Paralimpiadi Tokyo 2020 - giorno 7: Italia show nel paraciclismo, nuoto da favola e Legnante d'argento

Cascata di medaglie d'argento per la spedizione italiana: Legnante nell'atletica leggera, Cornegliani, Mazzone, Porcellato e Farroni nel paraciclismo, Amodeo e Raimondi nel nuoto. Brilla l'oro in vasca di Giulia Terzi e il bronzo grintoso di Xenia Palazzo.

Foto di 2021 Getty Images

Assunta Legnante è la prima medaglia azzurra del settimo giorno delle Paralimpiadi di Tokyo 2020

Ci pensa Assunta Legnante a riprendere il discorso medaglie dove era finito ieri, proprio allo Stadio Olimpico di Tokyo, e lo fa nella sessione mattutina (ora giapponese) di atletica.

Anche lei in gara da "outsider", come il compagno di squadra Oney Tapia, ma a discipline invertite: il disco non è la sua specialità preferita, dato che l'azzurra è fuoriclasse - nonchè campionessa Paralimpica in carica - nel getto del peso.

Eppure il "cannoncino" campano non si pone limiti e non solo ottiene un argento spettacolare, ma lancia oltre il record europeo e mette la propria firma al primato del lancio del disco femminile categoria F11, aggiungendo un'altra medaglia nell'atletica leggera azzurra.

Ultima rotazione da spericolata e un 40.25 che è semplicemente storico, dopo tre nulli che avebbero impensierito chiunque. Si piazza alle spalle dell'insormontabile 40.83 (al terzo tentativo) di sua maestà Liangmin Zhang, la cinese detentrice del record Paralimpico e del mondo, che oggi ha deciso di lanciare il disco 41 centimetri più in là del primato mondiale. Alla colombiana Yesenia Maria Restrepo Muñoz la medaglia di bronzo, con la misura di 36.11m.

LEGGI ANCHE: Paralimpiadi Tokyo, giorno 10: il nuoto azzurro si congeda alla grande, in totale regala 39 podi su 65!

Poker d'argento all'esordio del paraciclismo azzurro: Porcellato, Mazzone, Cornegliani e Farroni volano fino alla medaglia numero 39

Prima giornata di paraciclismo su strada al Fuji Internaational Speedway, in quello che sarebbe stato il giorno delle gare di Alex Zanardi. Non c'è il campione azzurro, ma è un'assenza solo fisica, perchè ci pensano i suoi compagni di squadra a tenere alta e chiara la luce del movimento Paralimpico, alle pendici del monte Fuji.

Luca Mazzone, Francesca Porcellato, Fabrizio Cornegliani e Giorgio Farroni hanno fatto incetta d'argento sull'asfalto giapponese, con un poker di podi che fa arrivare a 39 il numero di medaglie dell'Italia, andando a eguagliare il medagliere complessivo delle Paralimpiadi di Rio 2016 (10 ori, 14 argenti, 15 bronzi).

Francesca Porcellato
Foto di 2021 Getty Images

Francesca Porcellato si conferma una colonna portante del Paralimpismo italiano (dal 1988 si divide tra atletica, sci e ciclismo), e si mette l'argento al collo nella crono femminile H1-3. Luca Mazzone, nella crono maschile H2, fa una gara altrettanto superba che lo separa dall'oro per un soffio; ma è un argento, quello del cinquantenne pugliese, che sublima una carriera da gigante: dal nuoto di Sydney 2000 (due argenti), è passato alla bici, e a Rio 2016 ha vinto l'oro a squadre insieme a Vittorio Podestà e Alex Zanardi.

Luca Mazzone
Foto di 2021 Getty Images

Ma oggi non ci sono solo le leggende italiane a dare conferme: Fabrizio Cornegliano è al suo esordio ai Giochi e lo fa in grande, nonostante la caduta, conquistando l'argento nella cronometro H1 maschile.

Infine, tocca a Giorgio Farroni, nella T1-2, fregiarsi della medaglia 39, spianando la strada all'impresa della spedizione Paralimpica azzurra di Tokyo, lasciandola a un passo dalla quota 40, come non succedeva da Atlanta 1996 (45).

Fabrizio Cornegliani
Foto di 2021 Getty Images

I podi azzurri nelle cronometro di paraciclismo a Tokyo 2020

Categoria H1-3 femminile

  1. Annika Zeyen (GER) 32:46.97

  2. Francesca Porcellato (ITA) 33:30.52

  3. Renata Kaluza (POL) 33:50.32

Categoria H2 maschile

  1. Sergio Muñoz Garrote (ESP) 31:23.53

  2. Luca Mazzone (ITA) 31:23.79

  3. Florian Jouanny (FRA) 32:41.62

Categoria H1 maschile

  1. Nicolas Pieterdu Preez (RSA) 43:49.41

  2. Fabrizio Cornegliani (ITA) 45:44.56

  3. Maxime Hordies (BEL) 47:01.23

Categoria T1-2 maschile

  1. Jianxin Chen (CHN) 25:00.32
  2. Giorgio Farroni (ITA) 27:49.78
  3. Tim Celen (BEL) 30:44.21

Ancora acque magiche per il nuoto: Italia a segno con Amodeo, Palazzo, Terzi e Raimondi

Tutto è pronto per la 400 stile libero S8 e si inizia con la maschile. Alberto Amodeo è entrato in finale con il settimo tempo ma non risparmia nemmeno una goccia di sudore nella gara che conta.

Va caccia del trionfo senza mollare mai la presa dello statunitense Matthew Torres, davanti all'azzurro per oltre metà gara, e nel finale lo surclassa insinuandosi sul podio, dietro all'RPC Andrei Nikolaev, per il quinto argento di questa giornata - già memorabile -per i colori italiani.

Alberto Amodeo
Foto di 2021 Getty Images

Xenia Palazzo, nella corrispondente femminile di Amodeo, ha come vicine di corsia due totem della specialità: le statunitensi Morgan Stickney e Jessica Long. Ma se le favorite scavano il fossato, Palazzo è decisa e si va a prendere l'impossibile, centrando il podio con un bronzo in cui è l'unica in gara a stare sotto i 5 minuti, al pari delle statunitensi: Stickney è oro con 4:42.39, Long si prende l'argento 4:43.41 e Palazzo chiude il podio con il crono di 4:56.79.

Xenia Francesca Palazzo
Foto di 2021 Getty Images

Nella finale 100 stile libero S7 c'è una maestosa Giulia Terzi che nuota in 1:09.21, va sotto il suo record europeo (1:10.48) e sigla il nuovo primato Paralimpico. Non è un oro il suo ma un tornado: 33.50 secondi per primi 50 metri, sempre al comando ma con una progressione straordinaria negli ultimi cinquanta metri. La gara è di quelle combattutissime, con le statunitensi favorite per il podio ma nella mischia si buttano Yelyzaveta Mereshko dell'Ucraina e la cinese Yuyan Jiang, in un ex aequo di bronzo. La medaglia d'argento andrà a Mckenzie Coan (USA).

Stefano Raimondi si tuffa nella finale dei 100 farfalla con già tre medalle al collo (nei 100 rana, stile e nella 4x10 sl maschile) e nella S10 fa il suo miglior personale (55.04).

Si rende protagonista di un testa a testa per l'oro, negli ultimi 25 metri, con l'ucraino Maksym Krypak, che conferma i pronostici della viglia e si va a prendere l'oro timbrando 54.15 e il nuovo record del mondo, a -0.89 dall'azzurro.

In vasca anche Federico Menciotti, settimo con un tempo di 58.65, mentre nella corrispondente femminile dei 100 farfalla S10, Alessia Scortechini non arriva al bronzo per un soffio.

Gli azzurri e le azzurre oncludono questa giornata del nuoto con un oro, due argenti e un bronzo. Nel nuoto il totale di medaglie provvisorio è di 10 ori, 11 argenti e 6 bronzi (27 medaglie).

LEGGI ANCHE: Paralimpiadi, Tokyo 2020 come Seul 1988: 10 podi azzurri nel nono giorno, per l'Italia sono 58 medaglie.

Stefano Raimondi e Maksym Krypak
Foto di 2021 Getty Images

Medagliere Italia provvisorio dei Giochi Paralimpici Estivi di Tokyo 2020, 31 agosto

L'Italia chiude con 43 podi e al 9º posto nel medagliere, in questa settima giornata delle Paralimpiadi:

  • 11 ori
  • 18 argenti
  • 14 bronzi

LEGGI ANCHE:Sabatini, Caironi e Contrafatto strepitose, è tripletta azzurra sul podio Paralimpico dei 100 m: oro e record del mondo della giovanissima toscana, 14.11!