Slalom Olimpico, Noel oro davanti alla favola Strolz e a Foss-Solevaag. Razzoli ottavo il migliore degli italiani 

Foto di 2022 Getty Images

Noel impone la legge del più forte

Sole, freddo e pista dura, ingredienti ideali per la battaglia tra tutti i top slalomisti della Coppa del Mondo, mai così equilibrata come quest'anno con un vincitore diverso in ogni evento stagionale.

E a spuntarla è il ritrovato asso francese, Clement NOEL, che si impone con una seconda manche strepitosa davanti all'argento della combinata Johannes STROLZ e al norvegese Sebastian FOSS-SOLEVAAG.

Finora non era stata una stagione facile per Clement Noel (FRA), uscito molte volte e in deficit di sicurezza, ma oggi il 24enne francese ha ritrovato lo smalto dei giorni migliori trionfando con una seconda discesa perfetta e il tempo di 1:44.09, dopo che nella prima manche era sesto dietro al leader provvisorio, Johannes Strolz.

Quest'ultimo, già oro a sorpresa in combinata a Beijing 2022, deve "accontentarsi" dell'argento finale col tempo di 1:44.70, ma ancora una volta centra un'impresa da fiaba, visto che anche il padre Hubert aveva vinto lo stesso metallo in slalom a Calgary 1988.

Bronzo al norvegese Sebastian Foss-Solevaag (NOR), 1:44.79, terzo a 6 centesimi dall'austriaco dopo la prima manche, vincitore della battaglia col collega Henrik KRISTOFFERSEN (quarto alla fine a 9 centesimi dal podio), e può tornare a casa un metallo pregiato coronando una stagione solida e convincente.

La Francia torna all'oro Olimpico nello sci dalla vittoria di Antoine Dénériaz in discesa a Torino 2006. Noel agguanta invece il terzo oro Olimpico in slalom per la Francia, dopo quelli diJean-Claude Killy a Grenoble 1968 e di Jean-Pierre Vidal a Salt Lake 2002.

La gara degli italiani

Peccato per il veterano azzurro Giuliano RAZZOLI, 12mo dopo la prima manche: "Razzo" ha sciato bene nella seconda ma non abbastanza per attaccare il podio e alla fine termina ottavo, dimostrandosi comunque il più regolare degli slalomisti italiani.

Delusione per il 22enne Alex VINATZER, che ha commesso troppi errori nella prima manche finendo attardato in classifica: nella seconda è andato fortissimo fino all'uscita a poche porte dall'arrivo, una preoccupante abitudine per il giovane slalomista azzurro, competitivo ma ancora troppo incostante.

Tommaso SALA, infine, ottavo dopo la prima manche, scia in maniera troppo conservativa nella seconda e scivola in 11ma posizione, ma si dimostra in crescita e può entrare stabilmente nei primi 8 atleti della specialità.

In conclusione, l'Italski maschile torna a casa senza medaglie come a PyeongChang 2018, con non poche cose da rivedere in vista della prossima Olimpiade Invernale che sarà in casa, a Milano Cortina 2026.

IL PODIO DELLO SLALOM OLIMPICO

Clement Noel (FRA), 1:44.09

Johannes Strolz (ITA), 1:44.70

Sebastian Foss-Solevaag (NOR), 1:44.79

Le dichiarazioni del podio

Clement NOEL (FRA) - oro

Sulla vittoria dell'oro Olimpico:
"È stata una delle gare più importanti della mia carriera. Non capita spesso di poter vincere una medaglia ai Giochi Olimpici. È un colpo solo - un minuto e 40 secondi ogni quattro anni!.

"Sapevo di essere in forma. Le mie gare a gennaio non erano buone, ma l'allenamento qui è stato davvero buono, ero veloce.Questo è il meglio che posso fare. Non ho parole per descriverlo. Campione Olimpico ... wooh!"

Sulla sua famiglia e la sua ragazza, molto più in ansia di lui prima della gara:
"Si sono svegliati molto presto per vedermi (in TV), per essere con me. Penso che fossero molto stressati, la mia ragazza era più tesa di me. Non riusciva a dormire".

Johannes STROLZ (AUT) - argento

Sulla rivendicazione dell'argento avendo condotto dopo la prima manche:
"È stato davvero bello oggi. La prima manche è stata molto buona, ho trovato il limite. Alcuni errori minori, ma tutto sommato un'ottima manche."Ho cercato di essere aggressivo anche nella seconda manche, ho davvero cercato di andare a prenderlo. Ora la medaglia d'argento, è assolutamente pazzesco. Sono così felice, soprattutto in questa stagione di slalom, così tanti ragazzi stanno sciando velocemente in questo momento in slalom. Condividere il podio con Clement (NOEL, FRA, medaglia d'oro) e Sebastian (FOSS-SOLEVAAG, NOR, medaglia di bronzo), è incredibile.

Sul supporto dietro di lui che merita metà del merito per le sue due medaglie Olimpiche:
"Significa molto per loro. Sanno quanto duramente ho lavorato per questo. Una grande parte di quelle due medaglie appartiene anche a loro perché mi hanno sempre sostenuto, hanno sempre creduto in me. Con famiglia e amici così è più facile fare le cose, se devi fare tutto da solo è quasi impossibile, ma con quel background e quel sostegno possono accadere cose magiche".

Sebastian FOSS-SOLEVAAG (NOR) - bronzo

Sulla vittoria del bronzo Olimpico dopo esserci andato vicino quattro anni fa:
"Non mi sono ancora abituato. È più di una gara. È strana anche questa atmosfera qui".

"È un sollievo enorme ed è un obiettivo enorme, ma anche se hai un obiettivo non significa che lo raggiungerai sicuramente".

"Ho avuto una buona occasione a PyeongChang alle ultime Olimpiadi e non ci sono riuscito. Quindi farlo oggi è stato grande. Ho pensato molto a questo momento dopo lo slalom di PyeongChang".

Le prossime gare del programma dello sci alpino alle Olimpiadi

Sede: Centro Nazionale di Sci Alpino di Yanqing

Date: da domenica 6 a sabato 19 febbraio

Gli orari indicati seguono il fuso orario cinese (CET+7). I dettagli del programma sono soggetti a modifiche con breve preavviso.

Giovedì 17 febbraio
10:30/14:00 Combinata femminile

Sabato 19 febbraio

11:00 Slalom parallelo a squadre miste

AMI LO SCI ALPINO? RESTA AL PASSO.

Ricevi notizie, video e highlight dei Giochi olimpici invernali sullo sci alpino e molto altro ancora.