Vallortigara sul podio mondiale del salto in alto: è la prima medaglia italiana in Oregon! Mondiali di atletica 2022 - Risultati giorno 5

Ci ha pensato Elena Vallortigara a portare i colori azzurri per la prima volta sul podio di Eugene, mettendosi al collo la medaglia di bronzo nel salto in alto femminile in una finale di altissimo livello.

Foto di 2022 Getty Images

Al quinto giorno dei Mondiali di atletica 2022 di Eugene, all'alba italiana del 20 luglio, è arrivata la prima medaglia per l'Italia in Oregon.

Nella pedana dell'Hayward Field, Elena Vallortigara ha ricevuto la più bella ricompensa al percorso netto che ha sciorinato fino ai fatidici 2 metri: la medaglia di bronzo iridata.

Dopo il quarto posto di Gianmarco Tamberi e Sara Fantini, Vallortigara è la prima italiana a salire sul podio delle migliori al mondo, dietro soltanto all'australiana Eleanor Patterson e all'ucraina Yaroslava Mahuchikh, la prima oro per aver saltato 2.02 al primo tentativo e la seconda argento, per aver raggiunto la quota al secondo.

La 30enne veneta ha dato prova di una preparazione e di una tecnica sopraffina, riconciliandosi - al primo tentativo - con i 2 metri che non riusciva a superare dalla Diamond League di Londra 2018, dove aveva toccato il suo miglior personale: 2.02.

L'impresa della veneta è ancora più significativa se si pensa che l'atleta ha patito molti problemi fisici e tanti stop che hanno condizionato molto la sua carriera senior, con gli ultimi tre anni problematici, riflessi anche nel 16ª posto della partecipazione Olimpica di Tokyo 2020.

Vallortigara è solo la seconda italiana a salire sul podio iridato del salto in alto all'aperto: prima di lei c'era riuscita solo Antonietta di Martino, nel 2007, quando ai Mondiali saltò i 2.03 che le valsero l'argento, record che ancora costituisce il primato italiano all time.

Sono quattro in tutto le italiane che hanno squarciato il tetto dei 2 metri: insieme a Vallortigara, il club è costituito dalla leggendaria Sara Simeoni, oro Olimpico a Mosca 1980 (l'altro podio internazionale di un'azzurra nel salto), la già citata Di Martino e Alessia Trost, anche lei bronzo mondiale nel 20180, indoor.

Articolo in corso di aggiornamento

LEGGI ANCHE: Oregon chiama Italia: il calendario con le gare delle atlete e degli atleti azzurri ai Mondiali di atletica 2022.

Le parole di Elena Vallortigara a fine gara

Vallortigara è un tripudio di incredulità e gioia ai microfoni della RAI: "Sinceramente in gara a un certo punto ho sperato in qualcosa di più, perchè arrivare lì così fino ai 2 metri... pensavo di saltare qualcosa di più e prendere la medaglia di un altro colore, però va benissimo, sono super felice.

"Sono stata concentrata per tutta la gara, ho cercato di non farmi distrarre da niente che non fossero i miei salti, tra l'altro in mezzo alla gara mi si è rotta anche la scarpa, ho dovuto cambiare le scarpe...ci sono state un paio di cose che potrebbero avermi messo in difficoltà, ma sono molto contenta.

"Sentivo, dopo la qualificazione, di essermi tolta un grosso peso e di affrontare la finale molto più leggera. Non pensavo così tanto però, ecco ci ho creduto tanto...e anche a me stessa, facevo fatica ad ammettere che volevo un risultato come questo. Però è così, sono felice e ho fatto quello che volevo. È un nuovo punto di partenza, è un bronzo come gli altri due che ho da junior, e ora mi godo questo bel momento.

"Spero che questa medaglia non sia l'unica per l'Italia... parlando anche con i compagni di squadra, spero che possa essere uno stimolo, un'ispirazione per gli altri, che essere riuscita a fare questa cosa possa essere d'aiuto.

"Io credo di non aver ancora realizzato questa cosa, credo mi serva un po' di tempo...non pensavo nemmeno ci fosse la premiazione subito, mi hanno prestato la tuta perchè non avevo idea!

"Voglio riguardarmi anche la gara, è stata quanto di meglio potessi immaginare e penso che significhi molto in prospettiva di quanto io possa fare già in questa stagione e che non sono riuscita a esprimere finora... ma finalmente l'ho fatto nel momento che conta. Ho fatto il mio lavoro bene.

"Dentro questa medaglia c'è tanto, tutta quella che è la mia carriera praticamente, tutti i momenti brutti e belli, c'è un anno come questo in cui ho iniziato non benissimo ma consapevole di avere delle potenzialità in più, di avere delle misure più alte nelle gambe ma che non uscivano per vari motivi.

"Sono arrivata qui rendendomi conto che da prima di partire mi stavo concentrando tanto su quello che avevo perso, su quello che non avevo ottenuto, su quello che sotto tanti punti di vista stavo perdendo e quando mi sono resa conto di questa cosa ho detto 'non ha senso pensare a quello che ho perso quanto a quello che posso ancora guadagnare!'.

"È un sogno perchè è stato tutta una serie di emozioni, di pensieri... mi è sembrato tutto dilatato e concentrato allo stesso tempo. È stata semplicemente una giornata magica. Sto riguardando i salti che passano sugli schermi: è bello quando è così, perchè mi stupisco e adoro stupirmi e darmi ragione. Ho visto il mio allenatore piangere dalla felicità e sono sicura che anche a casa saranno felici con la mia stessa felicità... e non c'è niente di meglio!".

Risultati italiani in gara oggi giorno 5 · Nei 200, Kaddari out, Tortu beffato: non basta il PB per arrivare in finale; Italia c'è nei 400 femminili!

400m Ostacoli femminili

  • Tutte e tre le ostacoliste italiane in semifinale dei 400 femminili. Ayomide Folorunso sfiora il record italiano e si prende il sesto tempo della pista di oggi, con 54.69 (54.54 il primato azzurro di Yadisleidy Pedroso). Dentro anche Rebecca Sartori, con 55.72 e 19simo tempo assoluto, mentre Linda Olivieri viene premiata dal ripescaggio: il suo 56.09 diventa l'ultimo pass utile, 23esimo crono di oggi.

200m femminili

  • Dalia Kaddari non passa la semifinale dei 200 femminili. Leggermente più lenta che in batteria (dove aveva timbrato 22.75), il 22.83 di oggi non basta per stare al passo delle galattiche giamaicane ma ci si avvicina con perseveranza - Shelly-Ann Fraser-Pryce si prende la prima piazza a 21.82 - spiccando tra le colleghe europee.

200m maschili

  • Filippo Tortu è il grande deluso di giornata: ha migliorato il proprio personale correndo 20.10, diventando il più competitivo a livello continentale ma è un crono che a Eugene 2022 non fa andare avanti. La terza e ultima batteria la vince il baby-prodigio a stelle e strisce Erriyon Knighton con 19.77, davanti al canadese Aaron Brown con 20.10. Avete letto bene: Tortu è fuori per appena 3 millesimi. Ecco le parole dell'azzurro dal proprio account twitter:

Dove vedere i Mondiali di atletica 2022: canale TV e streaming per l'Italia delle gare di Eugene

Gli eventi del Mondiale di atletica 2022 saranno trasmessi in diretta in Italia dalla RAI e da Sky. Diretta streaming in programma anche su Rai Play, Now Tv e Sky Go.

Nota: tieni a mente le 9 ore di differenza oraria tra Eugene (Oregon, USA) e l'Italia. La sessione mattutina statunitense corrisponde al pomeriggio inoltrato italiano. Per esempio: quando a Eugene saranno le ore 9 di mattina in Italia saranno le 18 e così via, pertanto la sessione serale di Eugene corrisponderà, in Italia, alla notte a cavallo tra la stessa giornata di gare in USA e il giorno successivo.

SEGUI LE OLIMPIADI IN MODO UNICO.

Eventi sportivi in diretta gratis. Accesso illimitato alle serie. Novità e momenti salienti in esclusiva dalle Olimpiadi