Loading...
Atlanta 1996

Olympic Games Atlanta 1996

Atlanta 1996La torcia

Atlanta_1996_torch_hero
(GETTY IMAGES)

Progetto e dettagli staffetta Olimpica

Dopo la cerimonia di accensione della fiamma a Olimpia e la sua staffetta in tutta la Grecia, la torcia è arrivata ad Atene il 6 aprile. Per celebrare il Centenario dei Giochi è stata organizzata una celebrazione speciale nello stadio Panathinaiko alla presenza dei rappresentanti delle 17 città che avevano ospitato i Giochi Estivi prima di Atlanta. Ognuno di loro ha ricevuto una lampada di sicurezza, la cui fiamma era stata accesa da una torcia principale. Durante i 21 giorni successivi, queste fiamme sono state celebrate in ciascuna delle ex città ospitanti, mentre la fiamma principale ardeva ad Atene. Queste fiamme si sono spente quando la fiamma principale ha lasciato Atene per volare a Los Angeles.

Il 27 aprile la fiamma è arrivata a Los Angeles. La staffetta sul suolo americano è iniziata al Memorial Coliseum, lo stadio che ha ospitato i Giochi di Los Angeles nel 1932 e nel 1984. Il primo tedoforo è stato l'olimpionico Rafer Johnson, l'ultimo tedoforo dei Giochi del 1984. La staffetta è passata in particolare per St. Louis, città ospitante dei Giochi Olimpici nel 1904.

Il 19 luglio, la fiamma ha raggiunto la città di Atlanta. Per onorare le origini dei Giochi Olimpici moderni, Evander Holyfield, originario di Atlanta, ha condiviso la torcia con l'atleta greca Voula Patoulidou per una parte della tappa nello stadio, durante la Cerimonia di Apertura. La nuotatrice Janet Evans ha preso il controllo della staffetta, facendo un giro di pista prima di dirigersi verso una lunga rampa situata sull'estremità nord dello stadio. E poi ha passato la torcia a Muhammad Ali, che ha avuto l'onore di accendere il calderone.

Mappa del percorso

Atlanta-1996-map

Dati e statistiche

Data d'inizio: 30 marzo 1996, Olimpia (Grecia).

Data di fine: 19 luglio 1996, Stadio Olimpico, Atlanta (Stati Uniti).

Primo tedoforo: Konstantinos “Kostas” Koukodimos, olimpionico nell'atletica (1992, 1996, 2000).

Ultimo tedoforo: Muhammad Ali, olimpionico sotto il nome di Cassius Clay nel pugilato (1960), oro a Roma 1960.

Numero di tedofori: 800 in Grecia, 12.467 negli Stati Uniti.

Reclutamento dei tedofori: per poter portare la torcia, i tedofori dovevano aver compiuto almeno 12 anni il 17 aprile 1996. Le categorie dei tedofori includevano eroi della comunità, atleti Olimpici, membri del Movimento Olimpico e membri del programma di selezione nazionale e internazionale "Share the Spirit", gestito da Coca-Cola.

Per essere considerato un eroe della comunità, gli individui potevano nominarsi o essere proposti da altri. Come parte del processo di candidatura era richiesto un saggio di non oltre 100 parole che descrivesse le qualità della persona nominata. I criteri principali del Comitato Organizzatore per definire un eroe della comunità includevano un notevole lavoro come volontario; il servizio come capo della comunità, modello o mentore; atti di generosità o gentilezza e imprese o risultati straordinari. Sono state ricevute circa 40.000 candidature, tra le quali sono stati scelti 5.500 eroi della comunità.

Distanza: 2.141km in Grecia, 26,875km attraverso gli Stati Uniti.

Paesi visitati: Grecia, Stati Uniti.

Caratteristiche torcia

Descrizione: sul manico di legno è inciso l'elenco dei Giochi Estivi dal 1896 al 1996, in riferimento al centenario dei Giochi Olimpici. La torcia è stata ispirata da semplici torce antiche di canne rilegate e dalle linee dell'architettura greca classica. Le sue 22 "canne" di alluminio rappresentavano il numero totale delle edizioni dei Giochi Olimpici moderni. L'impugnatura centrale è in legno di noce pecan della Georgia e ci sono due larghe bande dorate, una con i nomi di tutte le città ospitanti dei Giochi Olimpici e l'altra con lo stemma dei Giochi Olimpici del Centenario del 1996 e il motivo "Quilt of Leaves".

Colore: argento, oro, marrone.

Altezza: 82cm

Composizione: alluminio, ottone, legno di noce pecan.

Combustibile: propilene. La durata della combustione è di 20 minuti.

Designer / Produttore: Peter Mastrogiannis, Malcolm Grear Designers / Georgia Institute of Technology.

Atlanta_1996_torch_big
(IOC)

Lo sapevi?

Per annunciare lo svolgimento dei Giochi Olimpici, la fiamma è stata portata in staffetta lungo il vero percorso del Pony Express, che è stato ricreato su 875 km tra Julesburg, in Colorado, e St. Joseph, in Missouri. Per oltre 58 ore consecutive, i cavalieri, proprio come i pionieri del servizio, hanno trasportato oltre 1.000 lettere dal Comitato Organizzatore.

A bordo dello Space Shuttle Columbia, per la prima volta è stata portata nello spazio una torcia spenta.

Il calderone alto 6,4 metri costituiva la sommità di una torre metallica, alta oltre 35 metri e collegata allo Stadio da un ponte di 55 metri. In origine, era previsto che l'ultimo tedoforo attraversasse il ponte e salisse sulla torre fino al calderone per accenderlo. Tuttavia, per rendere il compito più semplice per Muhammad Ali e migliorare la visibilità di questo momento, la fiamma ha viaggiato invece tramite una corda dall'interno dello stadio al calderone.

Le lampade di sicurezza misuravano 30,5 cm e avevano una capacità di combustione di 20 ore. Sono state alimentate con paraffina liquida.

Il legno che costituisce la parte centrale della torcia è stata una donazione dei contadini locali e simboleggia il legame tra il cielo, la terra e la fiamma olimpica.

Atlanta
1996

Scopri i Giochi

Il look

Un'identità visiva è sviluppata per ogni edizione dei Giochi Olimpici.

Look

Look

Le medaglie

A partire dalla ghirlanda di ulivo, il design delle medaglie si à evoluto negli anni.

Medaglie

Medaglie

La Mascotte

Un'immagine originale, deve dare forma concreta allo spirito Olimpico.

Mascotte

Mascotte

La torcia

Parte iconica di ogni Olimpiade, ogni nazione ospitante offre la sua versione unica.

Torcia

Torcia