Foto di 2018 Getty Images

Pattinaggio di velocità alle Olimpiadi di Beijing 2022: cinque cose da sapere

La tua guida completa al pattinaggio di velocità ai Giochi Olimpici Invernali di Beijing del 2022, compresi gli atleti migliori, le informazioni sulla sede di gara, il programma e altro ancora!
di Will Imbo

Il pattinaggio di velocità è una delle tre discipline di pattinaggio alle Olimpiadi Invernali, insieme al pattinaggio di figura e allo short track.

Con 14 eventi da medaglia in programma, il pattinaggio di velocità è lo sport più importante (per numero di eventi) a Beijing 2022.

Quindi, chi sono gli atleti da tenere d'occhio nella competizione? Qual è la storia Olimpica dello sport?

I migliori pattinatori Olimpici a Beijing 2022

Sven Kramer (NED) continua a essere un nome top in campo maschile. La superstar olandese è il primo pattinatore di velocità della storia a vincere quattro campionati mondiali all round consecutivi, e inoltre ha conquistato nove medaglie Olimpiche (tra cui l'oro nei 5000m alle Olimpiadi di Vancouver 2010, Sochi 2014 e Pyeongchang 2018, insieme a un altro oro nell’inseguimento a squadre a Sochi 2014). Kramer a Pechino punterà a competere nella sua quinta Olimpiade consecutiva.

Il curriculum di Kramer è impressionante, ma è ancora secondo alla leggendaria Ireen Wüst (NED) quando si tratta di medaglie Olimpiche. La pattinatrice di velocità olandese è l'olimpionica attiva più decorata con 11 medaglie, e ha già cementato la sua eredità nella storia delle Olimpiadi Invernali diventando la prima atleta ad aver vinto una medaglia d'oro in un evento individuale in quattro diversi Giochi Invernali.

Solo sei atleti estivi hanno raggiunto questa impresa, e se Wüst vincerà di nuovo l'oro a Pechino, sarà la prima e unica atleta ad aver vinto l'oro in cinque edizioni dei Giochi. Wüst è la campionessa Olimpica e mondiale all round in carica nei 1500m, e ha detto che porrà fine alla sua carriera al termine della stagione delle Olimpiadi Invernali di Beijing 2022.

Altri atleti che potrebbero essere in corsa per il podio ai Giochi includono Kjeld Nuis (NED), medaglia d'oro nei 1000m e 1500m a PyeongChang; Antoinette de Jong (NED), medaglia di bronzo nei 3000m a PyeongChang, Campione del mondo in carica nei 3000m; Irene Schouten (NED), medaglia di bronzo 2018 nella mass start, Campionessa del mondo in carica nei 5000m; Nils van der Poel (SWE), detentore del record mondiale e Campione del mondo in carica nei 10000m e nei 5000m e, naturalmente, le squadre maschili e femminili olandesi nell'inseguimento a squadre.

Programma del pattinaggio di velocità Olimpico a Beijing 2022

La competizione del pattinaggio di velocità si terrà dal 5 febbraio al 19 febbraio 2022.

Sede del pattinaggio di velocità Olimpico a Beijing 2022

Tutti gli eventi del pattinaggio di velocità si svolgeranno presso il l’Ovale Nazionale (noto anche come “Ice Ribbon”), che è costruito sul sito dell'ex campo di hockey su prato Olimpico e del campo di tiro con l'arco Olimpico durante i Giochi Estivi del 2008.

L'Ice Ribbon è il primo impianto Olimpico invernale al mondo che utilizza la tecnologia di raffreddamento diretto ad anidride carbonica, e produrrà la più grande superficie di ghiaccio in Asia con una superficie di 12.000 metri quadrati. L’impianto sarà in grado di ospitare 12.000 spettatori (6.800 posti permanenti e 5.200 temporanei) durante i Giochi.

L’Ovale Nazionale può produrre ghiaccio in base alle esigenze dei diversi sport e ai loro standard.

Format della competizione di pattinaggio di velocità Olimpico a Beijing 2022

Il pattinaggio di velocità sarà caratterizzato da un totale di 14 eventi alle Olimpiadi invernali – sette per gli uomini e sette per le donne.

Uomini: 500m, 1000m, 1500m, 5000m, 10.000m, mass start e inseguimento a squadre

Donne: 500m, 1000m, 1500m, 3000m, 5000m, mass start e inseguimento a squadre

Un totale di 112 posti è disponibile per gli atleti a caccia del pass per competere ai Giochi.

Storia del pattinaggio di velocità alle Olimpiadi

Il pattinaggio di velocità fece il suo debutto Olimpico ai Giochi Invernali inaugurali di Chamonix, in Francia, nel 1924. Tuttavia, le donne furono autorizzate a competere nella disciplina solo ai Giochi di Lake Placid nel 1932, ma all’epoca solo come sport dimostrativo. Il pattinaggio di velocità femminile fu ufficialmente incluso nel programma Olimpico ai Giochi di Squaw Valley del 1960.

Quasi tutti gli eventi di pattinaggio di velocità consistono di due pattinatori in gara uno contro all'altro, con ogni concorrente che cerca di staccare il tempo più veloce tra tutti gli altri in competizione, non solo migliore di quello contro cui gareggia (salvo per gli eventi di mass start e inseguimento a squadre, introdotti nel programma Olimpico rispettivamente nel 2018 e 2006).

Eppure, ai Giochi Olimpici Invernali del 1932, gli statunitensi organizzarono eventi in “stile americano” che si basavano su una mass start – invece del comune formato contro il tempo. Come risultato, un certo numero di concorrenti europei boicottò le gare, permettendo agli Stati Uniti di vincere quattro medaglie d'oro. Questo sistema avrebbe dato vita allo short track, che fu aggiunto al programma Olimpico di Albertville nel 1992.

L’Olanda è di gran lunga la nazione di maggior successo nel pattinaggio di velocità con 42 medaglie d'oro (121 in totale). Di queste, Ireen Wüst ne ha conquistate addirittura 11, con cinque ori. È la pattinatrice di velocità più decorata nella storia delle Olimpiadi Invernali. Sven Kramer è il pattinatore di velocità Olimpico maschile più glorioso, con nove medaglie (quattro ori).

Gli Stati Uniti sono al secondo posto nel medagliere all times (29 ori, 68 totale), con la Norvegia al terzo (27 ori, 84 totale). Lo statunitense Eric Heiden ha vinto cinque ori in ogni evento del pattinaggio di velocità alle Olimpiadi Invernali del 1980 a Lake Placid, più di qualsiasi altro olimpionico invernale in una singola edizione dei Giochi.