Snowboard Olimpico a Beijing 2022: cinque cose da sapere

Tutto quello che devi conoscere sulla competizione di snowboard ai Giochi Olimpici Invernali di Beijing 2022!

di Will Imbo

Lo snowboard è uno degli eventi più recenti del programma Olimpico Invernale, essendo stato incluso per la prima volta alle Olimpiadi Invernali del 1998 a Nagano, in Giappone. Ma, nonostante sia stato presente a solo sei edizioni dei Giochi, lo snowboard è diventato uno degli sport più popolari ed emozionanti delle Olimpiadi Invernali.

Ci sono 11 eventi nella competizione di snowboard a Beijing 2022, tra cui lo snowboard cross a squadre miste, che farà il suo debutto alle Olimpiadi Invernali, dopo aver fatto parte dei Giochi Olimpici Giovanili Invernali.

Qui troverete la nostra anteprima per lo snowboard a Beijing 2022, tra cui la storia di questo sport, i rider da seguire, le informazioni sulla sede di gara e altro ancora!

I migliori rider Olimpici a Beijing 2022

La varietà di eventi nello snowboard Olimpico invernale – e le abilità uniche che ogni evento richiede – significa che raramente ci sono medagliati multipli nelle diverse specialità ai Giochi. La dimostrazione a PyeongChang 2018, dove solo un atleta ha ottenuto più di una medaglia: Jamie Anderson (USA) ha vinto l'oro nello slopestyle femminile e l'argento nel big air. Tuttavia, ci sono diversi Olimpionici che hanno conquistato medaglie in più edizioni dei Giochi, e quindi vanno inclusi tra i favoriti per tornare sul podio a Pechino.

Anderson è tra questi. L'americana è bicampionessa Olimpica in carica nello slopestyle femminile oltre che la più vincente nella storia degli X Games, con 17 medaglie: dovesse qualificarsi per la sua terza Olimpiade Invernale di seguito, sarà senza dubbio l’atleta da battere nello slopestyle.

La due volte medaglia Olimpica Eva Samková (CZE) ha vinto l'oro e il bronzo nello snowboard cross, rispettivamente a Sochi 2014 e PyeongChang 2018, ma ha anche centrato l'oro (2019) e il bronzo (2021) nell'evento ai Campionati del mondo. Samková però non sarà a Pechino a causa di un infortunio. Charlotte Bankes (GBR), che ha conquistato l'oro ai Mondiali nel 2021, è sicuramente una delle favorite insieme alla campionessa Olimpica in carica e argento mondiale Michela Moioli (ITA).

Altri nomi che potrebbero essere protagonisti a Pechino sono quelli di Ester Ledecká (CZE) e Chloe Kim (USA), visto che entrambe hanno fatto la storia alle Olimpiadi Invernali 2018.

Ledecká è diventata la prima atleta a vincere due medaglie d'oro alle stesse Olimpiadi Invernali usando due diversi tipi di attrezzatura (sci e snowboard) dopo aver vinto l'oro in super-G nello sci alpino e nello slalom gigante parallelo nello snowboard.

Kim, invece, è diventata la donna più giovane a conquistare una medaglia d'oro Olimpica nello snowboard dopo aver vinto l'oro nell’halfpipe femminile a 17 anni. È anche campionessa mondiale, Olimpica e degli X Games in carica nell'halfpipe, e la prima a vincere il titolo in tutti e tre gli eventi principali e anche alle Olimpiadi giovanili.

In campo maschile, Shaun White (USA) – che detiene il record per il maggior numero di medaglie d'oro Olimpiche conquistate da uno snowboarder (tre) – è lanciato verso la sua quinta Olimpiade Invernale per difendere il titolo nell'halfpipe e raccogliere una storica quarta medaglia nell'evento, dopo le vittorie a PyeongChang 2018, Vancouver 2010 e Torino 2006. Sarà probabilmente ostacolato da Ayumu Hirano (JPN), che ha vinto l'argento nell'halfpipe a PyeongChang e Sochi 2014, e dal tre volte campione del mondo e bronzo di PyeongChang Scotty James (AUS). Yūto Totsuka (JPN) ha conquistato l'oro nell'evento ai Mondiali 2021.

Nello snowboard cross, il ritiro del due volte campione Olimpico in carica Pierre Vaultier (FRA) sta a significare che vedremo una nuova medaglia d'oro nell'evento per la prima volta dal 2010. Il due volte campione Olimpico Lucas Eguibar (ESP) sembra essere il principale favorito per il titolo, dopo aver vinto l'oro ai Campionati del mondo 2021.

Altri nomi da tenere d'occhio in campo maschile includono il tre volte Campione del mondo Dmitry Loginov (ROC) (slalom gigante parallelo nel '19 e '21, slalom parallelo nel '19), l'oro di PyeongChang nello slopestyle Red Gerard (USA), Sébastien Toutant (CAN), medaglia d'oro nel big air a PyeongChang e Benjamin Karl (AUT), due volte medaglia Olimpica e cinque volte Campione del mondo (slalom parallelo nel '09, '11, '21, slalom gigante parallelo nell’ '11 e '13).

Il programma dello snowboard Olimpico a Beijing 2022

La competizione di snowboard avrà luogo dal 5 al 15 febbraio 2022.

La sede di gara dello snowboard Olimpico a Beijing 2022

La competizione di snowboard si svolgerà al Parco Genting Snow nel cluster di Zhangjiakou, dove si svolgeranno anche le gare di freestyle, sci di fondo, combinata nordica, salto con gli sci e biathlon. Dopo le Olimpiadi Invernali, il luogo sarà convertito in una stazione sciistica.

L'evento big air si svolgerà al Big Air Shougang, situato nel parco industriale di Shougang. La sede è la prima struttura permanente della disciplina al mondo, e sarà utilizzata dal pubblico per scopi ricreativi dopo i Giochi.

Format della competizione Olimpica a Beijing 2022

La competizione di snowboard a Beijing 2022 sarà caratterizzata da 11 eventi, tra cui il nuovo evento di snowboard cross a squadre miste.

Uomini & Donne

  • Slalom gigante parallelo
  • Snowboard cross
  • Halfpipe
  • Slopestyle
  • Big air

Snowboard cross a squadre miste

Nelle gare di halfpipe, slopestyle e big air, la run di ogni evento viene valutata da una giuria che giudica i rider in base alla difficoltà dei trick, all'esecuzione, alla completezza della tecnica e all'atterraggio dei salti. Negli eventi di snowboard cross, slalom gigante parallelo e snowboard cross a squadre miste, invece, il primo a tagliare il traguardo è il vincitore.

Sono 230 i posti totali a disposizione – più altri otto per il Paese ospitante – per gli atleti in cerca della qualificazione all’evento di snowboard a Beijing 2022.

Storia dello snowboard Olimpico

Lo snowboard ha origine come sport nell'America degli anni '60, quando la gente cercava nuove attività ricreative invernali. Si pensa che sia stato praticato per la prima volta nel 1968, quando un ingegnere del Michigan di nome Sherman Poppen mise insieme due sci e attaccò una corda a un'estremità per far scivolare i suoi bambini in discesa.

Poppen chiamò il dispositivo "snurfer" e diede in licenza l'idea a un produttore, finendo per vendere oltre mezzo milione di prodotti solo nel 1968!

Alla fine degli anni '70 i rider cominciarono a "invadere" le stazioni sciistiche tradizionali, ma affrontarono l'opposizione degli sciatori che cercarono di escluderli dalle "loro" montagne. Negli anni ‘90, tuttavia, quasi tutte le stazioni sciistiche hanno accettato lo snowboard, e le stazioni hanno scoperto che i rider sono una discreta fonte di nuove entrate.

I primi campionati nazionali di snowboard si sono tenuti negli Stati Uniti nel 1982, con il primo Campionato del mondo a seguire un anno dopo. L’International Snowboarding Federation (ISF) si formò sette anni dopo e la International Ski Federation (FIS) introdusse lo snowboard come disciplina FIS nel 1994, aiutando a spianare la strada al debutto dello snowboard alle Olimpiadi Invernali di Nagano nel 1998. Le gare maschili e femminili sono state disputate nello slalom gigante e nell'halfpipe, e ai Giochi di Salt Lake City del 2002 sono stati aggiunti al programma lo slalom gigante parallelo e l'halfpipe. Lo snowboard cross ha fatto il suo debutto a Torino 2006, con slopestyle e slalom parallelo aggiunti nel 2014. Il big air ha fatto il suo debutto a PyeongChang 2018, e lo snowboard cross a squadre miste sarà l'ultimo evento a unirsi al programma Olimpico della disciplina quando debutterà a Beijing 2022.

SEGUI LE OLIMPIADI IN MODO UNICO.

Eventi sportivi in diretta gratis. Accesso illimitato alle serie. Novità e momenti salienti in esclusiva dalle Olimpiadi