Incidente in elicottero, muore la leggenda del basket Kobe Bryant

Il cinque volte campione NBA e due volte campione olimpico è rimasto ucciso in un incidente in elicottero a 41 anni. 

di Scott Bregman and Sven Busch

La leggenda dei Los Angeles Lakers Kobe Bryant è morto a seguito di un incidente in elicottero a Calabasas, California.

Il fuoriclasse del basket aveva 41 anni.

Il Dipartimento dello Sceriffo della Contea di Los Angeles ha confermato domenica che nessuno dei trasportati è sopravvissuto all'incidente. Lo sceriffo della Contea di Los Angeles Alex Villanueva ha detto che c'erano nove persone a bordo. Adrian Wojnarowski di ESPN ha riportato che la 13enne figlia di Bryant, Gianna, era anche lei sull'elicottero. Era una delle quattro figlie di Bryant e di sua moglie Vanessa Laine Bryant.

Almeno altre quattro persone a bordo sono state identificate. Secondo l'Orange County Register, John Altobelli, il coach di baseball dell'Orange Coast College, sua moglie Keri e sua figlia Alyssa erano tra le vittime. Il sindaco di Costa Mesa Katrina Foley ha twittato che anche la coach del basket femminile Christina Mauser è rimasta uccisa.

"E' con immensa tristezza che apprendiamo della morte di Kobe Bryant e di altre quattro persone a seguito di un incidente in elicottero a Calabasas. L'elicottero è caduto su un campo a Las Virgenes alle 10:00 circa di questa mattina", la città di Calabasas ha spiegato su Twitter.

Il portavoce della Federal Aviation Administration Allen Kenitzer ha detto che si trattava di uno Sikorsky S-76 mentre le cause dell'incidente non sono ancora note.

La tragedia è stata inizialmente riportata da TMZ e poi confermata da ESPN.

Bryant ha vinto cinque titoli NBA con i Lakers e due medaglie d'oro olimpiche

Alto 198cm, è stato votato due volte Most Valuable Player delle Finali NBA (2009, 2010) durante una carriera di 20 anni con la maglia dei Lakers. Bryant si era ritirato dopo la stagione 2015-16 a seguito di una serie di infortuni, tra cui uno al Tendine d'Achille. Ha terminato la carriera con 33.643 punti, 7.047 rimbalzi e 6.306 assist.

"Le parole non possono spiegare l'impatto sui nostri giocatori, sull'NBA, sul gioco della pallacanestro", il comunicato della NBA Players Association. "Questa è una perdita monumentale per l'intera comunità del basket, i nostri cuori sono infranti".

Proprio la scorsa sera Bryant era stato superato da LeBron James al terzo posto della classifica dei realizzatori della NBA di tutti i tempi.

"Continuando a spingere avanti questo sport @KingJames," Bryant aveva scritto nel suo ultimo tweet. "Molto rispetto fratello mio". I due avevano vinto insieme l'oro a Pechino nel 2008.

Uno dei migliori nella storia

Bryant era stato scelto già al termine dell'high school nel 1996 dagli Charlotte Hornets con la 13esima scelta assoluta ma era stato subito ceduto ai Lakers.

Nato a Philadelphia, è diventato subito una stella formando una grande coppia con Shaquille O'Neal. Bryant ha avuto senza dubbio una delle migliori carriere nella storia della NBA ed è stato la faccia dei Lakers per quasi due decenni.

Soprannominato Black Mamba, è diventato eleggibile per la Hall of Fame quest'anno.

Tributi da ovunque

Tributi sono arrivati da ogni parte del mondo da parte di atleti e altre celebrità, tra cui l'ex Presidente USA Barack Obama che ha parlato di "giornata impensabile".

La campionessa olimpica Lindsey Vonn ha twittato: "Non ho parole. Come può accadere?! Devastata. Rip Kobe 🙏🏻🙏🏻”

Altri campioni olimpici hanno parlato della notizia, tra cui la quattro volte campionessa olimpica di ginnastica Simone Biles, che ha postato una foto della nazionale olimpica di ginnastica USA del 2016 con Bryant e il messaggio: "Riposa in pace Kobe," e l'otto volte campione olimpico Usain Bolt.

"Davvero triste. Riposa in pace Kobe. Il tuo ricordo vivrà per sempre. 🙏🏾 Preghiere per famiglia e amici", ha twittato la nuotatrice Simone Manuel.

La leggenda dell'NBA Michael Jordan non poteva crederci:

"Sono scioccato per la notizia della morte di Kobe e Gianna. Le parole non possono descrivere il dolore che sto provando. Amavo Kobe - per me era come un fratello. Parlavamo molto, e quelle conversazioni mi mancheranno molto. Era un vero combattente, uno dei più grandi di questo sport, una vera forza creativa. Kobe era anche un padre eccezionale che amava profondamente la sua famiglia - ed era molto orgoglioso per l'amore che sua figlia provava per il basket".

Un minuto di silenzio si è tenuto prima della partita di NBA di domenica tra Denver Nuggets e Houston Rockets.

La vita post-basket

Mentre Bryant era uno dei giocatori più celebrati sul campo, ha avuto qualche problema fuori. Nel 2003 è stato accusato di aver assalito un'impiegata 19enne in un resort del Colorado. Bryant ha poi detto che si trattava di sesso consensuale. I pubblici ministeri hanno chiuso il caso un anno dopo. L'accusatrice ha rifiutato di testimoniare.

Nella sua vita post-basket Bryant ha concentrato le sue attenzioni su filantropia e iniziative per l'intrattenimento. Ha anche vinto un Oscar nel 2018 per il suo corto animato "Dear Basketball".

SEGUI LE OLIMPIADI IN MODO UNICO.

Eventi sportivi in diretta gratis. Accesso illimitato alle serie. Novità e momenti salienti in esclusiva dalle Olimpiadi