Il nuotatore paralimpico brasiliano Daniel Dias: "La disabilità non definisce chi siamo, ciò che definisce ognuno è dentro di noi"

Il più volte medaglia d’oro alle Paralimpiadi è motivato dalla sua famiglia e vuole ottenere ancora più successi a Tokyo 2020. Con il suo esempio vuole abbattere le barriere del pregiudizio.

Foto di 2016 Getty Images

Daniel Dias è l’atleta paralimpico più titolato del Brasile e Tokyo 2020 sarà la sua ultima partecipazione ai Giochi.

Il plurimedagliato ha annunciato, nel gennaio 2021, che intende ritirarsi dopo i Giochi in Giappone.

Per Dias non c'è emozione più grande che poter rappresentare il Brasile sulla scena mondiale.

"Mi riempie di orgoglio poter rappresentare la nazione, rappresentare la sua gente e le persone con disabilità", ha detto a Olympics.com.

"Quindi per me è un immenso orgoglio poter essere qui in un’altra edizione dei Giochi e poter rappresentare l'intero popolo brasiliano".

Anche se è pronto ad appendere la cuffia al chiodo dopo Tokyo 2020, l'eredità che lascia sarà infinita.

L'eredità che Dias lascerà

Sulla scia del suo successo, Dias spera che la gente "inizi davvero ad appassionarsi" allo sport paralimpico.

Il 33enne vuole lasciare un messaggio che aiuti gli altri a vedere le persone con disabilità dall'interno, piuttosto che giudicarle dall'esterno.

"Quando mi presento, lo faccio come atleta paralimpico, ho un background congenito ma è una caratteristica, mai una definizione.

"Ciò che definisce ognuno di noi è ciò che è dentro di noi. Dentro di noi abbiamo una forza molto grande in grado di realizzare grandi sogni e grandi obiettivi" - Daniel Dias.

"Questo è quello che vorrei lasciare in come messaggio: vorrei la gente capisca che sì, siamo diversi, ma siamo uguali allo stesso tempo. Per me, sarebbe fantastico rompere questa barriera di pregiudizio".

"È davvero il più importante messaggio che vorrei lasciare".

GettyImages-603557494
Foto di 2016 Getty Images

Come il nuoto ha cambiato la vita di Daniel Dias

Qualcuno potrebbe dire che Dias ha cambiato lo sport del nuoto con i suoi successi.

Ma lui, umilmente, vede le cose in modo diverso.

"Lo sport ha cambiato la mia vita", ha rivelato a Olympics.com.

"Vedo anche che non solo ha cambiato la mia vita, ma trasforma la vita di tutti coloro che lo praticano in modo professionale e anche di chi, invece, inizia uno sport con il sogno di diventare un atleta, un giorno”.

L’obiettivo degli atleti non è solo quello di vincere medaglie: Dias crede che lo sport possa aiutare a educare sia i concorrenti che gli spettatori.

"Ha trasformato la mia vita e mi ha fatto comprendere, ogni giorno di più, che la disabilità non definisce chi siamo, ma ciò che ci definisce è dentro di noi", ha continuato.

Dias crede che il nuoto sia una "grande forza", che lascia il segno su coloro che gareggiano o lo seguono.

Ispirato dalla sua famiglia

Oltre ad avere l'onore di rappresentare il suo Paese, Dias è sempre motivato dalla sua famiglia.

"La mia famiglia è la mia più grande fonte di ispirazione: guardo loro, i miei genitori o mia moglie e i miei figli, e [loro] mi spingono a continuare, seguendomi e credendo davvero in me; questo fa una differenza incredibile nella mia vita.

"Una famiglia così è alla base di tutto.

"Credo molto nella famiglia ed è senza dubbio la mia più grande fonte di ispirazione", ha detto Dias a Olympics.com.

Padre di tre figli, crede che diventare papà lo abbia aiutato a diventare più maturo.

"Essere padre mi ha cambiato.

"Mi ha reso molto più maturo, a causa delle responsabilità, ma è un grande onore e una benedizione", ha detto Dias.

Con il sostegno della sua famiglia, il brasiliano è più motivato che mai per puntare al successo a Tokyo.

Se vincerà o meno altre medaglie, comunque il suo impatto sul nuoto paralimpico sarà altrettanto importante quando si ritirerà dopo questi Giochi.