Jonas Vingegaard: dal porto di Hanstholm alla vetta dei Grand Tour

Vi raccontiamo qualche curiosità sul 25enne danese che ha tolto la maglia gialla a Tadej Pogacar al Tour de France 2022. Sapevate che sua suocera è una celebrità televisiva?

di Alessandro Poggi

È nata una stella.

Jonas Vingegaard è esploso facendo tremare il mondo del ciclismo quando è riuscito a staccare il campione in carica Tadej Pogacar, sulla salita del Col de Granon, durante l'undicesima tappa del Tour de France 2022, strappando la maglia gialla al fuoriclasse sloveno.

Fun fact: Vingegaard proviene da un paese il cui punto più alto si trova a soli 173 metri sul livello del mare.

Eppure, le montagne sono l'habitat naturale di questo corridore timido ma determinato, che ha scoperto il suo talento per le scalate relativamente tardi, dopo aver lavorato per anni in una fabbrica del pesce quando era adolescente.

LEGGI ANCHE: Grandi ritorni, due ori e 8 podi complessivi: tutti i risultati della squadra italiana ai Mondiali di scherma 2022.

LEGGI ANCHE: Campionati del mondo ciclismo su strada UCI 2022: percorsi, programma, orari con italiani in gara e dove vedere le corse di Wollongong

Sveglia all'alba, direzione porto: il passato di Jonas Vingegaard tra i banchi del pesce

Nato a Hillerslev, nel nord della Danimarca, Vingegaard ha forgiato il suo carattere lavorando in una fabbrica di pesce nel porto di Hanstholm: "Mi piaceva, anche se dovevo svegliarmi alle cinque del mattino. Era rilassante perché non dovevo pensare troppo. Dovevo solo fare gli ordini di sogliole e merluzzi, occuparmi delle fatture e delle aste", ha dichiarato alla Gazzetta dello Sport.

"Non avevo bisogno di lavorare, ma non sapevo ancora se sarei potuto diventare un ciclista professionista. In Danimarca correvo solo un paio di giorni a settimana e in questo modo potevo tenermi occupato senza annoiarmi".

LEGGI ANCHE: Vuelta a España 2022: mini-guida con calendario, tappe e i corridori da tenere d'occhio.

Calcio, pallamano e badminton: Jonas Vingegaard, un fanatico dello sport

Ebbene sì, il ciclismo non è stato il primo amore del ciclista della Jumbo-Visma.

Vingegaard ha praticato molti sport diversi quando era più giovane, tra cui pallamano, nuoto, badminton, e non è riuscito a farcela nel calcio a causa della sua corporatura minuta.

Rimane un grandissimo tifoso del Liverpool ed è stato avvistato più volte sugli spalti di Anfield.

Jonas Vingegaard on his way to clinching his first Grand Tour stage win on 13 July at the 2022 Tour de France

Jonas Vingegaard e le sue straordinarie doti fisiche

Dopo aver visto passare il Giro di Danimarca sotto casa, Vingegaard decise di provare a pedalare.

Si è subito distinto in un test organizzato dal suo club locale per un gruppo di bambini, e dopo qualche settimana ha conquistato il suo primo podio in una gara.

All'inizio della sua carriera il danese non ha avuto modo di farsi notare: le strade piatte e ventose della Danimarca non erano adatte a un "peso leggero" come lui, ma le sue qualità sono emerse non appena ha viaggiato in altri paesi europei.

"Ho scoperto la mia prima salita quando avevo già 16 anni, in Italia. Da quella volta ho capito che non ero affatto male!", ha detto.

Le sue capacità di scalatore sono state notate dalla Jumbo-Visma dopo che, durante un ritiro in Spagna con la sua ex squadra ColoQuick, ha fatto registrare un tempo record sul Coll de Rates.

Una suocera famosa

La suocera di Vingegaard, Rosa Kildhal, in Danimarca è una celebrità.

La mamma di sua moglie (Trine Hansen - la coppia ha una figlia di due anni, Frida) è divenuta famosa grazie al programma televisivo "Great Danish Bake Off".

Kildhal ha un proprio canale Youtube e nel 2018 ha partecipato al "Ballando con le stelle" danese.

Il corridore a volte cucina con lei ed è un fan del purè di patate e dei piatti con il salmone.

Ammiratore di Alberto Contador

La leggenda del ciclismo danese Bjarne Riis è nato a Herning, a circa 100 km da Hillerslev, eppure, l'ultimo danese a vincere il Tour de France nel 1996 - anno di nascita di Vingegaard - non è il suo idolo.

"Ho iniziato a seguire il ciclismo solo quando lui si era già ritirato", ha dichiarato a Velo Magazine.

"Il mio primo idolo è stato Riccardo Ricco, ma la mia ammirazione per lui si è interrotta dopo il suo coinvolgimento nel doping. In seguito il mio corridore preferito è diventato Alberto Contador, per il suo approccio sempre all'attacco e perché è uno che non si arrende mai".

SEGUI LE OLIMPIADI IN MODO UNICO.

Eventi sportivi in diretta gratis. Accesso illimitato alle serie. Novità e momenti salienti in esclusiva dalle Olimpiadi