati del CIO per i Giochi Olimpici di Tokyo 2020

Incontra i 29 atleti che sono stati scelti per competere in Giappone nel 2021 e inviare un messaggio di solidarietà a milioni di rifugiati in tutto il mondo.

di Olympic Channel
Foto di IOC/Greg Martin

Il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) ha svelato i nomi degli atleti che rappresenteranno la Squadra Olimpica dei Rifugiati del CIO ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020 nel 2021.

I 29 atleti finali annunciati martedì (8 giugno) provengono da 11 paesi e sono stati selezionati dal Consiglio Esecutivo del CIO da un gruppo iniziale di 55 IBorsisti Refugee Athlete CIO.

"Gli atleti rifugiati sono un arricchimento per tutti noi dell'intera comunità olimpica", ha detto il presidente del CIO Thomas Bach durante la cerimonia virtuale da Losanna. "Le ragioni per cui abbiamo creato questa squadra esistono ancora. Abbiamo più sfollati per necessità al mondo in questo momento, e quindi era naturale che volevamo creare una Squadra Olimpica Rifugiati CIO".

Durante la Cerimonia di Apertura dei Giochi di Tokyo 2020, il 23 luglio 2021, la squadra entrerà nel nuovissimo Japan National Stadium con la bandiera olimpica in seconda posizione, subito dopo la Grecia.

La squadra alloggerà nel Villaggio Olimpico, come gli atleti di tutti gli altri 206 Comitati Olimpici Nazionali partecipanti, e continuerà a ricevere il sostegno del CIO dopo i Giochi.

In tutte le occasioni ufficiali della squadra (comprese eventuali cerimonie di medaglia), verrà issata la bandiera olimpica e verrà suonato l'inno olimpico.

Atleti

Abdullah Sediqi (Afghanistan) - Taekwondo (-68kg maschile)

Ahmad Baddredin Wais (Siria) - Ciclismo (strada maschile)

Ahmad Alikaj (Siria) - Judo (squadra mista maschile)

Aker Al Obaidi (Iraq) - Lotta (-67kg greco-romana maschile)

Alaa Maso (Siria) - Nuoto (50m stile libero maschile)

Anjelina Nadai Lohalith (Sudan del Sud) - Atletica leggera (1500m femminile)

Aram Mahmoud (Siria) - Badminton (singolo maschile)

Cyrille Fagat Tchatchet II (Camerun) - Sollevamento pesi (-96kg maschile)

Dina Pouryounes Langeroudi (Iran) - Taekwondo (-49kg femminile)

Dorian Keletela (Congo) - Atletica (100m maschile)

Eldric Sella Rodriguez (Venezuela) - Boxe (-75kg maschile)

Hamoon Derafshipour (Iran) - Karate (-67kg maschile)

Jamal Abdelmaji Eisa Mohammed (Sudan) - Atletica (5000m maschile)

James Nyang Chiengjiek (Sudan del Sud) - Atletica leggera (800m maschili)

Javad Majoub (Iran) - Judo (Squadra mista maschile)

Kimia Alizadeh Zenozi (Iran) - Taekwondo (-57kg femminile)

Luna Solomon (Eritrea) - Tiro (carabina ad aria compressa 10m femminile)

Masomah Ali Zada (Afghanistan) - Ciclismo (strada femminile)

Muna Dahouk (Siria) - Judo (Squadra mista femminile)

Nigara Shaheen (Afghanistan) - Judo (Squadra mista femminile)

Paulo Amotun Lokoro (Sudan del Sud) - Atletica (5000m maschile)

Popole Misenga (DR Congo) - Judo (squadra mista maschile)

Rose Nathike Lokonyen (Sud Sudan) - Atletica (800m femminile)

Saeid Fazloula (Iran) - Canoa (500m maschile)

Sanda Aldass (Siria) - Judo (Squadra mista femminile)

Tachlowini Gabriyesos (Eritrea) - Atletica (maratona maschile)

Wael Sheub (Siria) - Karate (Kata maschile)

Wessam Salamana (Siria) - Boxe (57kg maschile)

** Yusra Mardini (Siria)** - Nuoto (100m farfalla femminile)

Storia della Squadra Olimpica deRifugiati del CIO

All'Assemblea Generale delle Nazioni Unite (ONU) nell'ottobre 2015, di fronte alla crisi globale dei rifugiati che ha visto milioni di persone nel mondo sfollate, il Presidente del CIO Thomas Bach ha annunciato la creazione della Squadra Olimpica dei Rifugiati - la prima del suo genere – con l’obiettivo di farla partecipare ai Giochi Olimpici di Rio 2016.

L'obiettivo era quello di inviare un messaggio di speranza e solidarietà a milioni di rifugiati in tutto il mondo e di ispirare le persone di tutti i ceti sociali con la forza del loro spirito.

Dieci mesi dopo, dieci atleti in rappresentanza di quattro paesi hanno partecipato all’evento sotto la guida di Tegla Lorouple. Tra essi figuravano Paulo Amotun Lokoro, People Misenga, Rose Nathike Lokonyen e Yusra Mardini, che saranno protagonist a Tokyo 2020.

Nell'ottobre 2018, la Sessione del CIO ha deciso che ci sarebbe stata una Squadra Olimpica di Rifugiati per Tokyo 2020 e ha affidato a Olympic Solidarity il compito di stabilire le condizioni di partecipazione e definire il processo di identificazione e selezione di una squadra a Tokyo. Questo processo è stato portato avanti in stretta collaborazione con l'Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR), i Comitati Olimpici Nazionali, le Federazioni Sportive Internazionali e il Comitato Organizzatore di Tokyo 2020.

Gli atleti che hanno ricevuto le Borse di Studio per Rifugiati del CIO hanno beneficiato di finanziamenti e supporto formativo da parte dei Comitati Olimpici Nazionali, che hanno dato loro la possibilità di inseguire il sogno olimpico.