Dieci decimi: Hashimoto Daiki vede la luce, fino a Parigi 2024

A un anno da Tokyo 2020, il campione Olimpico in carica della ginnastica maschile è determinato a difendere il suo titolo e a riportare l'oro a squadre in Giappone. Il percorso inizia ai Mondiali di Liverpool quest'autunno.

di Shintaro Kano
Foto di 2021 Getty Images

"Vedo il cammino".

Parole illuminanti da parte di un atleta che stava per diventare un campione Olimpico di appena 21 anni.

Si tratta di Hashimoto Daiki, che un anno fa, il 28 luglio, è stato incoronato nuovo campione Olimpico maschile all-around a Tokyo 2020.

Ha scalzato l'allora due volte campione in carica e vero 'GOAT' della ginnastica maschile, Uchimura Kohei, che ha gareggiato solo sulla sbarra a causa dell'usura del suo corpo - un tempo sovrumano.

Il testimone, ufficialmente, è passato di mano e da allora Hashimoto lo usa per indicare il suo cammino verso Parigi 2024.

"È volato", ha detto Hashimoto a proposito dell'anno che è passato dall'oro Olimpico, durante un'intervista esclusiva con Olympics.com, in vista del primo anniversario di Tokyo.

"Anche dopo le Olimpiadi di Tokyo, ci sono state una sfilza di competizioni. Mi sono tenuto occupato ed è passato un anno prima che me ne rendessi davvero conto".

"E' stato solo un anno molto intenso".

Hashimoto Daiki diventa il più giovane campione olimpico di sempre nell'all-around maschile a 19 anni e 355 giorni.
Foto di 2021 Getty Images

Hashimoto ha anche vinto l'oro alla sbarra (Uchimura non è riuscito a raggiungere la finale) e ha aiutato il Giappone a ottenere l'argento nell'evento a squadre.

Dice che ancora oggi guarda le sue esibizioni della scorsa estate quando era "nella sua zona" come non era mai stato prima.

Lo spettacolo che ha messo in scena a Tokyo è diventata la sua asticella, un esercizio così ben eseguito che ha persino colto alla sprovvista lo stesso Hashimoto.

"Ora so quanto fossi concentrato in quel momento", ha detto il nativo della Prefettura di Chiba nella palestra all'avanguardia della sua scuola, la Juntendo University.

“Le riguardo, parecchio in realtà. A Tokyo, il mio corpo si muoveva molto bene. Avevo il pieno controllo e quando ciò accade, porta naturalmente a buoni risultati.

“Non credo di aver commesso un solo errore alle Olimpiadi ed è qualcosa che non avevo mai fatto in nessuna competizione.

"Sono ancora sorpreso dalla prestazione ai Giochi".

Hashimoto ha detto che essere in grado di trasformare la fiducia in convinzione lo ha messo sulla buona strada per Parigi, mentalmente.

“Il mio obiettivo era vincere l'oro Olimpico. Sapevo di potercela fare - ce l'ho fatta”, ha detto.

“Ho sentito la mia forza, i poteri che mi hanno reso il numero 1 al mondo.

“Mi ha dato la fiducia necessaria per lottare, con ancora tutta la mia carriera davanti a me.

“Ho imparato che se do il massimo, i risultati arrivano da soli.

“Non posso accontentarmi di aver vinto l'oro. Devo continuare a lavorare per stare stare meglio. Questo è quello che ho capito”.

Calma apparente

Hashimoto pesa molto le sue parole, non usa mezzi termini e di solito vanno dritte come una freccia.

Ha un modo diretto per far capire il suo punto di vista, simile a quello di Uchimura con i media.

Hashimoto aveva 19 anni durante i suoi primi Giochi, quando è diventato il più giovane campione Olimpico maschile all-around. Il suo oro sulla sbarra è stato il primo del Giappone dopo 37 anni.

L'ottobre successivo ai Campionati del mondo di Kitakyushu, in Giappone - appena un mese prima, aveva gareggiato ai campionati nazionali collegiali - Hashimoto è arrivato secondo sia nell'all-around che nella sbarra, risultato di tutto rispetto.

I riconoscimenti individuali stanno iniziando ad accumularsi e tutto lascia intendere che continuerà così per Hashimoto nel corso degli anni. Ma chiedetegli quali sono i suoi prossimi obiettivi e lui non esita un solo secondo.

Vincere l'evento a squadre, uno degli eventi Olimpici più popolari tra tutti gli sport in Giappone, è estremamente importante per Hashimoto.

C'è una maturità e un altruismo in Hashimoto che vanno oltre i suoi anni.

“Ai campionati del mondo di Liverpool quest'anno, avremo l'evento a squadre.

“Voglio vincere l'oro a squadre e da lì voglio conquistare l'oro nell'all-around.

"Negli ultimi anni abbiamo perso l'oro a squadre. Dobbiamo restare compatti e fare bene come squadra. Questo è l'obiettivo”.

Hashimoto vuole guidare il Giappone all'oro a squadre a Parigi 2024.
Foto di 2021 Getty Images

Lo vedo chiaramente adesso

Hashimoto sarà per sempre grato che Tokyo 2020 si sia potuto disputare. Sa che ci sono voluti molti sacrifici, da molte persone che non hanno guadagnato nulla, perché i Giochi si svolgessero. Tutti i lavoratori in prima linea, i volontari, il personale dietro le quinte. Si rende conto che loro hanno reso possibile Tokyo 2020.

Eppure non è cambiato molto nell'ultimo anno, nonostante le medaglie e la ritrovata attenzione. Niente di tutto questo gli ha dato alla testa.

Non ha fatto pazzie come potrebbe succedere a qualcuno della sua età. Quando Hashimoto ha compiuto 20 anni lo scorso 7 agosto, si è comprato un bel portafogli nuovo, ma questo è tutto.

L'eredità di Tokyo 2020 per Hashimoto è indescrivibile perché è intangibile e perenne.

È illuminato, il che gli permette di vedere chiaramente il percorso. E per questo motivo, potrà visualizzarsi a Parigi tra due anni - in cima al podio, ovviamente.

"Mi vedo vincere l'oro a squadre, e l'oro nell'all-around", dice senza esitare Hashimoto.

“Il mio obiettivo più grande è superare la mia performance di Tokyo. Se riuscirò a farlo, sono convinto di poter vincere sia il titolo a squadre che l'all-around a Parigi.

“Naturalmente sono importanti i risultati, è importante raggiungere gli obiettivi. Ma il vero obiettivo è quello di esibirmi al meglio delle mie capacità".

“Allora sarò davvero riuscito a mostrare una versione migliore di me”.

SEGUI LE OLIMPIADI IN MODO UNICO.

Eventi sportivi in diretta gratis. Accesso illimitato alle serie. Novità e momenti salienti in esclusiva dalle Olimpiadi