Mikaela Shiffrin non molla: "Ho vinto nella mia carriera e vincerò di nuovo"

La star USA dello sci alpino ripercorre la sua esperienza a Beijing 2022, terminata con l'insolito zero nella casella medaglie Olimpiche vinte.

di Scott Bregman
Foto di 2022 Getty Images

I Giochi Olimpici Invernali di Beijing 2022 non sono andati come la star USA dello sci alpino Mikaela Shiffrin si aspettava: è lei la prima a dirlo.

La 26enne americana si è presentata a Beijing 2022 avendo già vinto due medaglie d'oro Olimpiche e 73 gare di Coppa del Mondo, con in più il record di 47 vittorie in slalom.

Ma a Pechino, in tre delle cinque gare a cui ha partecipato è uscita prematuramente, denotando una fragilità prima sconosciuta. Nelle due gare in cui è arrivata al traguardo, invece, ha ottenuto il nono posto (super-g e il 18° posto (discesa libera).

Una delle sciatrici più titolate dello sci alpino non ha fatto ciò che - per così tanto tempo - faceva sembrare così semplice.

"Puoi fallire e non essere un fallito", ha detto la Shiffrin a Olympics.com in un'intervista.

Il supporto di Simone Biles

Queste parole sono state ribadite da Simone Biles, sette volte medaglia Olimpica nella ginnastica artistica, che, come la Shiffrin, ha fatto la storia del suo sport.

"Ottenere un qualsiasi riconoscimento da parte di Simone è pazzesco per me, lei è un'atleta fantastica", ha detto Shiffrin, riferendosi al supporto di Biles sui social media durante i Giochi. "Il fatto che mi abbia detto: 'Sei ancora una delle più grandi atlete del mondo, e queste Olimpiadi non hanno cambiato nulla di tutto ciò.' Significa davvero molto per me".

La Biles aveva partecipato ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020 della scorsa estate, nel 2021, con aspettative simili a quelle della Shiffrin. Nonostante la possibilità di vincere cinque medaglie d'oro, la Biles ha sperimentato quelli che le ginnaste chiamano "twisties", momenti in cui la connessione tra mente e corpo inizia a mancare. Si è resa conto di sentirsi insicura nell'eseguire molte delle esecuzioni che l'avevano resa famosa nel suo sport.

Si è ritirata da quattro finali individuali per dare la priorità alla sua salute mentale, prima di tornare alle competizioni l'ultima notte nella quale è riuscita a vincere un bronzo nella trave.

Per la Shiffrin, le azioni di Biles a Tokyo e il supporto ricevuto a Pechino sono un segnale di cosa potrebbe riservarle il futuro.

"Dopo [Tokyo] ha avuto modo di fare alcune esperienze importanti", ha detto la Shiffrin. “Immagino che stia iniziando a pensare, 'Ehi, sai una cosa? Per quanto orribile sia stato quel momento, semplicemente non è andata... ma non è stato poi così male. Non è stata la cosa peggiore che sia accaduta nella mia carriera'. Molte persone, addirittura, considererebbero quei momenti la cosa migliore che sia accaduta nella sua vita agonistica perché è riuscita a dare a così tante altre persone in tutto il mondo il 'permesso' di essere un po' più vulnerabili".

Shiffrin: "Ho vinto nella mia carriera e vincerò ancora"

A pochi giorni dalle Olimpiadi Invernali del 2022, la Shiffrin sta trovando i lati positivi anche in quella che è stata una grande delusione.

"Ho vinto nella mia carriera e vincerò di nuovo e, ironia della sorte, vincerò anche grazie all'esperienza che ho fatto in queste ultime due settimane in Cina", ha detto. “Sono state alcune delle migliori performance della mia vita: le prime curve che ho fatto nelle gare sono alcune delle più belle che abbia mai fatto; ho iniziato la gara con l'intensità e la mentalità che dovevo avere per avere una possibilità di vincere e salire sul podio”.

Potrebbe ricominciare a vincere già la prossima settimana, infatti, la stagione della Shiffrin è tutt'altro che arresa: andrà direttamente in Europa dove si sta svolgendo il circuito di Coppa del Mondo.

Ma non vuole addolcire la sua esperienza e non ha paura di ammettere che la delusione fa ancora male.

“Siamo qui perché siamo competitivi e lavoriamo giorno dopo giorno per un obiettivo. Vogliamo vincere, e fa male quando non succede, specialmente quando senti di aver fatto del tuo meglio e non è stato abbastanza", ha detto. "Quello ferisce."

Mikaela Shiffrin (USA) scia durante i quarti di finale a Squadre Miste
Foto di 2022 Getty Images

Il dolore era "forse l'unica cosa che poteva prepararmi"

La sua prospettiva è cambiata con l'improvvisa perdita di suo padre, Jeff, nel febbraio 2020. Il dolore l'ha spinta al cambiamento.

"Penso che il mio cuore sappia quali siano le priorità; questa, forse, era l'unica cosa che potesse prepararmi ad alcune delle delusioni che ho provato in questi Giochi", ha detto. "Allo stesso tempo, quando realizzi quali sono le priorità, è come se non avessi mai accettato l'idea di rinunciare a una gara prima di quella perdita [di mio padre], e così non l'ho mai fatto, Non era mai stata nemmeno una possibilità".

"Questa volta è stato come, 'Beh, ci sto provando, il peggio che può succedere, suppongo, sia che non finisca la gara'", ha continuato. "Sono disposta a rischiare perché non è la cosa peggiore che potrà accadere nella mia vita.

SEGUI LE OLIMPIADI IN MODO UNICO.

Eventi sportivi in diretta gratis. Accesso illimitato alle serie. Novità e momenti salienti in esclusiva dalle Olimpiadi