Sci alpino, discesa maschile di Kitzbühel: trionfa Kilde, Marsaglia 12° è il miglior azzurro

Aleksander Aamodt Kilde (NOR) conquista la Streif e si prende la vetta della classifica di specialità. Completano il podio a sorpresa i francesi Johan Clarey e Blaise Giezendanner. Lontani dalle posizioni di testa gli azzurri, con Matteo Marsaglia 12° e migliore dei suoi. Attardato Dominik Paris, che perde così il pettorale rosso.

di Luca Lovelli
Foto di 2022 Klaus Pressberger

È Aleksander Aamodt Kilde il re della mitica Streif in questa stagione. Il norvegese, praticamente perfetto nella discesa austriaca, si prende così vittoria e vetta della classifica di specialità. Una prova la cui partenza, a causa del forte vento in quota, era stata ribassata alla Mausefalle e che ha visto un miglioramento delle condizioni meteo per gli sciatori partiti da circa metà gara in poi, favorendo così alcuni colpi di scena.

La doppia sorpresa arriva dalla Francia, con il veterano Johan Clarey capace di piazzarsi sul secondo gradino del podio. Dietro di lui il connazionale Blaise Giezendanner, al via con il pettorale numero 43, che disputa la discesa della vita scalzando il padrone di casa Matthias Mayer dalla terza piazza e centrando così il miglior risultato della carriera.

Niente da fare per Dominik Paris, che su questa pista aveva vinto nel 2013, 2017 e 2019. L'altoatesino non riesce a ripetere le imprese degli scorsi anni e termina la sua prova al 27° posto. Tra gli azzurri, meglio di lui fanno Matteo Marsaglia (12), Guglielmo Bosca (15), Christof Innerhofer (17) e Mattia Casse (26). A chiudere il gruppo tricolore è Pietro Zazzi, che con il 28° posto si prende i primi punti in carriera in Coppa del Mondo.

L'appuntamento è ora fissato a domenica mattina a partire dalle 13 per la seconda discesa in programma sullo stesso tracciato.

LEGGI ANCHE: Dominik Paris: “Voglio il podio di Beijing 2022 per me e per l'Italia”.

SCI ALPINO, DISCESA MASCHILE DI KITZBÜHEL: LA TOP 10 E IL PIAZZAMENTO DEGLI ITALIANI

  • 1 - Aleksander Aamodt KILDE (NOR) 1:55.92
  • 2 - Johan CLAREY (FRA) +0.42
  • 3 - Blaise GIEZENDANNER (FRA) +0.63
  • 4 - Matthias MAYER (AUT) +0.67
  • 5 - Marco ODERMATT (SUI) +0.78
  • 6 - James CRAWFORD (CAN) +1.02
  • 7 - Travis GANONG (USA) +1.06
  • 8 - Beat FEUZ (SUI) +1.14
  • 9 - Niels HINTERMANN (SUI) +1.19
  • 10 - Daniel HEMETSBERGER (AUT) +1.26
  • 12 - Matteo MARSAGLIA (ITA) +1.43
  • 15 - Guglielmo BOSCA (ITA) +1.65
  • 17 - Christof INNERHOFER (ITA) +1.70
  • 26 - Mattia CASSE (ITA) +2.18
  • 27 - Dominik PARIS (ITA) +2.22
  • 28 - Pietro ZAZZI (ITA) +2.33

LEGGI ANCHE: Discipline a confronto, trova le differenze: lo sci alpino.

Le dichiarazioni degli azzurri al termine della gara

Le parole degli atleti italiani rilasciate attraverso i canali ufficiali della Federazione Italiana Sport Invernali.

Dominik Paris: “Si possono dire tante cose ma non ho sciato bene. È possibile che i primi numeri abbiano avuto minore visibilità, ma non cerco scuse: ho sciato male. Vediamo cosa succederà domenica, avremo un’altra possibilità”.

Christof Innerhofer: “Ho sciato come ieri ma non andavo avanti: è stato pazzesco com’ero incollato. Sentivo in stradina come se rallentassi e a quel punto non son riuscito a riprendere velocità con questa neve fresca. In cima ero deciso, convinto, ho cercato di rischiare cercando di sciare in scioltezza e prendendomi i rischi che dovevo prendere ma in stradina avevo la sensazione di essere incollato. Arrivato alla partenza di ieri mi son sentito davvero fermo, domenica sarà un’altra giornata”.

Matteo Marsaglia: “Non mi consola essere il migliore degli italiani anche se è venuta fuori una discreta posizione e prestazione. Non siamo stati molto fortunati col meteo quando siamo scesi noi, non vuol essere una scusa però oggi è stato così. Son contento perché avrei dovuto fare meglio, soprattutto nella parte centrale ed essendo molto attaccati con 3 decimi potevo essere nei primi cinque. Non posso essere troppo dispiaciuto ma potevo fare ancora meglio. Il meteo non sembra bello per domenica ma noi ci speriamo”.

Guglielmo Bosca: “Sono contentissimo. Essere quindicesimo, al miglior risultato in carriera sulla Streif di Kitzbuehel è un’emozione enorme dopo tutto quello che ho passato negli ultimi anni. Qui ho esordito nel 2016, ma è stata la mia prima gara su questa pista e davvero non ci sono parole. E’ qualche anno che riesco a fare parziali, pezzi di pista tra i migliori man on sono mai riuscito a concretizzare. Questo risultato da un sacco di fiducia, sono i miei primi puniti in discesa: adesso ci riproveremo domenica”.

SCI ALPINO: LA TOP 3 DELLA CLASSIFICA DI COPPA DEL MONDO DI DISCESA LIBERA

  • 1 - Aleksander Aamodt KILDE (NOR) 405 punti
  • 2 - Matthias MAYER (AUT) 352
  • 3 - Beat FEUZ (SUI) 337

LEGGI ANCHE: Sci alpino Olimpico a Beijing 2022: cinque cose da sapere.

SCI ALPINO: LA TOP 3 DELLA CLASSIFICA GENERALE DI COPPA DEL MONDO

  • 1 - Marco ODERMATT (SUI) 1120 punti
  • 2 - Aleksander Aamodt KILDE (NOR) 785
  • 3 - Matthias MAYER (AUT) 642

LEGGI ANCHE: Il programma dello sci alpino a Beijing 2022.

SEGUI LE OLIMPIADI IN MODO UNICO.

Eventi sportivi in diretta gratis. Accesso illimitato alle serie. Novità e momenti salienti in esclusiva dalle Olimpiadi