La runner Monica Munga dello Zambia: dal vivere in uno stato di paura costante al sogno paralimpico

La quattrocentista racconta a Olympics.com come sta usando la piattaforma di Tokyo 2020 per demistificare l'albinismo e incoraggiare le persone disabili a fare sport.

Monica Munga teme per la sua incolumità ogni volta che è all'aperto, specialmente al buio.

Il suo allenamento è sempre supervisionato da sua madre o dal suo allenatore.

Essendo un'albina ipovedente, è un bersaglio per le persone che credono che utilizzando le sue parti del corpo in pozioni magiche possano avere fortuna e ricchezza.

"Quando mi muovo, devo farlo con attenzione", ha detto a Olympics.com mentre si preparava a partire per le Paralimpiadi.

“Non mi muovo durante la notte. Ho paura perché se è buio e ti attaccano, nessuno può vederti. La nostra pelle e altre parti (del corpo) possono essere utilizzate per i rituali”.

Sarà l'unica paralimpica a rappresentare lo Zambia a Tokyo 2020.

Monica Munga rappresenterà lo Zambia ai Giochi Paralimpici Tokyo.(Photo: NOC Zambia)

Crescere con l'albinismo… una battaglia

A Chipata, a nord-est della capitale dello Zambia, Lusaka, Munga è cresciuta con la piena consapevolezza di essere albina. Lei era diversa.

La sua carnagione era più chiara e non poteva giocare all'aperto liberamente come facevano gli altri bambini.

A causa della mancanza di pigmentazione della melanina, la sua pelle era molto sensibile al sole e alla luce.

"Nel villaggio, la vita è stata molto difficile", ha detto mentre ricordava il suo passato nel remoto villaggio vicino al confine con il Malawi.

“Non potevo giocare all’aperto e se ci avessi provato i miei amici mi avrebbero preso in giro. Avrebbero riso di me. Potevo giocare solo con mia madre".

Purtroppo, anche la sua sicurezza a casa è stata compromessa.

La sua condizione geneticamente ereditata ha messo a dura prova la relazione dei suoi genitori.

“È stato difficile... venivo torturata da mio padre. Mia madre poi ha deciso per il divorzio a causa mia. Si sono lasciati a causa del mio stato perché si è detta: "Non posso lasciare che mia figlia soffra a causa del mio matrimonio".

Dopodiché è stata mandata in un collegio locale per ciechi, che le ha offerto sollievo e un riparo dalla discriminazione, dando lei anche l'opportunità di perseguire un altro interesse: lo sport.

“Sono stata nel collegio da quando avevo cinque o sei anni. Lì, ho trovato molte persone che vivevano con l'albinismo e altri erano ciechi come me. Ero felice perché non sapevo che eravamo in così tanti".

“Ho iniziato a correre. Quando avevo circa 12 anni, facevo i 200 e i 400 metri ed è stato allora che il governo ha notato il mio potenziale".

Monica Munga rappresenterà l0 Zambia ai Giochi Paralimpici di Tokyo.(Photo: NOC Zambia)

L'unica atleta paralimpica dello Zambia

Munga è stata scelta dal governo dello Zambia per allenarsi all'estero come una dei suoi migliori atleti.

La 22enne ha deciso di puntare sui 400 metri, seguendo le orme della madre, velocista amatoriale in pensione.

È stato durante il suo soggiorno alla Nippon Sport Science University in Giappone che ha iniziato a capire il valore dei Giochi Paralimpici e ha iniziato a sognare di gareggiare a Tokyo.

La zambiana si è poi qualificata per le Paralimpiadi al World Para Athletics Grand Prix di Dubai 2019, dove ha partecipato come atleta della categoria T13 e F13.

Ha realizzato una grande prestazione nell'evento T12/13 400m, guadagnandosi la qualificazione per i Giochi Paralimpici di Tokyo 2020.

“Ho vinto una medaglia d'oro nei 400 metri e l'argento nei 200 metri. Ho corso sotto il tempo di qualificazione con 1:08.40. Nei 200 metri, invece, ho perso per 30 millisecondi e non mi sono qualificata. Sono stata poi invitata a venire ad allenarmi a Lusaka.

“A Chipata non ho potuto allenarmi bene. Mi sono allenata su strada, non avendo attrezzature e strutture adeguate”.

Come la maggior parte degli atleti, Munga ha perso mesi di allenamento nel 2020 a causa dell'interruzione per la pandemia di COVID-19.

Ma non è stata l'unica sfida.

Durante il lockdown ha dato alla luce il suo primo figlio, un maschietto. Tuttavia, è sempre rimasta concentrata e, solo sette mesi dopo, è tornata al campo di allenamento nazionale a Lusaka, determinata a realizzare il suo sogno paralimpico.

"Se non fosse stato per il coronavirus, non sarei stata in grado di allenarmi per Tokyo; per me è stata come una benedizione", ha detto sorridendo l'atleta allenata da Crispin Mwale.

“Ho iniziato a gareggiare l'anno scorso quando ho smesso di allattare il bambino che aveva sette mesi. Da allora sono stata in grado di ridurre il mio tempo e persino di migliorare il mio record. Ora sto puntando a un minuto, 4 secondi in meno del mio record di 1:04".

MONICA BY FELIX MUNYIKA-10

Lo Sport contro il pregiudizio: l'albinismo è solo un colore

Munga sarà la quarta atleta paralimpica a rappresentare la sua nazione ai Giochi e solo la seconda donna.

Nancy Kalaba è stata la prima atleta dello Zambia a Sydney 2000 nei 100m T12.

La nazione sudafricana ha debuttato alle Paralimpiadi di Atlanta 1996 e ha inviato atleti a quattro edizioni dei Giochi.

Munga, l’unica atleta dello Zambia, spera che gli zambiani trarranno ispirazione dalla sua partecipazione.

“Sto solo lavorando sodo per quando sarò là fuori in modo da essere di ispirazione per altre persone - Monica Munga.

"Sarei felice se ci fossero più atleti con disabilità", ha detto a Tokyo 2020.

"Arrivare ad un torneo insieme ad altri quattro o cinque e non da soli. Poi si potrà anche dire che lo Zambia ha formato molti atleti che vivono con l'albinismo. Ce ne sono già tanti ma vivono con la paura".

Le persone con albinismo non vengono comprese dal punto di vista sociale e medico e affrontano molteplici forme di discriminazione in tutto il mondo.

Nella maggior parte dell'Africa subsahariana, sono spesso oggetto di credenze e miti superstiziosi, che favoriscono la loro emarginazione ed esclusione sociale e portano a varie forme di pregiudizio e violenza.

“Non mi sono mai mossa da sola, neanche quando avevo 18 anni. I miei genitori mi scortavano ovunque andassi perché era sempre 'Non andare lì, ti uccideranno!'”, ha ricordato Munga.

“Anche adesso ho paura (di uscire) quando è buio perché nessuno può vedermi o sapere se vengo attaccata”.

“Questa (paura) rende i genitori riluttanti a lasciare uscire i propri figli. Gli allenatori sono andati porta a porta per chiedere ai genitori di far allenare i propri figli. Chiedono loro di firmare alcuni documenti e assicurano loro che se succede qualcosa potranno dare la colpa al governo».

L'Ufficio centrale di statistica dello Zambia stima che ci siano oltre 30.000 persone con albinismo.

“Spesso dai media si sente dire che a qualcuno sono state tagliate le dita, le mani o le gambe. Pensano che la nostra pelle e le parti del corpo possano essere utilizzate per i rituali.

"La maggior parte delle persone non ci conosce. Ci sono dei miti su di noi secondo cui gli albini non muoiono, semplicemente scompaiono. Ora, fortunatamente, il governo sta cercando di inviare messaggi sensati, educando le persone che prendere di mira un albino è come uccidere un tuo amico. Siamo tutti uguali, è solo una differenza del colore della pelle."

Il viaggio di Munga a Tokyo ha anche ispirato un episodio della serie TV sugli eroi paralimpici africani con il supporto dell'International Paralympic Committee (IPC)

La serie TV intitolata Against All Odds "racconta il cambiamento delle idee sbagliate e dei pregiudizi riguardo le persone disabili in Africa".

Il suo messaggio a Tokyo sarà di speranza e inclusione mentre continua a confutare le false credenze.

“Sono un esempio vivente... voglio diffondere il messaggio che lo sport è per tutti, anche per i disabili. Ora sono conosciuta in quasi la metà del mio paese. Se chiedi a qualcuno, conosci Monica? ti diranno: 'Oh sì! Monica l'atleta, che è albina...'”

Attenzione a questa stella dello Zambia!

Dove guardare i Giochi Paralimpici in diretta

Puoi vedere i Giochi Paralimpici di Tokyo 2020 Live, ovunque tu sia.