Beijing 2022, annullato il secondo test della discesa femminile

Le condizioni meteo non consentono una seconda prova in sicurezza per le atlete. Sta cadendo tanta neve a Yanqing proprio mentre è in corso il gigante maschile. Fari puntati sulla situazione di Sofia Goggia: dopo la prima prova ufficiale della discesa Olimpica, la bergamasca dovrà aspettare domani per fare il punto sulle sue condizioni nell'ultimo test prima della gara.

di Gisella Fava
Foto di 1 Getty Images

Le discesiste di Beijing 2022 non hanno potuto effettuare la seconda prova cronometrata di sci alpino prevista per le 4 di questa mattina (ora italiana, le 11 a Pechino), 13 febbraio, in vista della gara di martedì - 15 febbraio - sulla Rock di Yanqing.

Si dovrà aspettare la giornata di domani, quando è in programma la terza e ultima prova ufficiale, per mettere a punto le rifiniture, studiare il tracciato, la pista e la neve.

Un inconveniente in più per Sofia Goggia, che dovrà rimandare di un giorno la ricerca del feeling giusto con le nevi di Yanqing, una pista che ha avuto meno modo di sondare rispetto alle sue colleghe, per non parlare delle sciatrici che hanno invece preso parte al super-G dello scorso 11 febbraio, a cui lei ha rinunciato.

Discesa libera femminile Beijing 2022 - Dati tecnici

  • Nome della pista: Rock
  • Altitudine partenza: 2050 m
  • Altitudine arrivo: 1285 m
  • Dislivello: 765 m
  • Lunghezza della pista: 2704 m

In compenso la prova di ieri disputata dalla 29enne azzurra le ha restituito buone sensazioni. Pur senza spingere sugli sci e con una certa cautela, la velocista è apparsa sorridente e in fiducia, dopo aver fatto un crono (non indicativo nel caso della prima prova) di +1.55 dal tempo più veloce (della svizzera Priska Nufer, 1:33.47).

Lei stessa ai microfoni della Rai ha dichiarato subito dopo: “Ho tirato dei grandi "frenoni" ma ci sta, anche perchè nei giorni scorsi ho cercato di fare una progressione veloce, perché il tempo era quello che era. Oggi era importante sentire gli appoggi, non avere nemmeno una curva con l’esterno scarico. Se il mio corpo è nella posizione ideale, allora vado”.

Se da un lato la cancellazione della prova odierna costituisce un'opportunità in meno per Goggia per sintonizzarsi con la Rock, dall'altro consente maggiore recupero al ginocchio della sciatrice, consapevole del fatto che dopo il brutto incidente di Cortina, essere ai Giochi oggi è tutt'altro che scontato: "“Sono contentissima. Dopo il volo di Cortina è già un miracolo essere qua. ... Ho cercato solo di restare sui piedi, di capire il ginocchio, le reazioni, la pista e la neve”.

Scelta del quartetto azzurro rimandata a lunedì 14 febbraio

In Casa Italia si pensa ora al quartetto da selezionare per la start list del 15 febbraio.

Oltre la bergamasca, il ballottaggio sarà tra le sorelle Nicol e Nadia Delago, Federica Brignone e Elena Curtoni. Tuttavia, lo staff tecnico federale, al netto di una prova in meno con cui fare le dovute valutazioni e senza ancora la conferma di quante se ne disputeranno nella giornata di lunedì, ha deciso di non optare per la selezione ma di definire la lista delle quattro azzurre per scelta tecnica.

LEGGI ANCHE: Intervista esclusiva con Sofia Goggia, "Non temo la pressione Olimpica"

AMI LO SCI ALPINO? RESTA AL PASSO.

Ricevi notizie, video e highlight dei Giochi olimpici invernali sullo sci alpino e molto altro ancora.