Le celebrazioni più belle dei Giochi Olimpici Invernali

Cosa passa per la testa degli atleti e delle atlete quando si rendono conto di aver vinto una medaglia Olimpica? A volte, basta guardare le loro reazioni per averne un’idea. Olympics.com fa una selezione dei festeggiamenti memorabili dei Giochi Olimpici Invernali, mentre diamo il benvenuto al nuovo anno e ci prepariamo a Beijing 2022.

di Vikram Mahendra
Foto di Richard Heathcote/Getty Images

Il nuovo anno è arrivato e mancano poco più di 30 giorni ai Giochi Olimpici Invernali! Ripercorriamo i festeggiamenti più belli delle vittorie Olimpiche, in attesa di vederne di nuove, a Beijing 2022…

Gli USA festeggiano il "miracolo sul ghiaccio"

La squadra di hockey su ghiaccio maschile degli Stati Uniti si è resa protagonista di uno dei momenti più belli della storia delle Olimpiadi Invernali. Si tratta della finale in cui ha battuto l'Unione Sovietica, ai Giochi di Lake Placid 1980. Comprensibilmente, la loro gioia divenne incontenibile quando risuonò la sirena che sancì ufficialmente un finale da favola.

L’oro di Baiul per l'Ucraina

Ai Giochi Olimpici Invernali di Lillehammer 1994, l'ucraina Oksana Baiul non solo è diventata la prima pattinatrice della sua nazione a vincere una medaglia d'oro, ma ha anche avuto l'onore di essere incoronata prima campionessa Olimpica ucraina dopo l'indipendenza. Portagonista di una routine impeccabile, la sedicenne si abbandonò alle lacrime una volta salita sul podio.

Pioggia di Winnie the Pooh su Hanyu

Il giapponese Hanyu Yuzuru si muove sul ghiaccio come pochi altri nella storia del pattinaggio di figura, quasi come se la pista fosse la sua seconda casa. Durante i Giochi del 2018, a PyeongChang, ha messo in scena una performance indimenticabile piena di stile ed eleganza. L'oro era una conclusione scontata, ma quello che seguì fu una tempesta letterale di peluche sulla pista di pattinaggio, una sorta di segno d’amore della folla al campione giapponese.

Il quartetto dello short track conquista il primo oro per l’Ungheria

I fratelli Shaolin Liu e Shaoang Liu, insieme a Viktor Knoch e Csaba Burjan, hanno vinto la prima medaglia d'oro Olimpica invernale dell'Ungheria, a PyeongChang 2018, quando hanno trionfato nella staffetta di short track maschile dei 5.000 m. Assistere alla loro reazione è stato davvero speciale.

Marit Bjørgen diventa la migliore fondista di sempre

La fondista norvegese Marit Bjørgen è diventata l'Olimpionica più decorata nella storia dei Giochi Invernali quando ha vinto la sua 15ma medaglia a Pyeongchang 2018. La leggendaria atleta non ha potuto nascondere l'incredibile gioia sul suo viso quando è salita sul podio.

Il sogno più sfrenato di Steven Bradbury diventa realtà

Prima dei Giochi di Salt Lake City 2002, Steven Bradbury non si era mai avvicinato alla possibilità di vincere una medaglia Olimpica. Tuttavia, lo sport è pieno di gloriose sorprese e la sfortuna dei suoi concorrenti ha dato al pattinatore australiano l'opportunità di realizzare il suo sogno di una vita.

Finisce l'attesa decennale di Jansen

Come ci si sente a realizzare un sogno dopo 10 anni di duro lavoro, grandi difficoltà e ostacoli? Basta chiedere al pattinatore di velocità statunitense Daniel Jansen. Nonostante un'illustre carriera ricca di titoli internazionali, la medaglia d'oro Olimpica era sfuggita a Jansen da Belgrado 1984 fino al 1994. Ma ai Giochi di Lillehammer, nella sua ultima gara, lo statunitense ha finalmente ottenuto il premio che i suoi sforzi meritavano...

Jim Shea raccoglie l'eredità di famiglia

Lo statunitense Jim Shea era sotto notevole pressione mentre si dirigeva ai Giochi Olimpici Invernali di Salt Lake City 2002 per gareggiare nello skeleton. Non solo avrebbe corso sul suolo di casa, ma doveva fare i conti con l'enorme pressione derivante dall'"eredità" Olimpica della sua famiglia, come quella di essere nipote di Jack, suo nonno e pluripremiata medaglia d'oro. Ai Giochi di Salt Lake City, Jim non ha deluso e ha custodito il patrimonio della sua famiglia, aggiungendo un altro capitolo glorioso alla storia Shea.

L'argento indimenticabile di Ito Midori

La pattinatrice giapponese Ito Midori è probabilmente una delle più grandi atlete a non aver mai vinto una medaglia d'oro Olimpica. Tuttavia, ciò non le ha impedito di produrre uno dei più alti momenti nella storia delle Olimpiadi Invernali, ai Giochi di Albertville 1992. Contro artiste del calibro di Tonya Harding, Nancy Kerrigan e Surya Bonaly, quello che le serviva era realizzare qualcosa all’altezza delle sfidanti. Conclusione? Riuscì ad atterrare il triplo axel.

Una medaglia d'oro per 4

PyeongChang 2018 ha visto un evento raro nella storia della competizione. Il duo canadese Justin Kripps e Alexander Kopacz ha concluso esattamente nello stesso tempo dei tedeschi Francesco Friedrich e Thorsten Margis nella finale a due, condividendo così la medaglia d'oro. È stata solo la seconda volta nella storia della competizione che è accaduto.

La medaglia d'oro che Vonn ha rischiato di non vincere

Prima di Vancouver 2010, un infortunio ha quasi messo Lindsey Vonn fuori dalla corsa ai Giochi Olimpici Invernali. Tuttavia, il caldo in Canada ha ritardato la gara di sci alpino e ha dato a Vonn il tempo di riprendersi. Alla fine, si è verificato tutto ciò di cui aveva bisogno per appagare la sua incredibile fame di medaglia d'oro.

SEGUI LE OLIMPIADI IN MODO UNICO.

Eventi sportivi in diretta gratis. Accesso illimitato alle serie. Novità e momenti salienti in esclusiva dalle Olimpiadi