L'addio scintillante del canadese Brian McKeever a Beijing 2022 e a una leggendaria carriera Paralimpicia

Ai suoi ultimi Giochi, il 42enne fondista nordamericano ha conquistato la 16ma medaglia d'oro Paralimpica, eguagliando il record di tutti i tempi in coabitazione col tedesco Gerd Schoenfelder. Ma domenica potrebbe andare anche oltre nella staffetta mista.

Sci Nordico Paralimpico
Foto di 2022 Getty Images

Brian McKeever si congeda con stile.

Il Paralimpico più decorato del Canada ha messo in saccoccia la sua 16a medaglia d'oro Paralimpica personale nella gara di para sci di fondo distanza media vision impaired maschile ai Giochi Paralimpici Invernali di Pechino 2022, sabato 12 marzo.

Correndo con la guida Graham Nishikawa, il 42enne nordamericano ha raggiunto con il sommo tedesco dello sci alpino, Gerd Schoenfelder, che deteneva il maggior numero di titoli Paralimpici maschili individuali.

È la sua terza medaglia d'oro a Pechino, seguita ai due titoli negli eventi di sprint e distanza lunga vision impaired questa settimana a Zhangjiakou.

Ed è il suo 20° podio nella sua lunga carriera Paralimpica che ha preso il via a Salt Lake City 2002. E non è ancora finita.

Il canadese può superare Schoenfelder nell'evento finale della staffetta a squadre di domenica, anche se non è qualcosa che lo sta ossessionando.

"Continuerò a non pensare al record e a continuare ad affrontare una gara alla volta e (provare) a godermi il momento", aveva detto all'inizio di questa settimana.

Oggi McKeever stava sorridendo, come spesso fa, quando Nishikawa si è schiantato sul ghiaccio dopo la gara, esausto, mentre McKeever è rimasto in piedi prima di abbassarsi per aiutarlo ad alzarsi.

"Graham ha fatto un lavoro fantastico. L'abbiamo pressato fin dall'inizio. E lo si è visto, era il ritmo giusto", ha aggiunto McKeever.

"Penso che sia successi perché ho gareggiato col pettorale giusto oggi," ha riso, dopo aver vinto il suo 16mo oro Paralimpico vestendo il pettorale numero 16.

Brian McKeever incassa il 16mo oro Paralimpico

Partendo sedicesimi e ultimi, McKeever e Nishikawa hanno segnato un tempo di 33 minuti e 6.6 secondi, utile per salire sul gradino più alto del podio, quasi un minuto più veloce della medaglia d'argento, lo svedese Zebastian Modin (33:59.1) e dell'ucraino Dmytro Suiarko (34:08.1), che ha guadagnato il bronzo.

Il canadese ha superato il leader americano Jake Adicoff intorno ai 6 km, a metà dei 12,5 km di gara e non si è più voltato indietro.

"Abbiamo parlato molto del ritmo", ha detto McKeever dopo, "il passo in altitudine è la cosa più importante. Se salti in aria in quota, non torni indietro".

"Essendo entrambi due ragazzi che sono cresciuti con l'altitudine, sappiamo cosa significa 'saltare in aria' quando sei qui. Se vai in rosso in quota, non recuperi più".

"Nel riscaldamento e anche ieri ce ne siamo resi conto e ce lo siamo detti".

Siamo sicuri che Brian McKeever si ritirerà?

Dominando ancora una volta il fondo Paralimpico, siamo proprio sicuri che Mckeever non voglia continuare fino a Milano Cortina 2026?

"Siamo in attività da molto tempo. Fin dai tempi delle giovanili ci siamo allenati insieme per molto tempo e siamo amici da sempre", ha detto.

"Nel corso degli anni, però, stiamo invecchiando anche noi. I capelli grigi crescono sempre di più e ci sono molti più acciacchi fisici. Ci piace ancora gareggiare insieme, ma sta diventando sempre più difficile".

"Penso che se proveremo a correre tra quattro anni, arriveremo devastati alla fine"!

Detenere il record di titoli Paralimpici maschili (in coabitazione col tedesco Schoenfelder), è una cosa fantastica.

"Probabilmente torneremo, ma sono sicuro in ruoli più da allenatore e da preparatore degli sci".

Arriverà il 17mo oro perr McKeever nella staffetta di domenica?

Cosa significherebbe per lui diventare il più decorato Paralimpico invernale maschile qualora vincesse il 17 mo oro nella staffetta di domenica?

"Siamo solo felici di essere qui. Dopo 20 anni di attività, è un onore essere ancora parte delle Paralimpiadi".

"Così usciremo ancora fuori per goderci la gara e provare a farci sentire, consci e felici dei bei momenti che abbiamo vissuto e in attesa di finire con un'altra giornata divertente".

Il momento Superbowl di Brian McKeever

Uno dei volti più riconoscibili alle Paralimpiadi Invernali di Pechino 2022, quello di Brian McKeever è apparso in uno spot del Superbowl 2022 in cui ha raccontato la storia della sua vita e di come ha vinto dieci delle sue medaglie d'oro Paralimpiche insieme a suo fratello maggiore Robin.

A 19 anni, il 42enne canadese ha iniziato a perdere la vista a causa della malattia di Stargardt e ha iniziato ad allenarsi con Robin come sua guida, con i fratelli in gara insieme alle Paralimpiadi Invernali fino a Sochi 2014.

McKeever sa tutto sull'essere #StrongerTogether

SEGUI LE OLIMPIADI IN MODO UNICO.

Eventi sportivi in diretta gratis. Accesso illimitato alle serie. Novità e momenti salienti in esclusiva dalle Olimpiadi