Simona Quadarella tra le grandi di Tokyo, è il bronzo del riscatto nella 800m stile libero

La romana ha davanti solo calibri come Titmus e Ledecky. Artefice di un sorpasso di prepotenza a metà gara sulla statunitense Grimes, si va a prendere un posto nel podio e si fa spazio spazio tra le protagoniste di questi Giochi.

Foto di 2021 Getty Images

Il tempo è di 8:18.35, preceduto da quello della leggenda statunitense Katie Ledecky (8:12.57) e da Ariarne Titmus che fa 8:13.83 e record oceanico, a conferma dello stato di grazia dell'australiana in queste Olimpiadi.

Simona Quadarella, si prende la rivincita e riscatta la deludente prova dei 1500 del 28 luglio, con una medaglia di bronzo tutt’altro che scontata. È infatti un titolo simbolico e carico di responsabilità, che significa tanto per il nuoto italiano ed europeo.

Quadarella è la quarta italiana in assoluto sul podio di una gara individuale: prima di lei solo Novella Calligaris, Federica Pellegrini e Alessia Filippi, romana quest’ultima, come lei.

Grazie a Quadarella l’Italia continua a demolire i record vigenti da una ormai troppo lontana Sydney 2000, a cui apparteneva anche quello che la romana ha frantumato oggi, diventando la quarta nuotatrice italiana ad andare a medaglia in una edizione dei Giochi. Insieme a lei, i compagni Federico Burdisso, Nicolò Martinenghi e Gregorio Paltrinieri, uno in più rispetto al primato delle Olimpiadi australiane, ferme a 3, con Massimiliano Rosolino, Domenico Fioravanti e Davide Rummolo a medaglia.

Non ultimo, è la seconda nuotatrice del vecchio continente a cingersi di alloro in questi Giochi, dato che finora la tedesca Sarah Köhler era l’unica rappresentante dell’Europa nei podi del nuoto di questa Olimpiade.

La medaglia di bronzo di Simona Quadarella negli 800 sl: la gara

Nella gara di Kathy Ledecky, che a sua volta ha un conto in sospeso con l’australiana Ariarne Titmus - per il doblete d’oro nei 200 e nei 400 di questa Olimpiade a suo discapito - Simona Quadarella arriva senza sfarzi, dato l'amaro risultato dei 1500. L'obiettivo è archiviare la gara di tre giorni fa e rimettersi in carreggiata per fare di Tokyo 2020 una tappa concreta della sua carriera.

Le statunitensi Ledecky e Katie Grimes provano a fare muro a inizio gara ma Titmus, che ha dato prova di avere in repertorio finali di gara spettacolari, già ai 200 si mette in seconda posizione.

Il ritmo però stavolta lo detta Ledecky, arrogandosi la corsa all'oro sin da subito.

Ai 400 la disputa per il bronzo è una pratica a tre, tra la cinese Jianjiahe Wang, Grimes – appena 15 anni per la nuotatrice statunitense- e Quadarella, ma è l’italiana che ha la meglio e riesce a dosare la prestazione (sempre sui 1.55 m/s) per tutta la restante parte di gara. Alla campana degli ultimi 100 metri la progressione a 1.61 le fa fare quadrato sul bronzo, regalando la quinta medaglia al nuoto azzurro.

Leggi anche: il programma del 31 luglio dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020.

Simona Quadarella e Katie Ledecky Tokyo 2020
Foto di 2021 Getty Images