Una squadra dietro la squadra: la medicina sportiva al servizio del sogno Olimpico

Olympics.com ha parlato con i medici brasiliani Leonardo Hirao e Felipe Hardt del ruolo fondamentale della medicina sportiva avanzata - e di un approccio integrato alle prestazioni - nella caccia all'oro Olimpico, in vista dei Giochi Olimpici Invernali di Beijing 2022.

di Virgílio Franceschi Neto

Nello sport è impossibile separare le prestazioni dal corpo di un atleta.

Se il corpo è importante per tutti, gli atleti di alto livello dipendono in maniera totale da esso per l'ottenimento dei migliori risultati. È lo stesso per tutti gli sport: su piste di atletica, prati e campi e, sì, anche sul ghiaccio e sulla neve dei Giochi Invernali.

La medicina dello sport ha fatto grandi progressi negli ultimi anni, fino a diventare parte integrante del funzionamento tecnico delle squadre.

Mancano pochi mesi ai Giochi Olimpici Invernali di Beijing 2022 ed è proprio alla vigilia di eventi così importanti che le meraviglie della medicina sportiva sono più sollecitate. Come evitare dolore e lesioni? Questa è una domanda comune a qualsiasi evento. o ancora: se si verificano lesioni o dolore, qual è il modo migliore per trattarli?

In questo capitolo della serie "La squadra dietro la squadra", Olympics.com ha parlato con Leonardo Hirao e Felipe Hardt, medici della squadra Olimpica brasiliana, anche loro presenti ai Giochi Invernali di Pechino, che si svolgeranno dal 4 al 20 febbraio.

Un atleta Olimpico del Team Brasile durante un trattamento medico. Foto: Brazilian Olympic Committee

Leonardo Hirao: "Ogni centesimo conta"

Ex nuotatore in un importante club sportivo nella sua città natale di San Paolo, Hirao ha optato per un futuro nella medicina: ha iniziato i suoi studi avanzati durante un programma incentrato esclusivamente sulla medicina dello sport presso l'Università di San Paolo, negli anni 10 del 21° secolo.

"Mi piace tutto della medicina dello sport e dell'alto rendimento. Dal giorno uno [dei programmi] fino all'ultimo, l'intero ciclo...poter far parte di questo il mondo è molto bello", riflette Hirao.

L'obiettivo ideale per un medico nel mondo dello sport è la prevenzione degli infortuni, ma ovviamente, nello sport, ciò non è sempre possibile.

"È possibile [evitare determinate lesioni] quando identifichiamo i fattori che portano alla lesione. Questo processo inizia con l'allenamento dell'atleta", ha detto Hirao. "La prevenzione parte da allenatori e preparatori fisici. I medici si occupano delle conseguenze, sì, ma sono molto più concentrati sulla ricerca e sull'identificazione delle cause degli infortuni".

"Può essere l'atleta più forte - il più veloce, il più preparato, il più stabile - ma è soggetto a tutto", ha aggiunto Hirao.

Leonardo ha lavorato con molti atleti in circostanze estreme. Ha ricordato, che durante unaselezione nazionale per i Giochi Olimpici, un atleta aveva problemi ai tendini. Hirao ha suggerito un farmaco che avrebbe alleviato il dolore durante la competizione.

"Ogni centesimo [di secondo] conta", aveva detto Hirao a quell'atleta. E alla fine si è rivelato verissimo: al traguardo, il tempo migliore è stato raggiunto solo per quel centesimo di secondo considerato dal medico. "Una questione di dettagli".

Questa è l'essenza delle alte prestazioni. Sono quei piccoli dettagli che possono vederti vincere o perdere una medaglia. Il limite viene inseguito quotidianamente. Ecco perché si dedica tanto lavoro per adattarsi al clima e al fuso orario durante le grandi competizioni.

Il follow-up medico può diventare più importante dell'intervento stesso.

I medici analizzano costantemente la biomeccanica e i marker biochimici per scoprire se l'atleta risponde adeguatamente alle sessioni di allenamento. In questo modo la squadra, nel suo insieme, può sapere se è necessario rallentare o se c'è l'opportunità di aumentare l'intensità verso risultati migliori.

Lo staff medico si prende cura di Leonardo Vial Tercariol del Team Brazil
Foto di GETTY IMAGES

La medicina dello sport, in questi giorni, lavora sotto un ombrello. Non si tratta di identificare una lesione, fare una diagnosi, eseguire un esame e stabilire una linea d'azione per il recupero. Questo è un approccio antiquato. È più del semplice intervento chirurgico. Follow-up e supporto sono cruciali: è un approccio globale in cui tutte la parti lavorano all’unisono, in maniera trasversale.

Felipe Hardt: "La cosa più importante è la quotidianità"

"Facciamo questo lavoro fianco a fianco ai nostri colleghi professionisti di altre aree. È necessario fare un tipo di lavoro orizzontale, combinando la parte fisica con quella mentale dell'atleta", ha affermato Felipe Hardt, anche lui medico sportivo.

Per Hardt, formatosi sempre nel College of Sport and Physical Education presso l'Università di San Paolo, è necessario lavorare quotidianamente tanto sulla ricerca scientifica che con la metodologia ad alte prestazioni, per applicare le soluzioni nella pratica e contribuire al monitoraggio, alla preparazione e alla performace di un atleta. "L'ideale è andare oltre gli infortuni e le questioni ortopediche, e concentrarsi maggiormente sulla scienza dello sport".

Hardt, nato a Joinville, a Santa Catarina, è medico del Comitato Olimpico Brasiliano dal 2013 ed è così appassionato di ciò che fa che non può praticare lo sport senza prestare attenzione ai minimi dettagli della sua professione. "È difficile, sì", ha ammesso. "Ho sempre un occhio critico. Analizzo sempre tutto. Lo faccio naturalmente ".

L'evoluzione dei recenti risultati del Brasile ai Giochi Olimpici, sia estivi che invernali, è, per Hardt, responsabilità e punto focale del team medico. "Oggi siamo in grado di monitorare tutto molto presto, su base giornaliera", ha affermato. "Facciamo pochissimi interventi non programmati, sulla situazione degli atleti ".

Un atleta Olimpico del team Brazil, durante un trattamento con lo staff medico. Foto: Brazilian Olympic Committee

Uno dei suoi interventi più importanti è stato con Thiago Braz, il campione Olimpico di salto con l'asta di Rio 2016.

"È bello sapere che sono stato in grado di educare gli atleti e di avere relazioni con loro. Atleti che non solo si comportano bene ma che hanno conoscenza della propria salute", così Hardt, che ha lavorato con Braz per oltre dieci anni. "Loro [gli atleti] hanno gli strumenti, l'autonomia e le intuizioni per sapere cosa è e cosa non è adeguato per il loro allenamento e preparazione. Questa è la cosa più rilevante. Non è solo operare su un infortunio, guarire ed essere un campione. Che cosa si costruisce quotidianamente è la cosa più impattante."

Un rapporto di fiducia

L'approccio ad alte prestazioni crea un vantaggio per gli atleti e richiede molta attenzione da parte dei singoli membri dello staff tecnico. Il contributo dei progressi tecnologici e della ricerca scientifica all'approccio competitivo globale è innegabile. È chiaro, ascoltando sia Hirao che Hardt, che la cura più vicina e il rapporto personale tra medico e atleta saranno sempre di più di primaria importanza.

Il rapporto tra atleta e medico richiede totale fiducia e apertura.

"Ricevo spesso telefonate da atleti brasiliani professionisti che vivono all'estero e hanno domande per noi", ha detto Hardt. "Ti dà un'idea di quanto si fidano di noi."

La strada per Pechino 2022

I due medici brasiliani saranno presenti a Pechino 2022, a febbraio. Sono pienamente consapevoli delle sfide che i Giochi Invernali presenteranno, mettendo alla prova l’efficacia della medicina sportiva brasiliana. Cercano, sempre, di saperne di più sugli sport invernali e sul background degli atleti che in corsa per competere a questi Giochi.

"Dobbiamo ancora imparare molto sugli sport invernali. Molto", ha ammesso Hardt, a proposito del suo paese, dove i Giochi Estivi hanno storicamente, e per ovvie ragioni di clima e cultura, la precedenza. "Il nostro è uno scenario che ha vissuto già dieci anni di sport estivi, prima di Londra 2012. Vediamo cosa ci chiederanno gli atleti, speriamo di poter fare il nostro meglio, in questo momento - alla vigilia di Pechino - e durante i Giochi."

"La medicina dello sport è fondamentale perché facilita le decisioni degli allenatori", ha concluso Hirao. "È possibile fare sport ad alte prestazioni senza la medicina sportiva? Sì, ma non aspettarti la stessa efficienza o risultati".

SEGUI LE OLIMPIADI IN MODO UNICO.

Eventi sportivi in diretta gratis. Accesso illimitato alle serie. Novità e momenti salienti in esclusiva dalle Olimpiadi