Gli eroi degli eroi di Beijing 2022

Valentino Rossi, Lewis Hamilton, Roger Federer... e addirittura un hamster! Pur non essendo presenti alle Olimpiadi invernali, sono stati l'ispirazione per alcuni dei campioni di Pechino 2022. Ecco le muse dietro le nostre eroine e i nostri eroi dei Giochi Olimpici appena conclusi.

di Marta Martín and Sean McAlister
Foto di 2022 Getty Images

Se è vero che non tutti i supereroi e supereroine portano il mantello, questo è letterale per tutti gli Olimpionici.

Tuttavia, a Pechino 2022, c'è chi da eroe si è travestito, come il pilota di skeleton Sungbin Yun (Repubblica di Corea) che, durante i turni di qualificazione, è volato lungo la pista con un casco di Iron Man.

E come in tutte le grandi storie, anche gli atleti che hanno trionfato alle Olimpiadi hanno i loro idoli nel mondo dello sport.

Olympics.com ti porta a scoprire i beniamini e le eroine che hanno ispirato le Olimpiadi di Pechino 2022.

Yun Sungbin - Corea del Sud - Skeleton maschile Beijing 2022
Foto di 2022 Getty Images

Ryan Regez (Svizzera) / Roger Federer

Oro - skicross (sci freestyle)

Ryan Regez aveva ambizioni da supereroe molto prima di essere incoronato campione Olimpico di skicross a Pechino 2022... come Superman delle piste, fin da bambino! Guardare il suo Instagram per credere:

Il nostro Superman delle nevi ha avuto a sua volta i suoi eroi, come lo svizzero Mike Schmid, campione Olimpico di skicross 2010, ma al di là degli sport invernali, i modelli di Regez sono due superstar del mondo del tennis: Roger Federer e Novak Djokovic.

Il pilota svizzero ha tra i suoi miti, sportivi che condividono il suo amore per la velocità come il sette volte campione di Formula 1 Lewis Hamilton.

Regez, alias piccolo Superman, Schmid, Federer, Djokovic e Hamilton: suona bene come cast di un film di supereroi, giusto?

Arianna Fontana (Italia) / Valentino Rossi

Oro - 500m short track

La regina italiana del pattinaggio di velocità su pista corta, sua maestà Arianna Fontana, ha un debole per gli eroi veloci, come il collega re della velocità e connazionale Valentino Rossi, nettamente in cima alla sua lista di idoli.

Alla domanda su quale sarebbe stato l'ospite perfetto per la sua cena ideale, la campionessa Olimpica non ha esitato: The Doctor aka il nove volte campione del mondo di motoGP.

Fontana è diventata l'atleta italiana più premiata ai Giochi Olimpici Invernali di Pechino 2022, concludendo quest'Olimpiade con 11 medaglie a suo nome. L' amore per la velocità non si limita alle sue esibizioni sul ghiaccio ma si estende ai suoi hobby. È una fan dichiarata della MotoGP e ha sempre seguito Rossi, ritiratosi alla fine del 2021, e il compianto Marco Simoncelli.

E indovina? Adora anche i film Fast and Furious!

Tobias Wendl (Germania) / Michael Schumacher

Oro - slittino doppio

Rimanendo in tema di velocità. Anche il sei volte campione Olimpico di slittino Tobias Wendl della Germania ha dichiarato il suo amore per l'adrenalina. Wendl e il partner di lunga data Tobias Arlt hanno gareggiato per la terza medaglia d'oro Olimpica consecutiva di doppio nello slittino senza precedenti a Pechino 2022.

La sua vita e la sua carriera sono imperniate nel suo bisogno di velocità e Wendle annovera il sette volte campione di Formula 1 e connazionale, Michael Schumacher, tra i suoi eroi. Nessuna sorpresa per un tedesco che va a ritmo di scheggia.

Per non parlare degli hobby di Wendl... Guarda il video qua sotto:

Ester Ledecka (Repubblica Ceca) / Jonas Ledecky

Oro - Slalom gigante parallelo (snowboard)

Alcuni Olimpionici hanno dei loro parenti come idoli, mentre qualche parente può trarre da ispirazione dagli atleti di famiglia. nel caso della superstar ceca Ester Ledecka, valgono entrambe le cose.

La tre volte campionessa Olimpica Ledecka ha fatto la storia a PyeongChang 2018 quando è diventata la prima catleta a vincere l'oro in due diversi sport: lo sci alpino e lo snowboard. Ha difeso con successo il suo titolo nello slalom gigante parallelo di snowboard a Pechino 2022.

Il fratello fumettista di Ledecka, Jonas Ledecky, è il suo modello di riferimento, mentre l'Olimpionica funge da musa per le creazioni del fratello. La sciatrice gareggia spesso con tute e abiti da snowboard progettate da Jonas, a tema supereroi.

"Abbiamo sviluppato questa identità segreta. Ha realizzato una per me, così come il mio casco e tutto il resto. Quando sono in piedi al cancelletto di partenza, mi sento come una supereroina, e mi aiuta molto. È bello avere qualcuno così vicino a me che sta creando cose fantastiche da usare nel mio lavoro e nella vita, ed è davvero speciale", ha dichiarato alla FIS Snowboard nel dicembre 2020.

Max Parrot (Canada)/Lewis Hamilton

Oro - slopestyle (snowboard)

"Guerriero" è la parola che meglio descrive il canadese Max Parrot, che è diventato campione Olimpico di slopestyle a Pechino 2022 dopo aver vinto il cancro.

Parrot ha suscitato ammirazione per la sua eroica lotta dopo che gli è stato diagnosticato il linfoma di Hodgkin, una forma di cancro, alla fine del 2018. Ha completato 12 trattamenti chemioterapici - a intervalli di due settimane - fino alla metà del 2019, quando Parrot ha annunciato di aver sconfitto la malattia.

Mentre il tre volte medaglia Olimpica ha ispirato molte persone con la sua storia, Parrot idolatra il sette volte campione di Formula 1 e Lewis Hamilton.

"In realtà ho già incontrato Lewis Hamilton e ammiro davvero il suo lato competitivo. È un tale guerriero quando sale sulla sua macchina e la guida", ha detto Parrot a Olympics.com.

Nathan Chen (USA) / Michael Phelps

Oro - Pattinaggio artistico maschile

È il nuovo campione Olimpico di pattinaggio artistico e, sebbene sia lui fonte di ispirazione per tantissime persone, Nathan Chen ha a sua volta i "propri" eroi: ammira Michelle Kwan, due volte medaglia Olimpica e cinque volte campionessa del mondo nel suo sport. Si ispira ad altri Olimpionici statunitensi, come l'icona del nuoto Michael Phelps (28 volte medaglia Olimpica) e il pattinatore di velocità su pista corta Apolo Anton Ohno (otto volte medaglia Olimpica).

Chen è anche un grande fan del basket... chi potrebbe saltare più in alto? Lui o Stephen Curry?

Erin Jackson (USA) /Brittany Bowe (USA)

Oro - 500 m di pattinaggio di velocità femminile

La star statunitense Erin Jackson è entrata nei libri di storia quando ha vinto il titolo dei 500 metri femminili a Pechino 2022 diventando la prima donna di colore a vincere una medaglia d'oro nel pattinaggio di velocità alle Olimpiadi.

La connazionale e amica Brittany Bowe ha giocato un ruolo significativo nella storica medaglia di Jackson a questi Giochi. La medaglia di bronzo Olimpica di PyeongChang 2018, cinque volte campionessa del mondo e otto volte campionessa del mondo in linea ha fatto notizia per il suo atto di generosità nei confronti di Jackson.

Durante i trials negli Stati Uniti, la numero uno del mondo Jackson è scivolata durante la gara decisiva dei 500 metri ed è arrivata terza con le prime due pattinatrici che si sono guadagnate un pass Olimpico nell'evento.

La prima classificata Bowe ha rinunciato al suo posto dopo essersi già qualificata nei suoi eventi specialistici dei 1000 e 1500 metri.

"Sono senza parole", ha detto Bowe. "È stato un onore dare a qualcuno questa opportunità... Sapevo che aveva la possibilità di fare qualcosa di speciale - e tu hai appena visto che è successo qualcosa di speciale, veder nascere una campionessa Olimpica.

"Non potrei essere più orgogliosa di essere la sua compagna di squadra e sono semplicemente felice di far parte del puzzle. È incredibile. Incredibile".

Nils van der Poel (Sweden) / Rune Larsson

Oro - Pattinaggio di velocità 5.000m e 10.000m

Nils van der Poel guarderà indietro a Pechino 2022 e vedrà bellissimi ricordi di medaglie d'oro nei 5.000 e 10.000 m. Ma il suo ciclo Olimpico in vista dei Giochi non è quello del tipico campione.

L'asso svedese ha concluso al 14° posto nel suo evento specialistico sui 5.000 metri a PyeongChang 2018. La delusione ha costretto Van der Poel a una pausa di due anni dal ghiaccio. Durante questo periodo, ha concentrato la sua attenzione sull'ultra-running.

Van der Poel ha tentato di seguire le orme del suo eroe, il connazionale Rune Larsson, ultrafondista e tre volte vincitore della 246 km Spartathlon.

L'ammirazione tra Van der Poel e Larsson sembra essere reciproca.

“Diversi fattori hanno collaborato per fare di Nils van der Poel il campione Olimpico. Uno di questi è che, in senso letterale e metaforico, era pronto a lasciare strade già battute. Ha trovato il suo modo di allenarsi e vivere. Nella foto, potenzia le sue forze correndo a Hultemossen fuori Trollhättan. Non ci sono sentieri, solo una serie di acri di attrezzature per esercizi naturali", ha detto Larsson su Instagram quando Van der Poel ha vinto la sua prima medaglia d'oro a Pechino 2022.

Julia Marino (USA)/Jackie Robinson

Argento - slopestyle (snowboard)

Ci sono diversi modi per trovare una musa. Guardare le Olimpiadi potrebbe essere uno di questi, ma Julia Marino ha trovato la sua ispirazione attraverso un compito a casa alle scuole medie.

"Alle scuole medie, feci una ricerca su di lui [Jackie Robinson, il primo afroamericano a giocare nella Major League Baseball nell'era moderna] e ho imparato molto sulla sua vita e sulle sfide che ha dovuto affrontare", ha detto Marino in un'intervista con wnyt.com, nel 2017.

"Conoscere l'enorme quantità di difficoltà che ha superato è davvero motivante. Anche nonostante tutto ciò che ha passato, non ha mai permesso a quegli ostacoli di giocare da scusa o impedirgli di raggiungere i suoi obiettivi atletici o i suoi obiettivi per raggiungere l'uguaglianza razziale".

Mikael Kingsbury (Canada) / Michael Phelps

Argento - gobbe (sci freestyle)

Il tre volte medaglia Olimpica Mikael Kingsbury eccelle nei moguls, ma è anche abile nell'hockey su ghiaccio. Tra i suoi idoli c'è il connazionale Sidney Crosby, che vanta medaglie d'oro Olimpiche nell'hockey su ghiaccio.

Quando il ghiaccio si scioglie... appare un'altra idolo. Kingsbury elenca anche Michael Phelps, 23 volte medaglia d'oro Olimpica degli Stati Uniti, come uno dei suoi eroi. Senza dubbio Phelps è un modello da seguire ma difficile da catturare!

Federico Pellegrino (Italia) / Alessandro del Piero

Argento - Sci di fondo TL sprint maschile

Federico Pelligrino rappresenta due must italiani: ama sciare (ed è uno dei migliori in circolazione) e ama il calcio.

Nonostante sia un grande tifoso della Juventus e il suo eroe sia l'ex calciatore italiano Alessandro Del Piero, è il primo a riconoscere il perchè si è dato agli sci e non al pallone... Si distingue sulle piste, ma in uno stadio di calcio? Giudicate voi stessi:

Jessie Diggins (USA) / Oksana Masters

Bronzo - Sci di fondo libero sprint femminile

I Giochi Olimpici Invernali di Pechino 2022 sono finiti, ma stanno arrivando le Paralimpiadi! L'atleta statunitense Oksana Masters è una delle figure di ispirazione dell'asso dello sci di fondo Jessie Diggins.

Masters ha rappresentato il Team USA alle Paralimpiadi invernali ed estive nel 2012, 2014, 2016, 2018 e 2020 nel canottaggio, nello sci di fondo e nell'handbike. È medaglia d'oro sia alle Paralimpiadi invernali che alle estive.

La tre volte medaglia olimpica Diggins ha dichiarato che ammira i Masters "per la sua grinta, grazia, visione positiva di tutte le cose e per come condivide coraggiosamente le sue esperienze per dare forza agli altri".

Jesper Tjader (Svezia) / Hams

Bronzo - Sci slopestyle freestyle

Ed eccoci qua. Potresti aver riconosciuto la maggior parte degli eroi dei nostri Olimpionici finora, ma adesso ti starai chiedendo... chi è Hams?

Lo sciatore svedese di slopestyle Jesper Tjader considera il suo criceto "Hams" il suo eroe. "È il mio mentore e leader spirituale", ha detto Tjader.

Tjader afferma che Hams gli ha insegnato il valore delle piccole cose della vita. E ora Tjader ha conquistato qualcosa di enorme: una medaglia di bronzo Olimpica! Ma la parte triste della storia è che Hams, morto nel 2019, non ha potuto assistere al momento. "Non sarai mai dimenticato", si legge nella biografia di Hams su Instagram.

La storia di come Hams ha ispirato una medaglia Olimpica non sarà mai dimenticata. RIP Hams!

ISCRIVITI PER NON PERDERTI NULLA.

Ricevi notizie, video e highlight dei Giochi olimpici invernali sullo snowboard e molto altro ancora.