Tokyo 2020, un anno dopo: l'amicizia e la solidarietà della squadra mista francese di judo

Il primo evento Olimpico di judo a squadre miste si è svolto un anno fa a Tokyo 2020. È stata una competizione che ha mostrato al mondo quanto contino l'amicizia e la solidarietà nello sport.

di Guillaume Depasse
Foto di 2021 Getty Images

Buon compleanno, Tokyo 2020!

Un anno fa la capitale giapponese ha ospitato i Giochi Olimpici, rinviate di 12 mesi a causa della pandemia di COVID-19. E non appena lo sport a cinque cerchi è tornato all'azione, l'emozione di quegli eventi ha superato tutte le aspettative.

Diversi elementi sono entrati in gioco rendendo speciale quelle Olimpiadi, un torneo che è diventato sinonimo di prestazioni d'élite, organizzazione eccellente, nuovi record e unione.

Più di 10.000 atleti hanno mostrato al mondo come l'amicizia e la solidarietà possano essere al centro dello sport. Il qatariota Mutaz Essa Barshim e l'italiano Gianmarco Tamberi hanno condiviso una medaglia d'oro, gli skater non hanno nascosto la personale felicità quando i loro avversari hanno vinto e uomini e donne si sono ritrovati uniti in nuovi eventi a squadre miste.

A soli 21 anni Romane Dicko ha preso parte ai suoi primi Giochi dopo aver vinto due titoli europei. La judoka francese ha vinto il bronzo nei +78kg e l'oro nelle squadre miste con i suoi compagni francesi, dopo aver sfiorato l'eliminazione ai quarti di finale contro Israele.

Ma al di là della medaglia d'oro, vinta insieme ad altri nove compagni di squadra tra cui Teddy Riner e Clarisse Agbegnenou, i ricordi di Dicko vanno ai momenti di amicizia che ha condiviso quando la Francia ha vinto il primo evento Olimpico di judo a squadre miste, in finale contro il Giappone al Nippon Budokan.

La squadra tedesca e la squadra olimpica rifugiati durante gli ottavi di finale nell'eliminazione squadre miste all'ottavo giorno dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020 al Nippon Budokan
Foto di 2021 Getty Images

Avversari ma anche amici

"Ci sono molte nazioni forti ma non così tante squadre forti. È una sfida costante dire a se stessi, 'sulla carta siamo più deboli, ma possiamo dimostrare che lo spirito di squadra può fare la differenza'. Rispetto al Giappone, noi siamo più deboli, loro hanno più medaglie e titoli Olimpici, ma alla fine, la forza della squadra francese ci ha permesso di batterli in Giappone. Il concetto di squadra è fondamentale. Anche nella stanza del riscaldamento, tra paesi, ci aiutiamo a vicenda, ci incoraggiamo a vicenda.

"Questo è lo sport del judo. Siamo avversari ma siamo anche amici. Vogliamo aiutarci a vicenda, diventiamo più forti perché le Olimpiadi possono essere un'esperienza irripetibile. Ci abbracceremo perché è sport, perché vogliamo vivere quei momenti insieme. Parlo di judo perché è il mio sport, ma altri atleti direbbero la stessa cosa. È un'avventura umana e ancor di più quando si parla di atleti d'élite".

“Una squadra unita”

"È stato il primo evento Olimpico a squadre miste e volevamo lasciare il segno a quei Giochi. Siamo arrivati alla finale contro il Giappone, una finale di titani. Il Giappone è la migliore squadra nel judo. Prima della finale, abbiamo detto: 'OK , è una finale Olimpica, dobbiamo sentirci liberi e provare a vincere il titolo a casa loro'. Abbiamo vissuto tante emozioni e ora ci viene prevalentemente attribuita l'immagine di una una squadra unita".

'Mister Riner' prende parola

"I nostri risultati individuali potevano far pensare che non ce l'avremmo fatta, ma ci siamo motivati. Gli atleti di maggiore esperienza come Clarisse e Teddy han detto: 'Gli eventi individuali sono finiti, questa è un'altra cosa. Alcuni di voi hanno vinto medaglie e altri no, ma questo non conta. Questo è il primo [evento a squadre miste] della storia, quindi anche se non abbiamo vinto molte medaglie individuali divertiamoci. Dimostreremo di essere una squadra forte e unita."

"Tutti hanno partecipato. [Dopo i quarti di finale con Israele] Mr Riner, il fratello maggiore della squadra, ci ha detto: 'Ci siamo spaventati ma è finita, andiamo avanti. Abbiamo due partite ancora, quindi facciamo un passo alla volta...

"Questa è una vera squadra. Pensando anche al personale di supporto, ai fisioterapisti, ai medici, agli allenatori... siamo tutti uniti per il bene della squadra"

“Siamo in Giappone, divertiamoci insieme”

"Ho molti ricordi degli israeliani e dei tedeschi, con cui abbiamo condiviso un podio. Siamo saltati insieme, ci siamo detti: 'siamo in Giappone, divertiamoci insieme!'"

SEGUI LE OLIMPIADI IN MODO UNICO.

Eventi sportivi in diretta gratis. Accesso illimitato alle serie. Novità e momenti salienti in esclusiva dalle Olimpiadi